Linguaggi di programmazione web: i linguaggi più indicati per il web

Che si guardino video su YouTube, ci si colleghi con partner commerciali tramite LinkedIn o si legga un articolo su Wikipedia, nei siti web con un elevato numero di visite di norma non si riscontrano problemi di funzionamento. Soltanto chi intende realizzare da sé un sito web si chiede quali differenti script vengano eseguiti in background e come questi siano stati programmati.

Lo sviluppo web richiede innanzitutto una serie di decisioni, ad esempio in merito a linguaggio di programmazione da utilizzare, alla possibilità di assumere uno sviluppatore con le competenze appropriate o, nel caso siate voi stessi a programmare, alla necessità di decidere con quale linguaggio di programmazione web integrare opportunamente le vostre conoscenze e valorizzare il vostro portfolio.

N.B.

Facciamo un po’ di ordine rispetto a un malinteso molto comune: HTML (Hypertext Markup Language) non è un linguaggio di programmazione, ma un linguaggio di markup, utilizzato dunque per strutturare documenti digitali e, ad esempio, inserire collegamenti ipertestuali o definire la struttura generale di una pagina. Lo stesso vale per il CSS (Cascading Style Sheets), che consente di progettare il tema di un sito web definendo, ad esempio, i colori dei caratteri e gli sfondi.

I linguaggi di programmazione web sono definiti da processi e istruzioni logiche complesse. Mentre i linguaggi di markup, come HTML, creano esclusivamente documenti, i linguaggi di programmazione permettono di realizzare programmi partendo dalle proprie idee. Quali sono, allora, i linguaggi di programmazione particolarmente idonei al web? A cosa servono? Quali sono i linguaggi più versatili e quali risultano più semplici da imparare per un principiante? Questa panoramica sui linguaggi di programmazione web fornisce informazioni su tali argomenti.

Web hosting con consulente personale!

Web hosting veloce e scalabile + consulente personale con IONOS!

Dominio gratis
SSL
Assistenza 24/7

Java

Java è un linguaggio di programmazione open source e indipendente dalla piattaforma che, grazie alla sua versatilità, può essere utilizzato per quasi tutte le tipologie di progetti. Come la maggior parte dei linguaggi web più popolari, Java è orientato agli oggetti, vale a dire che si orienta in base alla sua concreta area di applicazione. Gli innumerevoli framework e librerie per la programmazione web, di norma ampiamente documentati, facilitano la realizzazione di progetti web anche molto complessi. I programmi in Java sono inoltre facilmente espandibili, modulabili e di facile manutenzione, ammesso che lo sviluppatore svolga bene il suo lavoro.

Poiché Java è piuttosto difficile da imparare e ci sono tendenzialmente meno esperti in questo linguaggio, il cliente dovrà sostenere costi più elevati rispetto all’utilizzo di altri linguaggi di programmazione. I programmatori che conoscono il linguaggio Java hanno però delle buone prospettive di guadagno.

JavaScript

Il linguaggio di scripting dinamico e orientato agli oggetti, nonostante il nome, non ha nulla a che fare con Java, eccetto il fatto che entrambi si basano su C. Netscape ha sviluppato JavaScript nel 1995, inizialmente con il nome di LiveScript, con l’ambizione di estendere l’HTML e il CSS e consentire ai programmatori di analizzare le interazioni degli utenti e di presentare dinamicamente i contenuti. Oggi Javascript non viene utilizzato soltanto per i web browser, ma anche per i microcontrollori e i server.

Javascript dovette il suo nome alla popolarità del linguaggio Java, a cui ci si voleva riallacciare all’epoca. Un grande successo: oggi i siti web più noti, quasi senza eccezioni, utilizzano Javascript come primo linguaggio di programmazione lato client. Inoltre per JavaScript sono disponibili ampi framework e librerie.

Questo linguaggio di programmazione è tipizzato dinamicamente e non ha bisogno di definire prima una classe00203}. Consente ai programmatori di scegliere tra programmazione orientata agli oggetti, procedurale o funzionale ed è un linguaggio di programmazione estremamente flessibile. Ciò è particolarmente evidente nei web browser: con JavaScript si possono, ad esempio, manipolare dinamicamente i siti web, convalidare i dati del modulo prima che vengano trasferiti al server di destinazione, cambiare le finestre di dialogo e integrare gli script di download e upload.

JavaScript è diventato indispensabile anche per il marketing online, in quanto grazie ad esso è possibile programmare un gran numero di annunci pubblicitari. Il linguaggio può essere utilizzato anche per leggere e scrivere i cookies in linea con le moderne strategie di marketing, come il targeting. In breve: JavaScript ha lasciato un’impronta decisiva nel mondo del web ed è da considerarsi parte integrante dell’esperienza web odierna.

PHP

Hypertext Preprocessor, meglio conosciuto con lo storico acronimo PHP, è un linguaggio di scripting basato su C e Perl. Viene principalmente utilizzato per la programmazione di siti web dinamici eapplicazioni web. PHP è considerato semplice per un principiante ed è integrabile con HTML; infatti, è spesso uno dei primi linguaggi ad essere studiato da un aspirante programmatore. Molti gestori di siti web si affidano ancora oggi a PHP nonostante in generale risulti un po' obsoleto.

Tra i vantaggi più importanti vi sono un ampio supporto a diversi database e un’integrazione efficiente con il protocollo Internet. Da quando è stato sviluppato PHP è stato aggiornato diverse volte e attualmente è alla versione 7. ll linguaggio è sotto licenza open source ed è disponibile gratuitamente.

Consiglio

Grazie al nostro tutorial su PHP per principianti imparerete le basi di questo linguaggio di scripting.

PHP elabora il codice lato server e quindi bypassa l’interpretazione del web browser, come avviene con altri popolari linguaggi di programmazione web. PHP può essere anche integrato con HTTP senza stato e interroga il server web molte più volte rispetto ai linguaggi di programmazione che trasmettono il codice sorgente solo una volta. La critica a PHP è dovuta alla tipizzazione debole e alla mancanza di possibilità di una gestione degli errori standardizzata.

Tuttavia, il fatto che molti siti web importanti utilizzino ancora PHP dimostra la popolarità del linguaggio. Potrebbero, però, sorgere problemi nel caso in cui gli operatori di siti web utilizzino versioni obsolete di PHP che potrebbero compromettere la sicurezza e la stabilità del sito web.

Python

Python è un cosiddetto linguaggio di programmazione ad alto livello e si basa su un codice compatto, ma facile da comprendere. Python è anche facile da digitare, perché ad esempio i blocchi non sono separati da caratteri speciali ma da rientri. Proprio per questo motivo è un linguaggio semplice da imparare e da utilizzare. Consente di programmare in base all’esigenza con orientamento agli oggetti, agli aspetti o in modo funzionale. Inoltre Python è dinamico e viene infatti utilizzato spesso come linguaggio di scripting.

Il progetto Python è supportato da una comunità attiva e in particolare viene tenuto aggiornato dalla fondazione no-profit Python Software Foundation. Il linguaggio è gratuito e può essere utilizzato nella maggior parte dei sistemi operativi più comuni.

Molti noti servizi web come YouTube e altri progetti del gruppo Google si basano in parte su Python. Anche l’industria dei videogiochi utilizza questo linguaggio di programmazione. Lo stesso vale per i progetti scientifici in cui Python gode di grande popolarità, soprattutto perché la maggior parte dei database scientifici si possono integrare facilmente con il linguaggio e perché questo consente di eseguire efficacemente la raccolta di dati empirici. Python è dunque un linguaggio di programmazione importante, soprattutto per i principianti del settore. I critici lamentano, tuttavia, la velocità di esecuzione relativamente bassa e la complessa definizione dei metodi.

Ruby

Un altro linguaggio di programmazione superiore è il progetto Ruby, sviluppato da Yukihiro Matsumoto a metà degli anni Novanta. Questo linguaggio di programmazione fondamentalmente orientato agli oggetti convince non solo per la tipizzazione dinamica e l’introspezione, ma anche per la gestione automatica della memoria. Il tratto distintivo di Ruby è la focalizzazione sull'oggetto, per cui ogni valore e persino ogni classe sono considerati un oggetto. A differenza di altri linguaggi di programmazione orientati agli oggetti, Ruby non prevede eccezioni per i tipi di dati primitivi. In breve: “Tutto è un oggetto”.

La sintassi di Ruby è flessibile: per esempio l'uso delle parentesi è spesso opzionale. Questo rende il linguaggio chiaramente leggibile e lo fa sembrare un linguaggio di markup. Ruby resta comunque molto potente e permette di fare anche metaprogrammazione, con cui i programmatori creano i propri metodi, manipolano la gerarchia di ereditarietà e cambiano altre costanti del linguaggio di programmazione secondo le loro idee. Pertanto Ruby è considerato "facile da imparare, ma difficile da padroneggiare”.

I critici sottolineano le conseguenze negative di errori di tipizzazione nel codice del programma: infatti, errori in runtime inattesi possono portare ad attività di debuging estenuanti. Ruby è spesso usato come linguaggio di scripting per i server web, ma anche molto spesso nell'industria dei videogiochi. Il linguaggio è disponibile per tutti i comuni sistemi operativi.

C++

C++ si basa su uno dei linguaggi di programmazione più vecchi: C. I progetti su questo linguaggio, concepito all’epoca come estensione di C, erano iniziati già nel 1979, ma sono stati resi pubblici solo nel 1985. Ancora oggi gode di grande popolarità. C++ è un linguaggio di programmazione standardizzato secondo l’ISO (International Organization for Standardization) ed è considerato vicino al linguaggio macchina ed efficiente, nonché altamente astratto e complesso. C++ è facile da imparare, soprattutto perché il nucleo del linguaggio è composto da circa 60 parole chiave. Il linguaggio guadagna in complessità e portata grazie alla sua libreria standard.

I maggiori punti di forza di C++ sono la varietà di combinazione e l’efficace programmazione vicina al linguaggio macchina. Anche i processi altamente complessi si possono raggruppare in funzioni di base. Così C++ alleggerisce il lavoro dei programmatori che possono contare sul nucleo del linguaggio e sulla libreria standard. In quanto strettamente basato su C, questo linguaggio di programmazione presenta alcuni svantaggi, come ad esempio la sintassi relativamente poco chiara. Tuttavia, C++ è uno dei linguaggi di programmazione oggi più popolari quando si parla di programmazione di sistemi e di applicazioni. Nell’ambito dei linguaggi di programmazione web C++ viene comunque dopo Java, JavaScript e C#.

C#

Il linguaggio di programmazione C# ("C-Sharp") (anno di pubblicazione 2001) è considerato un linguaggio universale. È tipizzato, orientato agli oggetti e fondamentalmente indipendente dalla piattaforma, ma è stato sviluppato specificamente come progetto Microsoft per il framework .NET. C# può essere spesso trovato con il nome "Visual C#", per lo più come implementazione. Concettualmente, il linguaggio è simile a Java e C++, ma estende il modello orientato agli oggetti con il cosiddetto attributo che memorizza informazioni su classi, oggetti e metodi, e anche con delegati che rimandano a metodi di determinate classi. Questo permette principalmente una descrizione degli errori più efficiente durante la compilazione del codice, facendo risparmiare molto tempo agli sviluppatori.

Molti vedono in C# il linguaggio di programmazione più importante che gli sviluppatori dovrebbero imparare insieme a Java. Come linguaggio di programmazione web orientato agli oggetti, C# offre la migliore combinazione tra funzionalità e complessità. I critici mettono in luce, però, che l’utilizzo di C# vincola al framework .NET di Microsoft. Tuttavia i programmatori riescono a coprire un ampio settore del mercato: dallo sviluppo di sistemi Windows ai videogiochi per Xbox e PC, molti programmatori si affidano oggi a C#. Come linguaggio di programmazione web, il linguaggio C# è usato principalmente per le API web e varie applicazioni web.

Perl

Il linguaggio di programmazione Perl apparve nel 1987 e suscitò interesse come linguaggio di programmazione e di scripting insieme a PHP, Javascript, Ruby e Python. Gli sviluppatori erano orientati principalmente ai linguaggi di programmazione della famiglia C. Questo linguaggio è fondamentalmente indipendente dalla piattaforma ed è stato inizialmente progettato per la rete e l’amministrazione di sistema. Nel frattempo Perl si è anche affermato come uno dei linguaggi di programmazione più diffusi nei settori del web software, della bioinformatica e del settore finanziario.

Con Perl i programmatori godono di grande libertà e possono risolvere in modo efficiente i problemi. Ad esempio, i testi possono essere modificati con espressioni regolari; inoltre per Perl ci sono diversi moduli disponibili che si possono trovare nella libreria Perl CPAN. Come linguaggio di programmazione Perl ha lo scopo di offrire al programmatore diversi metodi per raggiungere l’obiettivo rimanendo semplice ed efficace e operando in maniera contestuale.

Perl divenne fondamentale con la diffusione del World Wide Web e ricopre ancora oggi un ruolo importante come linguaggio di programmazione web, tuttavia non viene tanto utilizzato se la prossimità dell’hardware (ad es. nei web server) e la velocità (ad es. nei driver) rivestono un ruolo importante.

I più noti siti web utilizzano questi linguaggi di programmazione

I principianti della programmazione si trovano spesso sopraffatti dalle numerose opzioni disponibili offerte dai diversi linguaggi. Ci si può comunque orientare guardando le pagine web principali: quali linguaggi di programmazione utilizzano Facebook, Twitter o Google? Quali sono adatti lato client, quali lato server?

Consiglio

Oggi non è necessario padroneggiare un linguaggio di programmazione per creare un sito web. Con 1&1 MyWebsite viene offerto un kit di costruzione intuitiva con il quale è possibile creare in modo semplice e veloce un sito.

Questa panoramica mostra come tutti i siti web citati utilizzino JavaScript lato client, mentre come lato server si basino su linguaggi di programmazione diversi. Solo Yahoo utilizza PHP lato server.

Sito web Linguaggio di programmazione lato client Linguaggio/i di programmazione lato server
Google JavaScript C, C++, Go, Java, Python, PHP (HHVM)
Facebook JavaScript Hack, PHP (HHVM), Python, C++, Java, Erlang, D, XHP, Haskell
YouTube JavaScript C, C++, Python, Java, Go
Yahoo JavaScript PHP
Amazon JavaScript Java, C++, Perl
Wikipedia JavaScript PHP, Hack
Twitter JavaScript C++, Java, Scala, Ruby

Un attimo: abbiamo ancora qualcosa per voi!
Web hosting a partire da 1 €/mese per un anno!

Dominio gratis
Certificato SSL Wildcard incluso
Assistenza Clienti 24/7
A partire da 1 €/mese IVA escl. per un anno,
poi 8 € mese IVA escl.