Managed Cloud Hosting: strutture server flessibili con un semplice click

La pianificazione delle risorse necessarie è uno dei compiti principali di ogni azienda. Non importa che si tratti di capitale, strumenti di lavoro o del personale, se non si calcolano prima tutti i fattori e non si mantengono aggiornati i processi aziendali, si rischia a lungo termine di dover fare i conti con difficoltà materiali e personali, nonché perdite finanziarie. Spesso durante la pianificazione ci si dimentica di occuparsi dell’hosting. L’infrastruttura IT interna, i dati dei clienti e dell’azienda o anche i progetti web concreti prevedono delle strutture server appropriate, che richiedono, a seconda delle dimensioni e della crescita dell’azienda, requisiti molto diversi per quanto riguarda l’hardware necessario e l’impegno che ne deriva.  

È difficile trovare il giusto provider e scegliere le risorse server più appropriate per le proprie esigenze. Se le prestazioni sono al momento sufficienti, presto si dovranno adeguare; se invece si sono allocate troppe risorse, la maggior parte di queste non verranno utilizzate e si sarà sprecato inutilmente del denaro. Una soluzione sempre più conosciuta a questo problema è rappresentata dal Managed Cloud Hosting, che si contraddistingue per una scalabilità semplice e completamente flessibile, così da poter richiedere in qualsiasi momento solo le risorse davvero necessarie.

Cloud Backup di IONOS

Evita costosi downtime! Facile soluzione di backup per il tuo business.

Semplice
Sicuro
Integrato

Definizione di Managed Cloud Hosting

Il Managed Cloud Hosting è una soluzione moderna per disporre delle risorse server necessarie. Il termine è composto da due parti: la prima parola (“Managed”) indica la variante di server scelta (esistono ad esempio anche i Managed Dedicated Hosting) e afferma che l’installazione, la configurazione e l’aggiornamento dell’hardware, così come del sistema e dei software applicativi come ad esempio del sistema operativo, del CMS o degli strumenti di analisi, vengono presi in carico dal provider. Chi sceglie questa opzione possiede di solito i permessi di amministratore e l’accesso di root, ma interagisce con il server prevalentemente attraverso un’interfaccia web.

La seconda parola del concetto rivela come si compongono le risorse server a disposizione. Nel Cloud Hosting non ci si appoggia sempre su un hardware dedicato, e quindi sempre sullo stesso, ma ci si basa su strutture di server molto diversi, collegati tra di loro e che si trovano in uno stesso Cloud. I provider parlano di Cloud Hosting sia nel caso in cui le risorse siano distribuite su diversi server su Internet sia che si tratti di risorse virtualizzate su propri server nei centri di elaborazione dati. Per questo motivo dovreste sempre informarvi di quale tipo si tratti e dove si trovino fisicamente i server, prima di utilizzare un servizio di Managed Cloud Hosting. Solo così potete sapere con certezza dove vengono salvati i vostri dati, aspetto molto importante per quanto riguarda la protezione dei dati, ma anche in riferimento alla performance del vostro server.

Managed cloud server: i vantaggi di una soluzione moderna per la gestione delle risorse

Un Managed Cloud Hosting combina i vantaggi di una gestione del server professionale e del Cloud Computing , un termine che indica le risorse messe a disposizione a seconda delle proprie esigenze. Per essere più precisi, in questa soluzione di hosting rientrano i seguenti tre elementi di Cloud Computing:

  • Infrastructure as a Service (IaaS): non importa se le risorse server virtualizzate siano distribuite su Internet o provengano da propri centri di elaborazione dati, i servizi di Cloud Hosting mettono a disposizione l’infrastruttura hardware per i più diversi progetti.
  • Platform as a Service (PaaS): la piattaforma del sistema si basa su questa infrastruttura Cloud. Qui sono presenti tutti gli elementi software specifici del sistema su cui possono essere eseguite applicazioni come web server o strumenti per lo sviluppo web.
  • Software as a Service (SaaS): nel Managed Cloud Hosting non dovete preoccuparvi della configurazione e dell’aggiornamento dei software. Generalmente potete scegliere le applicazioni comuni come CMS o software per l’e-commerce comodamente dalla dashboard e le installate con un semplice click sul vostro server Cloud.

Sulla base di questi servizi si realizzano non solo progetti web, ma anche ambienti di archiviazione e backup per i dati di tutti i tipi, senza dimenticare che i Cloud Server si prestano anche molto come base per le diverse applicazioni business. Indipendentemente dallo scopo per cui utilizzate un ambiente di hosting, i componenti “Managed” vi permetteranno di risparmiare tempo e fatica. Visto che tutti i dati si trovano sul Cloud, potete inoltre accedere ad ogni dispositivo ovunque vi troviate, a patto che disponiate di una connessione Internet.

Il vantaggio maggiore, che il Cloud Hosting offre rispetto alle soluzioni alternative, è una facile scalabilità delle risorse. Aumentate o diminuite in tempo reale la RAM, le prestazioni del processore o lo spazio su disco e reagite così in modo ottimale agli sviluppi attuali della vostra azienda. I responsabili di un’azienda appena fondata e i gestori di online shop beneficiano particolarmente di questa possibilità. Nel primo caso è difficile stimare l’uso effettivo delle risorse, dal momento che non si hanno ancora dati a sufficienza per fare delle previsioni future, mentre nel secondo si aggiungono anche abbassamenti stagionali e giornalieri (riferiti a precise ore del giorno). La soluzione ideale consiste quindi in un adeguamento delle risorse in tempo reale, opportunatamente calcolato, così da assicurarsi un tipico Managed Cloud Hosting basato sul modello “Pay as you use” (in italiano “paga quanto consumi”).

Quanto è sicuro il Managed Cloud Hosting?

Essenzialmente si sente parlare dei servizi Cloud, quando si scoprono falle di sicurezza e potenziali rischi e per questo non sorprende che il Cloud Hosting venga visto dai clienti ancora in maniera molto critica. Tuttavia, per proteggere un managed cloud server non è richiesta al provider una sicurezza maggiore rispetto alle altre soluzioni di hosting. Non basandosi su specifici hardware, il Cloud Hosting è particolarmente stabile e proprio i provider più importanti prestano particolare attenzione alla protezione dei dati dei clienti. Quindi normalmente appoggiarsi ad un Cloud Server su un provider è molto più sicuro che gestire un server dedicato in maniera autonoma.

La questione sicurezza diventa poco chiara e problematica, solo se in un sistema Cloud sono compresi anche server esterni al di fuori dei centri di elaborazione dati del provider. Nello specifico, ci sono due aspetti che sollevano alcuni dubbi:

  1. Il provider rinuncia al controllo della sicurezza del server. Per questo motivo deve incaricare i partner coinvolti di prendere tutte le precauzioni necessarie per proteggere i dati degli utenti.
  2. I server si possono trovare in qualsiasi parte del mondo. Tralasciando il fatto che ci possono essere delle ripercussioni sulla velocità di accesso ai dati, sorgono anche dubbi legittimi in merito alla questione se tutti i dati sensibili degli utenti siano anche adeguatamente protetti.

A seconda del paese in cui ci si trova, valgono le leggi per la protezione dei dati in vigore in quello Stato e per questo dovete informarvi su dove siano fisicamente i server utilizzati per il servizio di Cloud Hosting. Andate sul sicuro ed evitate di scegliere provider che non rivelano dove si trovino i loro server. Tuttavia, non basta che il server sia ad esempio ubicato in Italia o in Europa: se la sede del provider è al di fuori dell’Unione Europea, anche se i suoi server sono ancora in Europa, non sussiste nessun obbligo di attenersi alle leggi europee; perciò nella scelta bisogna valutare anche questi fattori.

L’uso ottimale di un Managed Cloud Hosting

Una volta che avete trovato un servizio di hosting che soddisfa i vostri requisiti in materia di sicurezza e protezione dei dati e che supporta il software utilizzato da voi, potete scegliere in modo personalizzato la vostra configurazione di base. È utile avere già un’idea generale su quali risorse hardware vi servano per avviare il vostro progetto in modo ottimale. Tuttavia potrete mantenere comunque un certo margine di libertà, dal momento che potete adeguare le prestazioni del vostro pacchetto quando volete. I provider offrono in genere diversi modelli tariffari fissi a prezzi più vantaggiosi, se ad esempio decidete di pagare una quantità precisa di risorse già in anticipo. Vi conviene optare per un modello simile, solo se utilizzate davvero queste risorse e non vi attestate molto al di sotto delle prestazioni scelte.

Anche la scelta del modello dipende dalle vostre esigenze: in teoria potete stabilire la soluzione ottimale per il vostro progetto, solo se analizzate i valori delle risorse utilizzate su base mensile o stagionale e individuate così le necessità reali. Nel caso di una crescita rapida o di un utilizzo altalenante delle risorse a disposizione, se offerta dal provider, dovreste optare per la versione flessibile “Pay as you use”.


Insieme ce la faremo. Noi di IONOS
#siamoquiperte
L'emergenza coronavirus è una sfida che dobbiamo vincere insieme.
In questo momento di incertezza vogliamo aiutarti a mandare
avanti la tua attività.
3 mesi omaggio
E-commerce
Crea il tuo negozio online.