Aggiungere un indirizzo IPv4 e/o IPv6 pubblico su un server Linux (CentOS Stream 8)

Per server cloud

Questo articolo ti spiega come aggiungere ulteriori indirizzi IPv4 e IPv6 pubblici su un server con installato CentOS Stream 8.

Per farlo, procedi seguendo le istruzioni riportate di seguito:

Requisiti
  • Hai assegnato uno o più indirizzi IPv4 e/o IPv6 pubblici aggiuntivi al tuo server nel Cloud Panel.

  • Hai effettuato l'accesso al server.

  • Hai annotato gli indirizzi IPv4 e IPv6 del server.

Individuare l'interfaccia di rete

Per identificare il nome del file dell'interfaccia di rete, immetti il seguente comando:

[root@localhost ~]# ip addr

Visualizzare il server DNS predefinito

  • Per visualizzare i server DNS utilizzati, inserisci i seguenti comandi:
    [root@localhost ~]# curl http://169.254.169.254/latest/meta_data/dns/nameservers -Lv

    [root@localhost ~]# curl http://169.254.169.254/latest/meta_data/dns/nameservers6 -Lv

  • I server DNS utilizzati vengono visualizzati alla fine dell'output. Esempio:
    [root@localhost ~]# curl http://169.254.169.254/latest/meta_data/dns/nameservers -Lv
    * Trying 169.254.169.254...
    * TCP_NODELAY set
    * Connected to 169.254.169.254 (169.254.169.254) porta 80 (#0)
    > GET /latest/meta_data/dns/nameservers HTTP/1.1
    > Host: 169.254.169.254
    > User-Agent: curl/7.61.1
    > Accept: */*
    >
    < HTTP/1.1 200 OK
    < Date: Thu, 08 Sep 2022 12:19:36 GMT
    < Server: Apache
    < Strict-Transport-Security: max-age=63072000; includeSubDomains
    < Vary: Accept-Encoding
    < Access-Control-Allow-Origin: *
    < Access-Control-Allow-Headers: X-TOKEN, X-HASH, X-MICROTIME, X-USER, Content-Type, X-API-TOKEN, Authorization
    < Access-Control-Allow-Methods: PUT, GET, POST, DELETE, OPTIONS
    < Access-Control-Expose-Headers: Error-Msg
    < Cache-control: no-cache, no-store, max-age=0
    < Access-Control-Allow-Origin: *
    < Access-Control-Allow-Headers: X-TOKEN, X-HASH, X-MICROTIME, Content-Type, X-API-TOKEN, Authorisation
    < Access-Control-Allow-Methods: PUT, GET, POST, DELETE, OPTIONS
    < Access-Control-Expose-Headers: Error-Msg
    < Transfer-Encoding: chunked
    < Content-Type: text/plain;charset=UTF-8
    <
    212.227.123.16,212.227.123.17
    * Connection #0 to host 169.254.169.254 left intact

  • Nell'esempio precedente, i server DNS vengono riportati sopra la riga * Connection #0 to host 169.254.169.254 left intact.

Visualizzare il gateway per IPv4 e IPv6

  • Per visualizzare il gateway predefinito dell'interfaccia attiva, inserisci i seguenti comandi:

    IPv4:
    [root@localhost ~]# ip route show | grep 'default'
    IPv6:
    [root@localhost ~]# ip -6 route show | grep 'default'

  • Prendi nota dei gateway.

Aggiungere indirizzi IPv4 e IPv6

  • Apri il file /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-ens192 con l'editor vi. Immetti il seguente comando:
    [root@localhost ~]# vi /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-ens192

Nota bene
  • L'editor vi ha una modalità di inserimento e una modalità di comando. È possibile richiamare la modalità di inserimento con il tasto [i]. In questa modalità, i caratteri digitati vengono immediatamente inseriti nel testo. Per accedere alla modalità di comando, premi il tasto [ESC]. Quando si utilizza la modalità di comando, i tasti vengono interpretati come comandi.

  • Per uscire da vi e salvare il file, immetti il comando :wq e premi Invio.

  • Aggiungi le seguenti voci:
    NAME=Public_<Interface_Device>
    TYPE=Ethernet
    DEVICE=<Interface_Device>
    ONBOOT=yes
    BOOTPROTO=none
    IPADDR=<Indirizzo IPv4 principale>
    PREFIX=32
    GATEWAY=10.255.255.1
    DNS1=<DNS-Server 1>
    DNS2=<DNS-Server 2>
    IPV6INIT=yes
    IPV6_AUTOCONF=no
    DHCPV6C=no
    IPV6ADDR=<Indirizzo IPv6 principale>/64
    IPV6_DEFAULTGW=fe80::1%<Interface_Device>

  • Alla voce DEVICE= inserisci il dispositivo ens192 e per DNS1 e DNS2 inserisci i server DNS annotati al passaggio precedente. Dopo IPADDR0 inserisci l'indirizzo IPv4 principale e dopo IPV6ADDR l'indirizzo IPv6 principale.

  • Per configurare gli indirizzi IPv4 aggiuntivi, inserisci le seguenti voci:
    IPADDR1=<Indirizzo IPv4 aggiuntivo;
    PREFIX1=32
    IPADDR2=<Indirizzo IPv4 aggiuntivo;
    PREFIX2=32
    IPADDRN=<Indirizzo IPv4 aggiuntivo;
    PREFIXN=32

    Sostituisci ora la parte <Indirizzo IPv4 aggiuntivo> con l'indirizzo desiderato.

  • Per configurare gli indirizzi IPv6 aggiuntivi, inserisci la seguente voce:
    IPV6ADDR_SECONDARIES=<Indirizzo IPv6 aggiuntivo>/64
    Anche in questo caso, modifica il comando inserendo l'indirizzo IPv6 aggiuntivo desiderato. Per configurare diversi indirizzi IPv6 aggiuntivi, inseriscili uno dopo l'altro. Utilizza uno spazio per separare gli indirizzi IPv6.

    L'esempio seguente mostra una voce completa per la configurazione di un indirizzo IPv4 principale, un indirizzo IPv6 principale, un indirizzo IPv4 aggiuntivo e un indirizzo IPv6 aggiuntivo.

    NAME=Public_ens192
    TYPE=Ethernet
    DEVICE=ens192
    ONBOOT=yes
    BOOTPROTO=none
    IPADDR=217.160.244.40
    PREFIX=32
    IPADDR1=212.227.213.81
    PREFIX1=32
    GATEWAY=10.255.255.1
    DNS1=212.227.123.16
    DNS2=212.227.123.17
    IPV6INIT=yes
    IPV6_AUTOCONF=no
    DHCPV6C=no
    IPV6ADDR=2001:8d8:1801:8329::1/64
    IPV6ADDR_SECONDARIES=2001:8d8:1801:8329::2/64
    IPV6_DEFAULTGW=fe80::1%ens192

  • Riavvia il server per applicare le modifiche. Per farlo, inserisci il seguente comando:
    [root@localhost ~]# systemctl reboot

  • Accedi nuovamente al server.

  • Per verificare se gli indirizzi IPv4 e IPv6 sono stati configurati correttamente, inserisci il comando ip addr show:
    [root@localhost ~]# ip addr show

Nota bene

Se il server non è più accessibile a causa di un errore di configurazione, è possibile accedervi utilizzando la console KVM e quindi correggerne la configurazione.