Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso.
OK

Software Defined Data Center

Il data center del futuro: interamente basato su software, a costi efficienti ed elevata flessibilità, alta disponibilità e adeguato alle singole esigenze.

Software defined data center

Il cloud computing è arrivato in azienda. Il data center del futuro non si troverà più presso la sede aziendale: gli utenti ricorreranno sempre più spesso a capacità esterne sotto forma di servizio fornito da un provider di cloud computing. Il Software defined data center (data center definiti via software, SDDC) del cloud pubblico è una logica conseguenza di tale evoluzione. Risorse virtuali ad alta disponibilità, scalabili in qualsiasi momento, fornite secondo necessità e fatturate in base all’utilizzo: il Software defined data center, vista come la soluzione del futuro non solo dai provider di cloud computer, ma in misura crescente anche da sistemisti, esperti, analisti nonché dalle società di ricerche di mercato.

Provalo gratuitamente

SDDC - l’astrazione di tutti i componenti del data center

Nel suo studio “Server and Data Center Predictions”, l’istituto di ricerche di mercato Forrester Research ha constatato che il Software defined data center, come approccio organizzativo per infrastrutture IT virtualizzate complesse, acquisterà importanza sempre maggiore in futuro. In tal senso, i provider di cloud computing ormai offrono molto più che un servizio di semplice archiviazione o server comerisorsa virtuale. SDDC significa piuttosto l’astrazione dell’intero data center basato sul software. Questo significa che un data center definito via software è interamente virtualizzato in tutti i suoi componenti. Oltre a server e capacità di memoria, tramite software vengono rappresentati, forniti e gestiti in automatico anche network comprensivi di switch e bilanciamento di carico, nonché di firewall e sistemi di sicurezza.

DI vantaggi del Software defined data center

Il Software defined data center (SDDC) costituisce la base di un’architettura di data center innovativa, che offre all’utente estrema flessibilità, a fronte di massima efficienza in rapporto ai costi. La scalabilità sia orizzontale che verticale consente di aggiungere, ridurre o disattivare serviziin qualsiasi momento. Il cliente, in qualsiasi circostanza, ha pertanto a disposizione l’infrastruttura IT dimensionata in base alle esigenze del momento. Un SDDC presso un provider di cloud hosting non richiede hardware fisico in loco, ma è fornito come servizio; pertanto vengono meno gli investimenti in hardware come anche le spese gestionali correnti.

Accedere all’SDDC con un click

Il provider di cloud hosting mette a disposizione la funzione di amministrazione, attraverso la quale l’utente può gestire via software il proprio data center virtuale. L’amministratore di rete può allestire il Software defined data center e non è più costretto a effettuare impegnative programmazioni: agirà come l’utente di un’infrastruttura che non viene più gestita fisicamente.

A tale scopo,1&1 IONOS hha sviluppato lo speciale Data Center Designer (DCD), che offre un’interfaccia grafica con cui è possibile combinare e adattare i componenti di un data center virtuale. Una moderna API (REST) per cloud consente, inoltre, di gestire l’operatività quotidiana e di predisporre o disattivare risorse.

OSebbene gli sviluppi nel campo del data center definito via software siano ancora agli inizi, i vantaggi di un’infrastruttura IT flessibile e automatizzata ad altro grado di astrazione sono già evidenti. Scalabilità, tempi brevi di reazione, flessibilità ed efficienza in termini di costi: tutti aspetti che individuano nel Software defined data center la soluzionedel futuro.

DEMO LIVE