Il piano di investimento in sintesi

Ogni attività imprenditoriale è legata agli investimenti. Un investimento è un impiego a lungo termine di una somma di denaro in beni materiali e immateriali. Gli investimenti non riguardano solo il capitale fisso di un'impresa, ma anche, indirettamente, il capitale circolante. Il piano di investimento è, perciò, una componente centrale della pianificazione della strategia d’impresa. Il piano degli investimenti figura nel business plan nell’ambito della pianificazione finanziaria.

Gli investimenti non sono solo associati a capitale elevato e a lungo termine; le decisioni di investimenti hanno un impatto significativo anche sulla struttura dei costi di un’azienda. Prima di investire denaro in un progetto commerciale, è opportuno determinare nel modo più preciso possibile il capitale che si intende impiegare per realizzare il progetto.

I requisiti patrimoniali di un investimento sono determinati nell'ambito di un piano di investimento, che funge da base per il calcolo degli investimenti e per la previsione di redditività. L'elenco di tutti i costi associati a un investimento è, dunque, il presupposto per la sua valutazione dal punto di vista aziendale.

Di seguito vi mostriamo come elaborare un piano degli investimenti nell'ambito di un business plan per mettere a punto una pianificazione strategica o operativa d’impresa.

Che cos'è un piano di investimento?

Un piano di investimento è un elenco in forma di tabella di tutti gli oggetti legati a un determinato investimento e dei relativi costi. Va sottolineato che il piano degli investimenti riporta soltanto le spese sostenute come costi una tantum nelle fasi di investimento e di avviamento.

Una panoramica dei costi mensili correnti (ad esempio i costi del personale) viene creata indipendentemente dal piano di investimento nel piano dei mezzi di produzione.

Il piano degli investimenti e il piano dei mezzi di produzione rientrano, infine, nella pianificazione dei requisiti patrimoniali.

Definizione

Il piano di investimento è un elenco di tutti i costi sostenuti una sola volta nella fase iniziale di un investimento. Insieme al piano dei mezzi di produzione, in cui sono registrati i costi correnti di un'azienda, il piano degli investimenti è incluso nella pianificazione dei requisiti di capitale. La pianificazione dei requisiti patrimoniali, a sua volta, è parte integrante della pianificazione finanziaria nell'ambito del business plan.

Nella gestione delle attività imprenditoriali viene sempre elaborato un piano di investimento qualora si debba prendere una decisione in materia di investimenti, di solito per uno dei seguenti casi:

  • Investimento iniziale: per investimento iniziale si intende l’acquisizione di tutti gli attivi necessari all’attività imprenditoriale per la creazione di una nuova impresa.
  • Investimento sostitutivo: se un bene dell'impresa viene sostituito da uno nuovo, allora si parla di investimento sostitutivo.
  • Investimento di razionalizzazione: gli investimenti che consentono un risparmio sui costi sono chiamati investimenti di razionalizzazione.
  • Investimento di espansione: l’ampliamento dell'attività aziendale richiede l'acquisizione di beni; in questo caso si parla di investimenti di espansione.

In quanto appartenente a un piano finanziario globale, il piano di investimento non è solo un fondamento del business plan, ma anche un documento d’orientamento per progetti di finanziamento. Si tratta, dunque, di un prerequisito per l’approvvigionamento di capitali. Organizzate il piano degli investimenti in maniera chiara e trasparente, in modo che i potenziali investitori, come banche o investitori privati, possano farsi un’idea generale di tutte le spese associate all'investimento. In genere, si ottiene un prestito per investimenti solo se i finanziatori hanno ben compreso la finalità ultima dei fondi.

Struttura e contenuto del piano di investimento

Il piano di investimento comprende tutte le spese una tantum per tutti gli oggetti legati a un investimento specifico, inclusi i costi da sostenere nella fase iniziale per il finanziamento della commessa. Se si tratta di un finanziamento iniziale nell’ambito della creazione di una nuova impresa, il piano degli investimenti contiene, inoltre, tutti i costi relativi alla creazione.

Non esiste nessuno schema ufficiale di riferimento per la struttura e il contenuto del piano di investimento. Vi illustriamo la struttura di un piano di investimento sul modello di un investimento iniziale basato sullo schema seguente:

  1. Requisiti patrimoniali per la costituzione (formale)
  2. Requisiti patrimoniali per le spese operative correnti nella fase iniziale
  3. Requisiti patrimoniali per gli investimenti nel capitale fisso
  4. Requisiti patrimoniali per gli investimenti nel capitale circolante
  5. Spese per il servizio del debito

Se il vostro progetto d'investimento è un investimento iniziale, inserite i costi di avviamento separatamente nel piano degli investimenti. I requisiti patrimoniali per la costituzione formale comprendono tutte le spese sostenute per la preparazione della costituzione, ad esempio i costi di consulenza e le spese per le registrazioni, i permessi o i certificati autenticati.

Oltre a ciò, gli investimenti sono di norma correlati alle spese per beni materiali e immateriali. Si distingue tra capitale fisso e capitale circolante. Il capitale fisso comprende tutti i beni che si acquisiscono nel corso di un investimento per un utilizzo permanente nell'impresa, ad esempio beni materiali, macchinari o veicoli, ma anche beni immateriali come licenze e brevetti. Le voci patrimoniali quali i beni, i materiali o le materie prime finalizzati alla vendita, al consumo o alla lavorazione e che pertanto rimangono in azienda solo per un breve periodo di tempo, fanno parte del capitale circolante.

Nel caso di investimenti finanziati totalmente o in parte con capitale di prestito, è necessario registrare nel piano di investimento anche i costi degli interessi e le spese di rimborso rateale.

  1. Costi di apertura/spese una tantum nella fase iniziale
    1. Deposito cauzionale
    2. Avvocato
    3. Consulente fiscale
    4. Consulente aziendale
    5. Dichiarazione di inizio attività
    6. Sviluppo di un progetto aziendale
    7. Pubblicità di lancio
    8. Creazione di un sito web
    9. Inaugurazione
    10. Informazioni di mercato
    11. Registrazioni/permessi
    12. Iscrizione nel registro delle imprese
    13. Notaio
    14. Riserve per la fase iniziale, investimenti ulteriori e imprevisti
  2. Capitale fisso
    1. Diritti di brevetto, licenza e franchising
    2. Proprietà/beni immobili compresi costi accessori
    3. Impianti di produzione, macchine, utensili
    4. Attrezzature operative e d’ufficio
    5. Tecnologie di comunicazione (PC, telefono, ecc.)
    6. Software
    7. Veicoli
  3. Capitale circolante
    1. Magazzino e deposito
    2. Materie prime e forniture
  4. Servizio del debito
    1. Interessi per mutui per l'avvio di attività/prestiti bancari
    2. Estinzione

Nel piano di investimento si sommano tutte le informazioni sopra elencate. La somma finale del piano degli investimenti indica quanto capitale è necessario nella fase iniziale dell'investimento per realizzare il progetto pianificato.

È importante che siano disponibili offerte concrete per le singole voci di costo. Solo così potete essere certi che l'importo dell'investimento richiesto venga registrato nel modo più dettagliato possibile.

Il piano di investimento come parte del business plan

Il piano di investimento, come sezione del piano finanziario, fa parte del business plan. In genere, nel piano finanziario figura insieme al piano dei fattori di produzione.

Mentre il piano di investimento copre solo i costi una tantum e le spese aggiuntive durante la fase di avvio, il piano dei fattori di produzione fornisce ai potenziali investitori una panoramica dei costi correnti dell’azienda.

Rientrano tra i fattori di produzione:

  • costi del personale (inclusi i costi salariali e i costi salariali accessori), lo stipendio dell’amministratore delegato della società (tutti i costi, inclusi i costi salariali accessori).
  • eventuale stipendio dell'imprenditore (per le imprese individuali e le società di persone a garanzia del costo della vita privata)
  • affitti, proprietà, leasing
  • deposito cauzionale
  • riscaldamento, elettricità, acqua, gas
  • costi di sviluppo del mercato (pubblicità, marketing)
  • costi dei veicoli
  • spese di viaggio
  • telefono, fax, internet
  • materiale d’ufficio
  • imballaggi
  • assicurazioni
  • contributi (ad esempio camere, associazioni professionali)
  • consulenza (avvocato, consulente aziendale, consulente fiscale)
  • altre spese

Se si aggiunge l'importo dell'investimento determinato nel piano degli investimenti alla somma dei costi correnti registrati nel piano dei fattori di produzione, si ottengono i requisiti patrimoniali della propria azienda.

Se questi requisiti patrimoniali vengono soddisfatti, sarà indicato nel piano di finanziamento, un’ulteriore sezione del piano finanziario. Poiché i progetti d'investimento sono solitamente finanziati attraverso un mix di capitale proprio, prestiti promozionali e crediti bancari, nella pianificazione dei requisiti di capitale occorre imprescindibilmente tenere conto degli interessi e delle rate di rimborso. Le difficoltà temporanee si possono prevedere grazie a un’anteprima di liquidità.

Inoltre, è necessario assicurarsi che l’azienda riesca a coprire tutti i costi operativi e il loro sostentamento dopo la fase di avvio calcolata e che non si temano perdite nel lungo termine. Se il vostro investimento ha successo, calcolate una previsione di redditività, che si inserisce sempre nel piano finanziario. Se si desidera stimare il confronto tra il proprio investimento e le opportunità di investimento alternative, è possibile utilizzare un metodo di calcolo dell'investimento come il metodo VAN (valore attuale netto).

Vi preghiamo di osservare la nota legale relativa a questo articolo.


Un attimo: abbiamo ancora qualcosa per te!
Web hosting a partir da 1 €/mese per un anno!

Dominio gratis
Certificato SSL Wildcard incluso
Assistenza clienti 24/7
A partire da 1 €/mese IVA escl. per un anno,
poi 8 €/ mese IVA escl.