Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso.
OK

Configurare un data center virtuale con Data Center Designer.

Operatività semplice - Impiego efficiente

IaaS facile grazie al Data Center Designer della soluzione Enterprise Cloud

La configurazione flessibile dell’informatica aziendale nel cloud pubblico costituisce una tappa del percorso verso la trasformazione dell’intera infrastruttura IT per affrontare le sfide future in tutta sicurezza. Per semplificare l’allestimento di un data centervirtuale abbiamo sviluppato il Data Center Designer (DCD). Questo rientra per noi nel concetto di “servizio” relativo a Iaas, ossia “Infrastructure as a Service”.

L’interfaccia grafica basata su browser del DCD vi fornisce tutti gli strumenti per predisporre rapidamente un data center proprio da adattare successivamente. Puoi creare un’infrastruttura IT virtuale esattamente in base alle tue esigenze.

Il DCD:
facile da usare

Il Data Center Designer funziona in modo semplicissimo: trascinate e organizzate i componenti su whiteboard in base alle vostre esigenze.

Questi i componenti a vostra disposizione: – Live Vertical Scaling consente di scalare le risorse tramite regolatore a barra:

  • Server:

    puoi impostare il server utilizzato in base alle necessità della tua azienda. Core e spazio di memoria sono scalabili a piacere.

  • Storage:

    puoi scegliere anche il numero e le dimensioni delle unità di storage HDD e SSD. Puoi assegnare ai server la quantità di memoria necessaria o dispositivi CD-ROM.

  • Load balancing:

    puoi aggiungere alla tua infrastruttura uno o più bilanciatori per ripartire uniformemente il carico su diversi server, evitando i sovraccarichi.

  • Connessione in rete:

    crea connessioni tra i tuoi server e accessi internet con il mouse.

  • Firewalls:

    è possibile aggiungere firewall a protezione dell’infrastruttura

Sbagliare in questo contesto è impossibile. Il Data Center Designer verifica in tempo reale la plausibilità della configurazione. Qui è possibile testare il DCD.

Flessibilità nell’impiego di RAM e core

Se scegli i processori AMD puoi aggiungere fino a 62 core e 240 GB di RAM a ciascun server. Nel caso della CPU Intel è possibile impiegare fino a 27 core Hyper-Threading e 120 GB di RAM per ciascuna istanza di server. Puoi attingere a piene mani anche alla memoria: scegli tra 16 TB di memoria SSD o 1 TB di memoria SSD per istanza.

La base: il Software Defined Data Center (SDDC)

Fornendo un Software Defined Data Center (SDDC) ) completo, non limitato all’hardware dedicato, la soluzione Enterprise Cloud ti consente di modulare tutti i componenti del tuo data center virtuale tramite DCD. Il software provvede in questo caso all’amministrazione dei componenti astratti. Anziché virtualizzare solo lo storage o il server, con SDDC forniamo virtualmente il data center completo.

Il Software Defined Networking regola in background l’interazione dei componenti. Il compito di generare i rispettivi comandi di protocollo è affidato al DCD.

Eseguite operazioni complesse con il Data Center Designer.

Grazie al facile impiego del DCD puoi effettuare anche impostazioni complesse: tramite l’IP Manager puoi riservare e gestire gli indirizzi IP nella tua rete virtuale, assegnare diritti e associare blocchi IP a gruppi diversi. Nel caso una configurazione DHCP non vada a buon fine è possibile utilizzare il DCD anche per assegnare gli indirizzi IP manualmente, tramite console remota. Tramite la console puoi intervenire sui server anche quando la connessione via SSH o RDP non è possibile.

Image Manager incluso nel DCD

Con Image Manager potete amministrare immagini e istantanee.

Le immagini HDD e ISO caricate sono riportate sull’image manager per consentirti di avere una visione d’insieme, filtrare i file e amministrare i diritti. Le immagini si possono aggiungere facilmente al data center via connessione FTP.

Funzionamento  del server ad hoc grazie all’automatismo start/stop.

Altra utile funzione del Data Center Designer è lo start/stop automatico: quando un server dell’infrastruttura non è più necessario, è opportuno disattivarlo per ridurre i costi. Con lo start/stop automatico puoi disattivare i server non necessari liberando CPU. Così facendo vengono cancellati componenti che tuttavia rimangono sul whiteboard, così da poter essere riavviati secondo necessità.

Accesso al data center virtuale in qualsiasi momento

Grazie al Data Center Designer di Enterprise Cloud potete configurare le risorse in modo semplice e rapido – 24 ore al giorno, anche durante il funzionamento. Poiché non tutti i responsabili IT operano con un’interfaccia grafica, è possibile inoltre controllare il data center virtuale via API REST cloud. La nostra community DevOps ti illustra ulteriori possibilità di adattare l’infrastruttura alle tue specifiche esigenze con SDK, tutorial e moduli completi per un’ampia gamma di microservizi.