Da hobby a professione: come guadagnare con Youtube

Il lavoro di uno YouTuber sembra troppo bello per essere vero: farsi dei video divertenti o dove si parla di un tema che si ritiene interessante e poi caricarli sul proprio canale di YouTube, ricavandone tantissimi soldi. Naturalmente la realtà non è così semplice come appare perché servono anche una dose di fortuna, molto lavoro, un considerevole dispendio di tempo e anche un certo talento davanti e dietro la videocamera. Sono pochi quelli che riescono a mantenersi solo con il loro canale YouTube, ma per chi se ne interessa come attività secondaria, la piattaforma video offre un’interessante possibilità. Si riesce a guadagnare qualcosa con YouTube, solo se si trova un’idea convincente e si ha un concept ben ponderato.

Come funziona YouTube da un punto di vista commerciale?

YouTube è la più grande video community sul web in tutto il mondo e leader incontrastato del mercato anche in Italia. La piattaforma è interessante per le imprese che cercano, a seconda delle possibilità, di acquistare uno spazio pubblicitario. Infatti, tramite i canali degli YouTuber più famosi, le imprese possono raggiungere in teoria moltissimi potenziali clienti. Per approfittare di questo gli YouTuber devono solamente iscriversi al Programma partner di YouTube e collegare il loro account a Google AdSense. Così possono monetizzare i video da loro caricati, permettendo alle imprese di acquistare uno spazio pubblicitario sul video.

Se i vostri clip contengono materiale protetto, che non avete prodotto o modificato voi, avete bisogno dell’autorizzazione scritta del proprietario per l’uso commerciale. I contenuti seguenti sono esempi di materiale protetto:

  • Titoli o frammenti di canzoni, per i quali è escluso un fatturato
  • In generale la musica (incluse cover, testi di canzoni e musica di sottofondo)
  • Foto, altre immagini e anche grafiche
  • Immagini prese da film e televisione
  • Materiale video da videogame o altri software
  • Registrazioni live (sport, concerti, show ecc.)

Quanto potete guadagnare dalla pubblicità inserita su YouTube, dipende da diversi fattori, tra i quali è decisivo il tipo di pubblicità. Ad esempio, per l’introduzione di un video pubblicitario si viene retribuiti molto meglio che per un banner o una classica inserzione testuale. In generale per poter usufruire di pubblicità video, si devono produrre video con un alto raggio di azione e generare molti click. Dagli introiti di AdSense, che vengono realizzati grazie alla visualizzazione delle inserzioni, si ottengono in quanto proprietari del video una parte del fatturato totale pari al 55%, mentre il restante 45% finisce nelle tasche di YouTube. Infine, è bene tenere presente che gli inserzionisti non pagano per i video pubblicitari che vengono interrotti nei primi 30 secondi, non traendo in questo caso alcun profitto.   

Cooperazioni e merchandising

Il Programma partner di YouTube e Google Adsense non sono le sole opzioni per guadagnare con YouTube (gli utenti negli USA possono anche rendere a pagamento l’abbonamento al proprio canale). Più il canale ha successo, più diventa interessante anche per la pubblicità indiretta (product placement). Detto in maniera semplice: si viene pagati da terzi per presentare un marchio o un prodotto nel video o nella descrizione oppure per esprimersi positivamente su di esso. È inoltre possibile che gli inserzionisti si riservino il diritto di ritoccare il video e, ad esempio, di inserire il loro logo o marchio. Un altro scenario possibile è che gli YouTuber vengano pagati per caricare link esterni di terze parti sul loro canale. Se si accetta una cooperazione di questo tipo e di inserire prodotti esterni nel clip, non si dovrebbe dimenticare di informare YouTube, attivando la rispettiva opzione di controllo nelle impostazioni ampliate del video.

A partire da un certo numero di iscritti, si può sfruttare anche la vendita di articoli per i fan. Una piccola scelta di merchandising, con t-shirt, maglioncini o cappelli, che hanno stampato il logo del canale, la griffe o espressioni legate al programma, può diventare un’ulteriore fonte di guadagno. Così c’è anche l’eventualità di ottenere qualche visualizzazione o follower in più. Per molte star di YouTube la sponsorizzazione e il merchandising costituiscono la metà dei loro guadagni.

I migliori metodi di guadagno con YouTube

Ci sono diverse possibilità per guadagnare con YouTube, ma non tutte hanno le stesse condizioni. I video pubblicitari sono pagati solo se vengono visualizzati minimo per 30 secondi o fino alla fine. Gli accordi con partner di terze parti possono essere stipulati, solo se si è già registrato un certo successo e per cominciare la vendita di articoli per i fan dovrebbero esserci delle persone interessate all’acquisto. Non si può pensare affatto ad una pianificazione degli introiti, ma è indiscutibile che alcuni YouTuber, anche italiani, si mantengano esclusivamente attraverso le loro attività sulla piattaforma video.

Anche se mancano delle dichiarazioni ufficiali sui reali guadagni degli YouTuber, si possono fare delle supposizioni sulla base del numero degli iscritti al canale e delle visualizzazioni dei video. Il sito web SocialBlade contiene statistiche dettagliate sul numero degli utenti e di click di un canale YouTube e determina, a partire da questi, il calcolo approssimativo degli introiti mensili e annuali. La seguente infografica mostra come il prezzo di vendita medio di un post sponsorizzato di YouTube si aggiri intorno a guadagni altissimi:

Cliccate qui per scaricare l’infografica su YouTube.

Il guadagno ottenuto dai post sponsorizzati dipende naturalmente dal numero di follower del canale su YouTube. Ma chi continua ad aumentare i suoi seguaci, ha buone possibilità di poter ottenere con YouTube, prima o poi, un guadagno, anche se solo accessorio.

I canali YouTube più amati internazionalmente (febbraio 2016):

 

Iscritti

Visualizzazioni

Anno di inizio

Nazione

Guadagni mensili

PewDiePie

~ 42 Milioni

~ 11 miliardi

2010

Svezia

55.300–884.800 €

HolaSoyGerman.

~ 26 Milioni

~ 2 miliardi

2011

Cile

11.500–183.900 €

Smosh

~ 22 Milioni

~ 5 miliardi

2005

USA

19.400–310.400 €

OneDirectionVEVO

~ 19 Milioni

~ 5,5 miliardi

2010

Gran Bretagna

45.500–727.900 €

RihannaVEVO

~ 18,5 Milioni

~ 8 miliardi

2009

USA

29.800–477.500 €

 

I canali internazionali più amati contano tra gli altri i canali di boyband come gli OneDirection e la cantante Rihanna. Seguono con numeri simili, altre pop star come Justin Bieber, Eminem, Taylor Swift o Katy Perry.

Il duo comico statunitense Smosh ha aperto il canale nel 2005. I loro video prendono spunto da situazioni della vita quotidiana e se ne prendono gioco.

Uno stile simile è quello dello YouTuber cileno HolaSoyGerman. Nei suoi oltre 100 video, immortala con uno stile ironico le situazioni più disparate della vita quotidiana. La maggior parte dei video sono in spagnolo.

Il canale con il maggior numero di iscritti in tutto il mondo è quello di Felix Kjellberg, conosciuto su YouTube come PewDiePie. Dal momento dell’apertura del canale, avvenuta nel 2010, ha pubblicato migliaia di video. Principalmente si tratta di Let’s Plays, cioè video nei quali si mostra come giocare ad un videogame e lo si commenta.

I quattro canali YouTube più amati in Italia (maggio 2016) sono:

 

Iscritti

Visualizzazioni

Anno di inizio

Guadagni mensili

Doc Tops

~ 3 Milioni

~ 520 milioni

2014

16.100–256.900€

Warner Music Italy

~ 1,5 Millioni

~ 1 miliardo

2010

9.400–151.200 €

FavijTV

~ 2,6 Milioni

~ 970 milioni

2012

9.500–152.200 €

St3pNy

~ 1,4 Milioni

~ 461 milioni

2010

7.900–126.400 €

 

Stefano Lerpi, in arte St3pNy, è uno YouTuber fiorentino. Diventato popolare soprattutto per i suoi video di Minecraft e di Clash Royale, ora è conosciuto anche per video divertenti, tra i quali la miniserie che ha come protagonista lui e le sue sfide culinarie.

Lorenzo Ostuni, in arte Favij, è il gamer più famoso d’Italia. Il suo canale, FavijTV ™, nasce con un focus sui videogame horror ma ben presto inizia a spaziare a giochi più leggeri come Happy Wheels e Cat Mario.

Il secondo canale più popolare in Italia è quello della Warner Music. Sul canale si possono vedere i video ufficiali ed ascoltare le canzoni degli artisti prodotti da Warner, tra i quali Laura Pausini, Max Pezzali, Ligabue e gli One Direction.

Doc Tops è il canale in assoluto più popolare in Italia. Al centro del canale ci sono i video prodotti da Luca Tops, uno YouTuber ecuadoriano, che trattano principalmente di teorie complottistiche e messaggi subliminali in cartoni animati e film.

Altri YouTuber famosi italiani sono iPantellas (Jacopo e Daniele), TheShow (Alessio e Alessandro) e Frank Matano, che girano video con sketch comici o scherzi con telecamere nascoste. L’unico YouTuber italiano famoso al di fuori dai confini nazionali è una ragazza: Marzia Bisognin, in arte CutiePieMarzia. I suoi video, in lingua inglese, sviluppano temi sulla moda, il cibo e il trucco e sono amati in tutto il mondo.

Come guadagnare con i propri video su YouTube

I guadagni stimati delle star di YouTube suonano più che allettanti ma, con l’eccezione di persone famose, già potenzialmente interessanti prima dell’apertura del canale per via della loro notorietà, gli YouTuber devono compiere una vera e propria scalata che all’inizio comporta guadagni davvero irrisori. Sebbene questo tipo di successo non sia pianificabile, ci sono alcuni consigli che si possono seguire per cominciare la propria avventura su YouTube e, a lungo termine, i video possono diventare una fonte di guadagno grazie al Programma partner e a Google AdSense. Di seguito vi diamo alcune indicazioni generali su come pensare e realizzare il vostro canale YouTube perfetto.

Trovare un’idea vincente

Prima di iniziare con le riprese, dovreste decidere il tema del canale. Siate sempre consapevoli che YouTube non aspetta certo voi e quindi siete proprio voi a dover convincere gli utenti. Il numero di YouTuber aumenta, mentre la percentuale di quelli che hanno un canale redditizio diminuisce sempre di più con il passare del tempo.

Per superare la concorrenza, avete bisogno di temi e format che arrivino agli utenti della piattaforma video e che non siano già stati scoperti da altri grandi canali. Più innovativa e richiesta è la vostra idea, maggiori sono le probabilità che il pubblico se ne interessi. Per trovare idee, orientatevi verso cose divertenti, che sapete fare bene o che conoscete bene. Solo se anche voi siete entusiasti dei vostri contenuti, riuscirete ad entusiasmare anche chi li visualizza.

Puntare su contenuti di alta qualità

La preparazione e la qualità dei vostri video hanno la stessa importanza del format e del tema. All’inizio forse non sarete sempre soddisfatti del risultato al 100%, ma questo dovreste vederlo come un incentivo, a far sempre meglio in futuro. Montaggio, lunghezza, luminosità, effetti e collegamenti al canale o ad altri video sono fattori importanti, che possono influire positivamente sulla qualità del vostro prodotto. Utilizzando parole chiave adatte e molto cercate, oltre che descrizioni rilevanti, il vostro video verrà trovato più facilmente dagli utenti. Infatti si consiglia di sviluppare una strategia di upload. Ad esempio, pubblicare video regolarmente, aumenta il raggio d’azione e fidelizza gli utenti già iscritti al canale. È consigliabile mettere a disposizione nuovo materiale video una o due volte alla settimana. Pensando a lungo termine, dovreste fare un video-blog dove comunicate con gli iscritti attraverso i vostri video e, ad esempio, li ringraziate per l’iscrizione al canale o rispondete ai commenti.  

Essere parte della community

Rispondendo ai commenti e ai desideri degli utenti, fate un passo in avanti decisivo sulla strada del successo perché YouTube non è solo una piattaforma video ma anche un social network. Aumentate il vostro raggio d’azione essendo attivi non solo sul vostro canale personale, ma anche su quelli altrui. Commentate, date la vostra opinione con video-risposte e cercate di cooperare con YouTuber influenti. Questo è anche un modo semplice per acquisire nuovi utenti, che non vi avevano trovato tramite i motori di ricerca.  

Potete presentare il vostro canale anche su altri social network. Facebook, Twitter e Co. sono ideali per far conoscere al mondo il vostro nuovo video, basta che colleghiate il vostro account con gli altri network nella descrizione del vostro canale e viceversa. Così potreste trovare partner influenti, utili per acquisire nuovi visitatori.

Guadagnare con YouTube: risultati

Insomma, tenendo in considerazione tutti questi elementi, risulta chiaro che guadagnare con YouTube non è semplice. Crearsi un ampio seguito di follower è faticoso e non si ottiene dall’oggi al domani; inoltre agli iscritti bisogna offrire sempre nuovi contenuti. Per non parlare del fatto che i contenuti prodotti, che devono sempre essere innovativi e appassionanti, oltre che di alta qualità, richiedono molto tempo per la loro preparazione.

Se vi approcciate al compito con tanta buona volontà e prefissandovi dei piccoli obiettivi, riuscirete in futuro a guadagnare con i vostri video. Nello sviluppo del vostro canale non ispiratevi a star come PewDiePie, ma focalizzatevi sul vostro progetto e il lavoro in rete. Se lavorate per aumentare la qualità del vostro video e create un valore aggiunto per un target preciso della piattaforma video, diventerete automaticamente dei partner pubblicitari rilevanti per le imprese.


Un momento! Prima di lasciarci scopri
la nostra offerta per il rientro dalle ferie:
dominio .it a 1 € per il primo anno!

Primo anno a 1 € IVA escl.,
poi 10 €/anno IVA escl.

Inserisci il dominio desiderato nella barra di ricerca per verificarne la disponibilità.