Creare un Load Balancer

In questo articolo ti mostriamo come creare un Load Balancer nel tuo Cloud Panel. Con un Load Balancer puoi massimizzare l'elaborazione dei dati e al contempo ridurre al minimo il carico per il server. I Load Balancer possono valutare il carico massimo possibile e i tempi di risposta dei singoli server e quindi ripartire il traffico su più server per mezzo di regole. L'utilizzo dei Load Balancer è utile quando le tue applicazioni web devono essere messe a disposizione da più server e deve essere garantita un'alta disponibilità. Questo riguarda ad esempio i siti web che hanno un alto numero di visitatori.

Per creare un Load Balancer, procedi come segue:

  • Su IONOS, apri la sezione Server & Cloud e, se possiedi più di un contratto, seleziona quello desiderato.
    Accedi e apri la sezione Server & CloudApri la sezione Server & Cloud

  • Nel menu a sinistra, clicca su Rete > Load Balancing.

  • Clicca in alto su Crea.

  • Inserisci un nome per il Load Balancer.

  • Definisci la configurazione del Load Balancer:

    • Nell'elenco Protocollo, seleziona un protocollo.

    • Nel campo Porta sul Balancer, inserisci la porta del Load Balancer che deve essere utilizzata per verificare il traffico.

    • Nel campo Porta sui server, inserisci la porta del server alla quale deve essere inoltrato il traffico proveniente dal Load Balancer.

  • Nel campo Indirizzo IPv4 consentito inserisci l'indirizzo (gli indirizzi) IP per il quale (i quali) deve essere abilitato l'accesso API. Puoi inserire più indirizzi IP separandoli con una virgola.

    • Tutti: l'accesso alla porta del Load Balancer è consentito a qualsiasi indirizzo IP.

    • Indirizzo IP: l'accesso alla porta del Load Balancer è possibile esclusivamente con l'indirizzo IP da te inserito.

    • Sottorete: l'accesso alla porta del Load Balancer è possibile con qualsiasi indirizzo IP presente nella sottorete.

  • Per creare la regola di configurazione, clicca su .
    Se necessario, crea ulteriori regole di configurazione.

  • Seleziona il centro di calcolo.

Nota bene:

I Load Balancer devono essere configurati separatamente per ogni centro di calcolo. Ad esempio: se hai configurato un server in un centro di calcolo negli USA, puoi assegnare questo server solo ad un Load Balancer ospitato nello stesso centro di calcolo.

  • Nella sezione Altre impostazioni, clicca su Visualizza.

  • Clicca su .

  • Attiva o disattiva il controllo stato.

    • Controllare porta TCP: il Load Balancer controlla che le porte da bilanciare siano aperte. L'intervallo può essere determinato con una precisione nell'ordine di secondi.

    • Disattivato: il controllo stato viene disattivato.

    • Test ICMP: il Load Balancer verifica se è possibile la comunicazione tramite ICMP.

    • HTTP: il Load Balancer verifica se è possibile la comunicazione tramite HTTP.

    • HTTPS: il Load Balancer verifica se è possibile la comunicazione tramite HTTPS.

  • Inserisci un intervallo.

  • Opzionale: se hai selezionato il controllo stato HTTP o HTTPS, nel campo URL: inserisci gli URL da monitorare, e nel campo Risultato atteso inserisci il risultato previsto.

  • Attiva o disattiva l'opzione Persistenza.

    Attivando l'opzione Persistenza, tutte le richieste di un computer verranno inoltrate allo stesso server nell'intervallo di tempo da te definito.

  • Opzionale: nel campo Tempo inserisci l'intervallo desiderato.

  • Seleziona il processo di bilanciamento che preferisci:

    • Round Robin: ripartizione uniforme del traffico tra tutti i server associati al Load Balancer.

    • Connessioni minime: deviazione del traffico verso i server che al momento elaborano un traffico inferiore.

  • Clicca su Crea.

Il Load Balancer viene creato.