Cos’è Binance Smart Chain?

La rapida ascesa di Binance Smart Chain è cominciata all’inizio del 2021, principalmente a causa dell’aumento dei costi di transazione associati a Ethereum, il leader di mercato. Binance, la rete blockchain dello scambio cinese di criptovalute, si mostra promettente grazie ai costi inferiori, alle transazioni veloci e alla compatibilità con EVM. Tuttavia, Binance Smart Chain è stata anche soggetta a critiche a causa degli stretti legami con la società madre, Binance.

Offerte Black Friday

Scopri tutti gli sconti imperdibili sui nostri prodotti migliori. Offerte valide dal Black Friday al Cyber Monday.

Web hosting
Siti web
WordPress

Binance Smart Chain in sintesi

Binance Smart Chain, abbreviata in BSC, è una rete blockchain della piattaforma di trading cinese Binance. Questa rete è particolarmente adatta per l’esecuzione di applicazioni basate sugli smart contract. Binance Smart Chain gode di grande popolarità grazie alle transazioni veloci e relativamente economiche e alla compatibilità con Ethereum Virtual Machine (EVM).

Problemi su Ethereum e l’ascesa di BSC

Per spiegare il successo relativamente improvviso di Binance Smart Chain, è necessario analizzare meglio Ethereum. Dal 2015, il sistema open source ha permesso alle applicazioni decentralizzate di essere programmate direttamente sulla blockchain. A partire dal 2020, tuttavia, il sistema è finito ripetutamente in prima pagina a causa dell’aumento delle tariffe di transazione, salite alle stelle, a volte a livelli vertiginosi. Ciò poiché la rete permette solo un numero limitato di transazioni simultanee al secondo, per cui se la domanda aumenta, crescono anche i costi. Mentre gli sviluppatori di Ethereum sono alla ricerca di una soluzione migliore, molti utenti si affidano a delle alternative ugualmente valide o almeno approssimativamente comparabili, come BSC.

All’inizio del 2021, Binance Smart Chain ha approfittato dei problemi riscontrati da Ethereum affermandosi come un’opzione di ripiego significativamente più economica ma ugualmente affidabile. Ciò è reso possibile anche dal fatto che i mercati finanziari decentralizzati spesso si basano sul principio open source, il quale permette un passaggio rapido e privo di ostacoli da Ethereum a Binance Smart Chain.

BSC appartiene a Binance ed è compatibile con Ethereum

Binance Smart Chain è gestita dal più grande scambio di criptovalute al mondo. BSC è un fork modificato di Ethereum e ne rappresenta quindi un’alternativa logica sin dall’inizio. Questa compatibilità tra le due offre dei vantaggi importanti: in primo luogo, risolve il problema delle transazioni costose e, in secondo luogo, permette agli utenti di utilizzare le applicazioni di Ethereum, come il portafoglio MetaMask. I programmatori possono usare il codice di Ethereum anche per Binance Smart Chain e, così facendo, BSC funziona parallelamente alla nativa Binance Chain (BC). Poiché gli sviluppatori possono creare DApps, ovvero applicazioni decentralizzate, gli utenti hanno la possibilità di gestire i loro beni digitali sulla blockchain.

Come funziona Binance Smart Chain?

Binance Smart Chain è supportata dal cosiddetto Proof of Staked Authority (PoSA). Questo è un mix del Proof of Stake (PoS) delegato e il Proof of Authority (PoA). Nel caso di BSC, i controllori selezionati nella rete confermano alternativamente le transazioni e generano nuovi blocchi utilizzando il metodo PoA. I fattori decisivi per la selezione del controllore o validatore sono il valore della somma in gioco e la reputazione di cui si gode all’interno della comunità. Questo modello raggiunge tempi di blocco di circa tre secondi.

Definizione

Proof of Stake (PoS) e Proof of Authority (PoA): In relazione alle reti blockchain, il Proof of Stake è un metodo che viene utilizzato per generare nuovi blocchi. Con l’aiuto di una selezione casuale ponderata, determinata dalla durata della partecipazione o dalle risorse di un partecipante, viene raggiunto un consenso sull’utente che può generare il blocco successivo. Il Proof of Authority funziona in modo diverso: in questo caso, vengono selezionati dei partecipanti di fiducia per eseguire lo stesso compito.

Da questo punto di vista, Binance Smart Chain agisce in stretta collaborazione con Binance Chain: anche se entrambi i sistemi rimangono completamente indipendenti, vi è una compatibilità cross-chain. Grazie alla possibilità di trasferire le risorse tra le due blockchain, gli utenti ottengono una combinazione della velocità di Binance Chain e della funzionalità smart contract di BSC. Binance Smart Chain supporta lo standard di token BEP-20, paragonabile allo standard ERC20 di Ethereum.

Quali sono i vantaggi di Binance Smart Chain?

Non è sorprendente che Binance Smart Chain sia stata in grado di convincere così tanti utenti in così poco tempo. Dopo tutto, i vantaggi sono considerevoli:

  • Indipendenza: Binance Smart Chain è una blockchain indipendente, che funziona anche separatamente da Binance Chain.
  • Alta velocità: BSC è caratterizzata da processi estremamente veloci, sfruttando i vantaggi dati da Binance Chain.
  • Bassi costi di transazione: BSC è molto accessibile, soprattutto rispetto a Ethereum. Questo rende Binance Smart Chain una scelta conveniente per sviluppatori e utenti.
  • Compatibilità: Binance Smart Chain è compatibile con la macchina virtuale di Ethereum e gli smart contract corrispondenti sono supportati anche da BSC. Ciò rende anche più facile per i programmatori effettuare il passaggio dall’uno all’altro.

Quali sono i punti deboli di BSC?

Nonostante i vantaggi accennati, Binance Smart Chain non è perfetta. La gravità degli svantaggi dipende tuttavia da ciascun utente.

  • Centralizzazione: Binance Smart Chain dipende da Binance, la società madre. A differenza di molti altri mercati finanziari decentralizzati, il passaggio a BSC passa obbligatoriamente per il cambio centrale delle criptovalute o il ponte altrettanto centrale di Binance. Binance controlla quindi tutte le transazioni con le criptovalute.
  • PoSA: mentre alcuni utenti sostengono pienamente il principio PoSA, altri ne sottolineano le vulnerabilità. La preoccupazione principale è che il controllo della blockchain cada nelle mani dei partecipanti più facoltosi piuttosto che in quelle dei più adatti.
  • Scamming: un’altra potenziale vulnerabilità di BSC è data proprio dal suo più grande vantaggio. Le basse commissioni di transazione di BSC, infatti, rendono la blockchain anche più redditizia per i truffatori rispetto a Ethereum. Sebbene Binance implementi dei controlli rigorosi in merito, questi comportano una maggiore centralizzazione.

Conclusione: Binance Smart Chain può sostituire Ethereum?

La battaglia tra la rete blockchain Ethereum, affermatasi come standard indiscusso nel tempo, e la rete avversaria BSC probabilmente non avrà fine, non solo perché Binance Smart Chain non rientra tra gli sfavoriti, ma anche perché fa parte di un’enorme piattaforma di trading. Tuttavia, il divario tra il pioniere e il suo successore assicura anche che Ethereum mantenga il suo posto al vertice in un futuro prossimo. La stragrande maggioranza degli sviluppatori e degli utenti, infatti, si basa ancora su Ethereum che è e rimane definitivamente una delle ragioni principali per le alte commissioni di transazione. La mancanza di decentralizzazione di Binance Smart Chain probabilmente gioca anche un ruolo importante in questo ambito.

Tuttavia, la rapida e costante ascesa di Binance Smart Chain è notevole e probabilmente non ha ancora raggiunto il suo massimo. Anche se gli sviluppatori di Ethereum ricercano costantemente delle soluzioni ai problemi già espressi e possono contare su una rete consolidata e vasta di utenti, alcuni utenti rimarranno fedeli a BSC, soprattutto per via dei costi di transazione significativamente più bassi. In conclusione, se Ethereum riuscirà a risolvere i problemi di scalabilità, il suo status di leader del mercato non cambierà. Tuttavia, BSC continuerà a consolidarsi come una seria alternativa.