Arch Linux: la distribuzione Linux semplice e leggera

La distribuzione Arch Linux convince soprattutto per la sua grande attualità e versatilità. Con Pacman, il sistema ha un gestore di pacchetti molto veloce e affidabile. Arch Linux non usa strumenti grafici ed è quindi particolarmente adatta a sviluppatrici e sviluppatori esperti.

Prova gratuita per VPS di IONOS

Prova subito un VPS gratis - Prova il tuo server virtuale per 30 giorni!

Risorse dedicate
Traffico illimitato
Consulente personale

Cos’è Arch Linux?

Arch Linux è una distribuzione Linux per i server che è stata ottimizzata per AMD64 ed è stata distribuita come rolling release (“a rilascio continuo” in italiano) dal 2002. La base e la massima della distribuzione è il cosiddetto principio KISS, che è stato stabilito fin dagli albori dall’allora responsabile del progetto Judd Vinet e dal suo team. “KISS” è acronimo di “Keep it simple, stupid” (che in italiano si potrebbe tradurre con “falla semplice, stupido”) e descrive l’approccio minimalista della distribuzione. Arch Linux non usa aiuti grafici per l’installazione e la configurazione, il che significa che la distribuzione è rivolta più che altro a sviluppatrici e sviluppatori esperti. Dal 2020, Arch Linux è stata ulteriormente sviluppata da un team guidato da Levente Polyak insieme a “utenti di fiducia” e pubblicata con General Public License.

Cosa offre Arch Linux?

Il minimalismo accennato sopra è una delle caratteristiche peculiari di Arch Linux. La distribuzione non solo fa a meno di molti aiuti grafici, ma nella maggior parte dei casi usa anche un codice sorgente il più invariato possibile per il software integrato. Inoltre, Arch Linux si basa su Linux from Scratch. Anche se la distribuzione stessa fornisce solo pochi strumenti, offre molte possibilità. Così, sia le applicazioni gratuite che quelle commerciali possono essere installate e utilizzate facilmente e senza restrizioni.

Questo significa anche che Arch Linux è adatto per una vasta gamma di applicazioni diverse. Da una struttura server agile a un desktop completamente equipaggiato, tutto è possibile. Un’altra caratteristica speciale è l’attualità, garantita dal principio del rolling release, grazie al quale anche i grandi cambiamenti sono incorporati nei pacchetti entro poche settimane. La community molto coinvolta fornisce inoltre numerose documentazioni per una varietà di scopi applicativi diversi.

Un’altra peculiarità è Pacman, un gestore di pacchetti sviluppato appositamente per Arch Linux. Può scaricare direttamente i pacchetti dai repository di Arch, installarli, aggiornarli e rimuoverli, se necessario. Questo vale anche per la gestione delle fonti locali.

Quali sono i requisiti di sistema?

Prima di iniziare con l’installazione di Arch Linux, dovreste assicurarvi che tutti i requisiti necessari siano soddisfatti. Il vostro computer dovrebbe avere almeno 512 MB di RAM e 1 GB di memoria. Per stare certi di non incorrere in problemi, si raccomandano 2 GB di RAM e 20 GB di memoria. Il computer dovrebbe anche essere compatibile con x86-64. Sono importanti anche una connessione Internet funzionante e una chiavetta USB con una capacità di memoria di almeno 2 GB.

Quali vantaggi e svantaggi presenta Arch Linux?

Arch Linux è una distribuzione molto particolare rispetto alle altre e offre vari vantaggi e alcuni svantaggi. Molti punti dipendono dalle proprie esigenze e dalla finalità d’uso.

Vantaggi

  • Rolling Release: grazie al principio del rilascio continuo, Arch Linux è sempre aggiornato e non deve essere reinstallato.
  • KISS: il principio KISS e la semplicità che ne deriva offrono una grande libertà e una posizione di partenza agevole. Potete fare a meno dei pacchetti superflui senza esitazione e costruire così un sistema che soddisfa completamente le vostre esigenze.
  • Pacman: anche il gestore di pacchetti Pacman è un vantaggio di Arch Linux e ora viene usato anche per altre distribuzioni. Non solo è molto affidabile, ma anche relativamente veloce.
  • ABS: ABS (Arch Build System) è la gestione dei pacchetti di Arch Linux e può anche essere personalizzata.
  • AUR: l’Arch User Repository è gestito dalla community e fornisce una varietà di software diversi. Mentre questo è generalmente un vantaggio, è sempre importante dare un’occhiata più da vicino al rispettivo pacchetto.
  • Documentazione: la documentazione di Arch Linux è molto ampia e quindi facilita la gestione e il lavoro quotidiano con la distribuzione. Grazie alla community molto coinvolta, diversi problemi vengono rapidamente identificati, risolti e documentati.

Svantaggi

  • Grado di difficoltà: Arch Linux fa a meno di strumenti grafici e quindi non è facile da padroneggiare, soprattutto per i principianti. La distribuzione è rivolta più alle sviluppatrici e agli sviluppatori esperti.
  • Installazione: lo stesso vale per l’installazione, che si basa sulla riga di comando e per questo richiede alcune conoscenze particolari. Applicazioni, ambienti e utilità devono venir installati anche manualmente.
  • Possibile instabilità: a causa del principio del rilascio continuo, di tanto in tanto possono verificarsi dei problemi, poiché non tutti i pacchetti sono sempre testati nei minimi dettagli. Nel complesso, Arch Linux è un sistema molto stabile, ma la versione più recente può ancora causare problemi, almeno nel breve periodo.

A chi è adatta la distribuzione Linux?

Arch Linux si rivolge principalmente agli utenti esperti o a coloro che vogliono migliorare la loro conoscenza di Linux. Si addice anche a chi ha sempre bisogno o voglia di usare il software più recente. Dopo tutto, i rilasci continui significano che sarete sempre aggiornati. Anche gli utenti che vogliono impostare un sistema interamente secondo le proprie idee saranno soddisfatti da Arch Linux. Per i principianti, tuttavia, la distribuzione è meno adatta.

Quali alternative ci sono ad Arch Linux?

Oltre alle due distribuzioni più note, Ubuntu e Debian, esistono anche numerose alternative minori ad Arch Linux. I due successori CentOS, AlmaLinux e Rocky Linux così come per il PC Linux Mint e Manjaro Linux meritano una menzione speciale. Se servono test di penetrazione e informatica forense, si raccomanda Kali Linux. Per lavorare con il cloud, per esempio, si consiglia la distribuzione ad alte prestazioni Clear Linux.