Record SOA

I record SOA: elemento fondamentale di ogni file di zona

Il Domain Name System, che consente l'uso di nomi di dominio durante la navigazione, si basa su file di zona. Questi, a loro volta, sono costituiti da record diversi. Il primo record DNS in un file di questo tipo è sempre il record SOA, che definisce le responsabilità per la zona. In questo articolo vi spieghiamo come sono strutturati e come potete verificare il record SOA.

Record DNS

I record DNS: come funzionano

Internet come lo conosciamo oggi sarebbe impossibile senza il Domain Name System. Il sistema di risoluzione dei nomi, a sua volta, si basa sui record DNS, che hanno una struttura molto semplice, sono inseriti in un file di testo e garantiscono che a ogni indirizzo IP venga associato un nome. Ma non è tutto: esistono diversi tipi di record DNS, conosciuti anche come record di risorse.

Record PTR

Come funziona il record PTR

I record PTR capovolgono il DNS: invece di risalire dal nome di un dominio all'indirizzo IP, il Reverse DNS consente di effettuare il processo inverso. Quale dominio appartiene a un indirizzo IP? Queste informazioni si ottengono tramite i record PTR, cioè speciali tipi di record DNS. Come devono essere strutturati questi record DNS?

Record CNAME

In cosa consiste il tipo di record DNS CNAME

Il Domain Name System e la possibilità di risolvere i nomi di dominio permettono agli utenti di navigare facilmente sul World Wide Web. Per fare questo, il DNS utilizza diversi tipi di record di risorse, come il record CNAME. Questo tipo di record viene utilizzato per associare domini diversi a un unico indirizzo IP. Ma come funzionano i record CNAME e come potete verificarli?

Record A

Record A: spiegazione ed esempio

Il Domain Name System consente a ogni utente di navigare facilmente in Internet. Un elemento indispensabile sono i record A che associano un nome di dominio a un indirizzo IP individuale e questo con una sola riga di testo. Ma come si presenta un record di questo tipo e come si può eseguire il check di un record A?

504 Gateway Timeout: come risolvere il problema

HTTP 504 Gateway Timeout: come risolvere l’errore 504

Se compare un notifica di errore “HTTP 504 Gateway Timeout” quando provate a visitare un sito web, allora significa che il tempo per l’elaborazione della richiesta da parte del vostro browser è stato ecceduto. Il colpevole in questo caso non è il server web stesso, ma piuttosto un altro componente del server (il più delle volte si tratta di un gateway) che non è riuscito a svolgere il proprio...

ERR_CONNECTION_RESET

ERR_CONNECTION_RESET: come risolvere l'errore 101 in Chrome

Quando non è possibile stabilire la connessione con un sito web, i messaggi di errore forniscono agli utenti del browser una prima indicazione delle possibili cause. È tuttavia raro che le informazioni fornite siano sufficientemente chiare. Ad esempio, il messaggio "ERR_CONNECTION_RESET" indica soltanto che il collegamento è stato resettato, senza spiegarne la ragione e le possibili soluzioni. In...

ERR_SSL_PROTOCOL_ERROR: come risolverlo?

ERR_SSL_PROTOCOL_ERROR: come correggere questo errore di Google Chrome

Chrome è il browser più utilizzato al mondo, distinguendosi non soltanto per sicurezza e velocità, ma anche per feature come la sincronizzazione dei dati dell’utente sui diversi dispositivi. Nonostante ciò durante la navigazione possono comunque emergere errori. Per esempio può accadere che si verifichi il cosiddetto errore di connessione SSL quando Chrome non riesce a stabilire una connessione...

HTTP 503: come fare quando il servizio non è disponibile

HTTP 503 (Service Unavailable): cosa significa questo errore e come si corregge?

Con ogni probabilità durante la navigazione quotidiana sul web vi sarà già capitato di incappare almeno una volta nel messaggio “HTTP Error 503 The service is unavailable” o in una variante del genere. Il messaggio di errore compare sempre quando un web server non è in grado di mostrare il sito web richiesto dall’utente. Le cause possono essere così svariate quanto lo sono le soluzioni che avete a...

Sistemi iperconvergenti

Sistemi iperconvergenti: un data center compatto

Grazie ai sistemi iperconvergenti, il classico data center potrebbe essere drasticamente ridotto. Eliminando infrastrutture molto complesse e snellendo gli ambiti operativi, il reparto IT delle aziende risulterebbe più efficiente, dinamico e anche più economico. Ciò è possibile grazie ad hardware standard già pronti all’uso e a una virtualizzazione completa. Ma che cosa si nasconde dietro questo...