Ciclo for in Java: come utilizzarlo

Con il ciclo for, un’istruzione può essere eseguita più volte di seguito in Java. Si utilizza principalmente quando il numero totale di esecuzioni è già noto prima dell’esecuzione. Le istruzioni necessarie sono inserite all’interno del corpo del ciclo.

Web hosting con consulente personale!

Web hosting veloce e scalabile + consulente personale con IONOS!

Dominio gratis
SSL
Assistenza 24/7

Cos’è il ciclo for in Java?

Il ciclo for consente a un’applicazione Java di eseguire un’azione finché non viene soddisfatta una condizione precedentemente definita. A tal fine, si ripete un codice all’interno delle note parentesi graffe fino a raggiungere il valore target specificato.

A differenza di altri cicli, come il ciclo while in Java o quello do-while, il ciclo for in Java viene utilizzato principalmente quando il numero di passaggi richiesti e previsti è già noto in anticipo. Il punto di partenza e la dimensione del passaggio possono essere specificati anche con il ciclo for, che dispone di una variabile di esecuzione aggiuntiva rispetto al ciclo while.

Struttura dei cicli for in Java

La sintassi di un ciclo for in Java è sempre la stessa. Viene introdotto dalla parola chiave “for”; segue l’inizializzazione della variabile di esecuzione tra parentesi tonde, la condizione di terminazione e infine la modifica della variabile di esecuzione. I tre componenti sono separati l’uno dall’altro da un punto e virgola. Tuttavia, il punto e virgola deve essere omesso dopo l’ultima espressione.

Le istruzioni in esecuzione seguono all’interno del corpo del ciclo, che a sua volta è delimitato da parentesi graffe. La struttura di base è la seguente:

for (inizializzazione delle variabili di esecuzione; condizione di terminazione; modifica delle variabili di esecuzione) {
Dichiarazioni
}

Come funziona il ciclo for in Java?

Il funzionamento dei cicli for in Java può essere suddiviso in quattro fasi fondamentali basate sulle espressioni memorizzate:

  1. Inizializzazione: il primo passaggio del ciclo for in Java è l’inizializzazione e viene eseguito una volta sola.
  2. Condizione di terminazione: la condizione di terminazione (condition) viene definita in anticipo e poi controllata a ogni passaggio. Finché questa è vera (true), l’istruzione o l’azione viene ripetuta. Nel momento in cui la condizione è falsa (false), il processo viene terminato e il ciclo for viene completato dall’applicazione Java.
  3. Variabile di esecuzione: la variabile di esecuzione o di conteggio può aumentare o diminuire. Il valore viene modificato a ogni esecuzione e controllato nuovamente per verificare la condizione di terminazione. Se il risultato è falso, si esce dal ciclo for e il programma prosegue normalmente. Tuttavia, finché il controllo è vero, la procedura viene ripetuta di nuovo.
  4. Ripetizione: la ripetizione è il quarto passaggio. Ognuna di queste riparte dalla condizione di terminazione e la verifica nuovamente.

Esempio di ciclo for

Il modo più semplice per spiegare il funzionamento di un ciclo for in Java è utilizzare l’apposito codice sorgente. Nel nostro esempio, il programma deve contare fino a raggiungere il valore “5”. Dopodiché, il ciclo for deve essere interrotto. Si presenta quindi così:

for (int i = 1; i <= 5; i++) {
Dichiarazione
}

“int i = 1” è l’inizializzazione. Per specificare che il numero non deve diventare maggiore di “5”, la condizione di terminazione del numero viene specificata dall’operatore Java con “minore o uguale a 5” (<=5). Nel terzo punto, si specifica che la variabile di esecuzione deve aumentare di “1” a ogni esecuzione. Il comando appropriato è “i++”.

N.B.

La denominazione “i” della variabile è quella comune. Tuttavia, si può anche dare alla variabile un nome diverso.

Aggiungere una dichiarazione

Aggiungete ora la dichiarazione appropriata, in modo che il programma sappia come procedere. Questa dichiarazione viene scritta tra parentesi graffe e poi controllata tramite il comando Java “System.out.println”:

for (int i = 1; i <= 5; i++) {
System.out.println ("Il valore del numero è: " + i);
}

Come funziona il ciclo

Se questo ciclo for viene utilizzato in Java, si verifica quanto segue: nella prima esecuzione, il valore del numero è “0” e quindi più piccolo di “5”. La condizione è quindi soddisfatta (true) e il processo viene ripetuto. Il valore viene incrementato di “1” ed è quindi anch’esso “1”. La condizione che il valore deve essere inferiore a “5” è ancora vera. Questa operazione continua fino a quando il valore di “i” viene portato a “6”. Ora la condizione che il valore deve essere minore o uguale a “5” non è più soddisfatta (false). Java termina quindi correttamente il ciclo for e prosegue.

for each: l’ulteriore sviluppo del ciclo for

Oltre al normale ciclo for in Java, esiste un ulteriore sviluppo for each. Questo ciclo richiede un array, cioè un container con diversi oggetti di uno stesso tipo di dati. Il ciclo for each può sostituire il ciclo for in Java in alcuni casi. La sintassi corrispondente è la seguente:

for ( type variable : collection ) {
Codice in cui viene utilizzata la variabile
}

Differenza tra i cicli while e for in Java

Un ciclo while viene utilizzato anche per eseguire il codice finché non viene soddisfatta una determinata condizione. Tuttavia, riceve solo una condizione all’interno delle parentesi tonde e può quindi risultare meno chiaro rispetto al ciclo for. Di seguito la struttura di un ciclo while:

int i = 0;
while ( i <=5 ) {
System.out.println ("Il valore del numero è: " + i);
}
N.B.

In Java esistono in totale quattro tipi di cicli. Oltre al ciclo for e ai cicli while e for each elencati nel testo (noti anche come ciclo for avanzato), esiste anche il ciclo do-while. È simile a quello while, ma controlla in più la condizione definita alla fine del blocco di istruzioni.