Pubblicità online con Ad Exchange

In rete ci sono innumerevoli possibilità per fare pubblicità e raggiungere così i potenziali clienti. Tramite il Real Time Advertising (l’acquisto di banner in tempo reale) sono nate negli ultimi anni molte nuove opzioni per gli inserzionisti e gli editori. Punto d’incontro delle due categorie è Ad Exchange, che mira a far incontrare la domanda e l’offerta.

Cos’è Ad Exchange?

Con il termine Ad Exchange si indicano delle piattaforme online in cui si incontrano gli editori e gli inserzionisti per contrattare sugli spazi pubblicitari. Gli editori sono ad esempio il gestore di un sito, di un blog o di un online magazine, che offrono gli spazi pubblicitari a loro disposizione. Gli inserzionisti sono costituiti dai singoli utenti, dagli intermediari o dai network che valutano le offerte per gli spazi disponibili, in cui posizionare gli annunci pubblicitari.

Tramite un processo automatico, la piattaforma comunica in tempo reale i prezzi per gli spazi pubblicitari e l’inventario. Il prezzo viene stabilito in base alla domanda e all’offerta, utilizzando il procedimento di un’asta. I processi che entrano in gioco sono quelli del Real Time Advertising e del Real Time Bidding.

Real Time Advertising

Con Real Time Advertising (RTA), in italiano “pubblicità in tempo reale”, si indica l’acquisto in tempo reale di inserzioni virtuali (come i banner). Lo scopo di queste piattaforme per la vendita è quello di semplificare e velocizzare le trattative tra inserzionisti ed editori.

Real Time Bidding

Il Real Time Bidding (RTB) è un processo specifico dell’RTA. L’RTB consiste nella vendita online all’asta ed in tempo reale di Impression, che rappresentano il numero di volte in cui un’inserzione verrà visualizzata dagli utenti. I rilanci avvengono in maniera automatica tramite diversi strumenti e l’asta viene vinta dall’annuncio con l’offerta più alta.

Come funziona Ad Exchange?

Su una piattaforma di Ad Exchange vengono contrattate le Impression, ovvero le visualizzazioni del singolo annuncio. Gli editori le inseriscono nella Supply-Side Platform, dove si gestiscono le offerte. Le domande vengono invece raccolte sulla Demand-Side Platform.

Ad Exchange: il termine Ad Exchange descrive una piattaforma sulla quale si contratta l’inventario delle inserzioni (Page Impressions).

Supply-Side Platform (SSP): su una Supply-Side Platform gli editori inseriscono il loro inventario. Qui si gestiscono e si mettono a disposizione le offerte.

Demand-Side Platform (DSP): sulla Demand-Side Platform vengono comunicate le richieste degli inserzionisti. Una piattaforma DSP attinge ai dati dell’inserzionista, organizzando e ottimizzando così la domanda.

Lo scenario che si prospetta è il seguente: un utente arriva su un sito, dove l’editore offre le sue Impression tramite Ad Exchange. Ora inizia il dialogo tra le piattaforme SSP e DSP.

  • Sulla piattaforma SSP sono presenti informazioni rilevanti come la categoria dello spazio pubblicitario, User ID per numero di visualizzazioni o altri dati per il targeting e il retargeting.
  • Sulla piattaforma DSP vengono verificati questi dati e si decide se e quale campagna deve essere visualizzata.
  • Sempre su questa piattaforma viene fatta un’offerta per conto dell’inserzionista per uno spazio pubblicitario e per un numero di visualizzazioni.
  • Sulla piattaforma SSP vengono ricevute diverse offerte, viene comunicato l’offerente che offre di più (tramite RTB) e viene visualizzato il suo annuncio.
  • L’utente non si accorge di niente perché il processo dura solo alcuni millisecondi.

Vantaggi e svantaggi di Ad Exchange

Le diverse piattaforme e sistemi per l’Ad Exchange permettono di collegare tra loro molte informazioni preziose. Ciò consente all’inserzionista di raggiungere proprio il suo target. Per questo Ad Exchange offre ai suoi inserzionisti:

  • Minori perdite
  • Un aumento del Return on Investments (ROI)
  • Un miglioramento generale della performance

Il Real Time Marketing è solo una delle tante possibilità per la pubblicità online, che si sta sviluppando sempre più: le piattaforme di Ad Exchange vengono infatti costantemente migliorate, integrando nuovi processi e sistemi. Ma per utilizzarle, c’è bisogno senz’altro di avere delle conoscenze approfondite. Qualora non si posseggano, è possibile rivolgersi ad agenzie internazionali e talvolta nazionali che si occupano di questo servizio, anche se si è ben lontani da raggiungere i livelli degli USA, un precursore in questo campo.

Alcune delle più conosciute piattaforme per l’Ad Exchange sono:

Ad Exchange nell’ambito dell’online marketing

L’Ad Exchange e l’RTB sono ancora poco conosciuti in Italia. Negli Stati Uniti, invece, le piattaforme Ad Exchange stanno sostituendo sempre più il classico display marketing. Soprattutto per gli editori emergono nuove possibilità di aumentare i propri introiti guadagnando con il proprio blog o sito web. Gli inserzionisti o gli advertiser traggono vantaggio a loro volta da questo sistema: grazie ad un targeting mirato raggiungono meglio il loro pubblico di riferimento e utilizzano in maniera ottimale il budget a loro disposizione per mostrare i loro annunci su un sito. Cimentandosi con Ad Exchange, l’arte di farsi pubblicità online si schiuderà davanti a vostri occhi.


Un momento! Prima di lasciarci scopri
la nostra offerta per il rientro dalle ferie:
dominio .it a 1 € per il primo anno!

Primo anno a 1 € IVA escl.,
poi 10 €/anno IVA escl.

Inserisci il dominio desiderato nella barra di ricerca per verificarne la disponibilità.