Servizi di archiviazione cloud: le migliori alternative a Dropbox

Che sia per lavoro o per uso privato, i servizi di file hosting o meglio di cloud storage per la messa in sicurezza, la sincronizzazione e la condivisione di file, sono pratici ed apprezzati. Dropbox è l’unico fornitore che ha reso popolare l’utilizzo dell’archiviazione file tra utenti privati e aziende. Ad ogni modo esistono anche molte alternative a Dropbox, poiché anche la concorrenza non ha impiegato molto a riconoscere il potenziale delle soluzioni cloud. Ma quali buone alternative ci sono a Dropbox? E come si fa a scegliere tra le tante? Al fianco di grandi multinazionali (Amazon, Apple, Google, Microsoft, ecc.) vi sono anche altre piccole aziende sul mercato.

Introduzione alla memoria cloud

Il concetto di file hosting definisce la messa a disposizione di file in Internet. Poiché a questo scopo viene utilizzato in larga parte il cloud computing, si parla in questi casi di una memoria cloud, e quindi di cloud storage o cloud hosting.

Ma che cosa significa cloud computing? Il concetto definisce solamente che i programmi eseguiti sul computer sono connessi a una rete. Dunque i file non sono (unicamente) sul computer utilizzato, ma nel cloud (letteralmente “nuvola informatica”), al quale è connesso il proprio computer. Determinate porte rendono possibile la coordinazione tra il proprio computer e un server cloud (o più server), i quali sono collegati nel cloud computing.

Funzioni del cloud storage

La memoria cloud permette l’archiviazione, la classificazione e soprattutto l’accesso, a file su una memoria online. Tutto ciò di cui avete bisogno è un computer e una connessione Internet sufficientemente veloce. Con la maggior parte dei provider potete gestire, elaborare così come caricare e scaricare documenti, musica, foto, video, ecc. con il computer, con uno smartphone o con un tablet. Le piattaforme di file hosting vengono spesso utilizzate al fine di accedere ai propri dati sempre e ovunque, condividerli con altri utenti o per archiviare i backup dei propri file.

Inoltre il cloud storage è particolarmente utile ed apprezzato per il lavoro di gruppo. I file possono essere scambiati senza troppa fatica ed essere elaborati da diverse persone. Nella memoria cloud i file vengono sincronizzati automaticamente non appena vengono apportate delle modifiche.

Protezione dati e il cloud

In passato diversi fornitori di servizi cloud hanno ricevuto pubblicità negativa per quanto riguarda la protezione dei dati. Non solo gli hacker riuscivano ad accedere ai servizi di cloud storage, ma anche i servizi segreti americani prendevano visione dei file contenuti in diversi account utente di Dropbox. Per questo motivo gli esperti consigliano di criptare sempre tutti i file che si vogliono caricare in un servizio di cloud storage. Anche se a dire il vero sarebbe meglio che i file sensibili non venissero proprio messi nel cloud computing.

Per le aziende la posizione del server può essere un fattore importante. La posizione di un computer sul quale si trovano i file dell’utente stabilisce infatti le norme di sicurezza dei dati. I server di molti di questi servizi si trovano principalmente o interamente negli Stati Uniti, dove la sicurezza dati è essenzialmente meno rigorosa rispetto all’Unione Europea.

In generale è sconsigliabile salvare dati cliente riferiti a persone in una memoria cloud, sebbene a metà 2016 sia entrato in vigore un accordo tra l’UE e gli Stati Uniti, con il quale i dati provenienti dall’Europa e trasferiti negli USA dovrebbero ricevere più protezione. Tuttavia molti esperti criticano lo scudo per la protezione dei dati tra UE e USA, poiché non garantirebbe comunque abbastanza sicurezza dei dati degli utenti europei e le autorità americane potrebbero comunque prendere visione dei dati personali degli utenti europei con facilità. Per questo motivo, ancora di più, dovreste evitare di affidare i dati cliente a una memoria cloud se i server del provider sono situati fuori dall’Unione Europea.

Dropbox: vantaggi e svantaggi

Perché sono necessarie delle buone alternative a Dropbox? Questo servizio di archiviazione online, basato negli Stati Uniti, fa parte adesso come in passato delle piattaforme più amate in questo settore. Tuttavia Dropbox ha dei vantaggi e degli svantaggi.

Dropbox può essere utilizzato in diverse versioni. Nella versione gratuita gli utenti hanno a disposizione 2 GB di spazio di archiviazione, ma questo può essere ampliato grazie a determinate attività. Ad esempio tramite la raccomandazione di Dropbox ad amici. Chi invece non vuole perdere tempo e desidera una capacità di archiviazione maggiore, deve passare a una versione a pagamento. Dropbox ha anche una versione per imprese, con la quale si può attingere a uno spazio di archiviazione pressoché illimitato.

Dropbox sotto molti aspetti è uno dei migliori provider di file hosting, che si possa trovare sul mercato. Ad esempio l’applicazione è tecnicamente molto ben sviluppata. Certamente però assieme a molti meriti, Dropbox presenta anche alcune carenze. Abbiamo riassunto per voi i vantaggi e gli svantaggi qui di seguito:

Vantaggi

  • Interfaccia ben ordinata e facilmente comprensibile: l’utilizzo di Dropbox è oltremodo facile. Con la struttura panoramica delle cartelle e la funzione di Drag&Drop per lo spostamento dei file, chiunque dovrebbe riuscire a destreggiarsi in fretta.
  • Supportato in molti sistemi operativi: quasi nessun altro servizio di archiviazione cloud funziona su un così grande numero di app per i più diversi sistemi operativi. Da Windows (anche le versioni mobili), Linux e macOS, fino ad Android e iOS: Dropbox è utilizzabile su praticamente qualunque dispositivo.
  • Molte funzioni ed estensioni: la popolarità del programma è dovuta allo sviluppo di diverse funzioni. Ad esempio la possibilità di creare dei gruppi di lavoro o quella di allegare documenti Office direttamente su Dropbox, oppure ancora la condivisione di file con utenti che dispongono di un account Dropbox. In aggiunta esistono diversi tool.
  • Tecnica di criptaggio efficiente: i file vengono muniti di una crittografia AES 256 Bit (la più potente di tutti i metodi di criptaggio), prima di essere archiviato. Inoltre la trasmissione dei file viene codificata attraverso il protocollo crittografico TLS/SSL.

Svantaggi

  • Sempre e comunque problemi con la sicurezza dati: Dropbox è stato spesso criticato riguardo alla sicurezza dei file archiviati e dei dati degli utenti. Il motivo è sia la collaborazione con i servizi segreti americani, NSA, sia perché gli hacker riuscivano ad ottenere gli indirizzi e-mail e le password degli utenti.
  • La maggioranza dei server è negli USA: tutti i file dei clienti privati di Dropbox si trovano su server americani e ricadono dunque all’interno delle norme americane per la protezione dati. Infatti Dropbox utilizza contemporaneamente data center in territorio europeo per l’hosting degli account, nello specifico in Germania, il cui uso è per il momento possibile solo per le aziende che abbiano più di 250 utenti Dropbox.
  • Poco spazio di archiviazione gratuito: nella variante gratuita di Dropbox, gli utenti ricevono inizialmente solo 2 GB di spazio di archiviazione. Sebbene tramite il reclutamento di nuovi utenti e altre azioni sia possibile ottenere ulteriore capacità gratuitamente, con altri servizi di file hosting su cloud si riceve sin dall’inizio una capacità di archiviazione gratuita maggiore.
  • Nessuna applicazione Office su cloud: documenti quali file di testo o presentazioni devono essere aperti con un programma apposito, che deve dunque essere installato nel relativo computer o dispositivo mobile. Chiaramente non su ogni computer e soprattutto su ogni dispositivo mobile è installato il giusto software per la lavorazione di tali file. Altri servizi di archiviazione cloud hanno risolto questo problema, facendo sì che i documenti possano essere elaborati direttamente nel browser, tramite appositi programmi (quali Microsoft OneDrive con Microsoft Office Online). Dropbox non offre una simile funzione.

Alternative a Dropbox

Dropbox è uno dei servizi di file hosting operanti da più tempo, ma nel frattempo molte aziende si sono avventurate nel mercato dell’archiviazione cloud. Qui di seguito vi presentiamo alcune delle migliori alternative a Dropbox.

STRATO HiDrive

Anche il webhoster STRATO ha deciso di presentare la propria alternativa a Dropbox con il suo HiDrive, perprivati e aziende. Il servizio di cloud vi offre massima flessibilità e libertà da tutti i dispositivi sia per quanto riguarda l’accesso che per l’archiviazione dei dati. A questo scopo STRATO oltre a mettere a disposizione un’applicazione web, offre anche client desktop per Windows e macOS, così come app mobile per iOS e Android. Queste ultime permettono una sincronizzazione intuitiva ed efficace dei vostri file dati e una funzione di scansione per salvare direttamente sul cloud e in formato PDF le fotografie fatte ai documenti (inclusa anche la feature per il riconoscimento ottico dei caratteri).

Consiglio

Informazioni più dettagliate riguardo al servizio HiDrive e ai pacchetti disponibili per clienti privati e aziende le trovate sul sito ufficiale.

Tutti i file vengono codificati (AES 256) e archiviati nel data center dell’azienda in Germania (ISO 27001). Inoltre il protocollo crittografico TLS e i backup automatici garantiscono ulteriore protezione. Diversamente da altri provider di servizi cloud, STRATO non offre alcuna opzione gratuita del proprio servizio d’archiviazione. I clienti privati devono scegliere tra quattro diversi pacchetti a pagamento che variano tra i 2 (100 GB) e i 15 euro (2 TB) al mese. I pacchetti business offrono spazi di archiviazione fino a 10 TB (100 € al mese) accessibili da un massimo di 20 utenti. Ai costi di qualsiasi di questi pacchetti sono da aggiungere 10 euro per l’installazione del servizio.

Vantaggi

Svantaggi

I dati sono disponibili ovunque vi troviate e da qualsiasi dispositivo (sia online che offline)

Edizione gratuita non disponibile

Ottima usabilità anche per l’utilizzo condiviso dello spazio di archiviazione

Costi d’installazione di 10 euro per qualsiasi pacchetto

Pacchetto di sicurezza di primo livello (server, crittografia, sistema di backup, ecc.)

 

Amazon Drive

Con Amazon Drive (prima chiamato Amazon Cloud Drive) avete la scelta tra una soluzione gratuita e diversi piani di archiviazione a pagamento. Se decidete di optare per la soluzione gratuita, avrete a disposizione uno spazio di archiviazione di 5 GB da utilizzare per foto, video e tutti i tipi di file che desiderate. Come clienti di Amazon Prime (al costo di circa 8 euro al mese) lo spazio di archiviazione per le foto è illimitato e disporrete inoltre dei vantaggi di Prime come le migliori condizioni di spedizione per le ordinazioni su Amazon nonché l’utilizzo delle offerte di musica e video. Le condizioni di pagamento, valide per un anno, partono da circa 20 euro per 100 GB. Se invece optate per lo spazio di archiviazione più voluminoso, che fornisce 30 TB di memoria, il prezzo da pagare è di circa 3.000 Euro.

A entrambe le offerte di Amazon Drive mancano tuttavia alcune funzioni, presenti invece sulla maggior parte degli altri provider, in particolare le funzioni di lavoro in team su un documento o la sincronizzazione dei file.

Vantaggi

Svantaggi

Spazio di archiviazione per le foto illimitato per i clienti Amazon Prime

Localizzazione dei server internazionale: quindi non sapete dove sono salvati i vostri dati

Collegamento efficace con altri servizi Amazon Prime

Nessuna funzione di lavoro di gruppo tra più utenti e nessuna sincronizzazione automatica dei file

Piani di archiviazione molto flessibili

 

Box

L’azienda californiana Box opera sul mercato sin dal 2005 e quindi da due anni prima di Dropbox. I due servizi si assomigliano sotto numerosi punti di vista: anche Box utilizza la crittografia AES operante con gruppi di bit da 256 Bit di lunghezza e punta sulle proprie funzioni. L’utilizzo di Box è inoltre leggermente più facile rispetto a Dropbox.

Gli utenti privati ricevono uno spazio di archiviazione gratuito di 10 GB. Tuttavia con questa offerta i file caricati non possono essere più grandi di 250 MB, e l’upload di file più pesanti è dunque impossibile (quantomeno non tutti insieme). Per un prezzo che si aggira poco al di sotto di 10 euro al mese, il limite di upload di un singolo file viene alzato a 5 GB; allo stesso tempo avrete a disposizione un totale di 100 GB di spazio di archiviazione, che, se paragonato ad altri provider, risulta essere relativamente poco. Vi sono anche altri pacchetti per clienti business, che partono da circa 4 euro a salire (con uno spazio di archiviazione di 100 GB e un limite di grandezza dei file da caricare di 2 GB).

Vantaggi

Svantaggi

Molto facile da utilizzare e ampio spazio di archiviazione gratuito (10 GB)

Upload di singoli file limitato a 250 MB con l’offerta gratuita

Programmi e applicazioni disponibili per la maggior parte delle piattaforme (Windows, macOS, Android, BlackBerry 10, iOS)

Tariffe non molto convenienti. Vi sono alternative che allo stesso prezzo offrono di più

Molte funzioni per il lavoro di gruppo su documenti e progetti (come ad esempio il calendario)

 

Rapporto qualità/prezzo conveniente per le aziende

 

Google Drive

Anche per quanto concerne Google Drive, si tratta di un servizio di archiviazione cloud ampiamente diffuso. Per ottenere i 15 GB di spazio di memoria, vi basterà registrare un account Google. In questi 15 GB verranno però calcolati anche tutti i file che avete salvato presso altri servizi Google (come Gmail, Google Photos). Chi necessita di maggior spazio di memoria online, può ottenere 100 GB per pochi euro al mese o 1 TB con qualche euro in più. Indipendentemente se sceglierete la versione gratuita o a pagamento di Google Drive, i vostri dati saranno sempre protetti tramite crittografia già a partire dalla trasmissione.

Un grande punto a favore di Google Drive è l’integrazione della suite di Office con la quale è possibile lavorare a documenti di testo (Google Docs), tabelle (Google Sheets) e presentazioni (Google Slides) direttamente nel browser. I documenti possono anche essere elaborati in gruppo: ogni modifica verrà salvata automaticamente e per ogni documento verrà fornita una cronologia delle versioni (tracciabile fino a 30 giorni). Infine i singoli utenti possono comunicare velocemente l’uno con l’altro grazie a diverse funzioni di commento e di chat.

Vantaggi

Svantaggi

Molto spazio di memoria gratuito (15 GB); anche le versioni a pagamento sono comparabilmente convenienti

Server internazionali, nessuna sicurezza su dove siano fisicamente archiviati i vostri dati

Ottima funzionalità della funzione integrata di Microsoft Office (Google Docs, Google Sheets e Google Slides); anche il lavoro in contemporanea di diversi utenti allo stesso documento non presenta problemi

Nessuna informazione sul grado di crittografia

Buona interfaccia di lavoro

 

iCloud Drive

iCloud Drive è un componente di iCloud e vi offre 5 GB di memoria gratuita espandibile in qualunque momento. Si possono avere 50 GB per un canone di circa 1 euro al mese, mentre una capacità maggiore fino a 2 TB si aggira attorno ai 10 euro mensili. Il servizio di archiviazione di Apple non è disponibile unicamente per dispositivi Apple, bensì può essere utilizzato anche su Windows. Tuttavia iCloud Drive rimane decisamente una buona opzione principalmente per gli utenti Apple, i quali dispongono già di un account iCloud su Mac e/o su iPhone e che lo utilizzano anche per altre ragioni. Con iWork anche i programmi Office sono inclusi nel servizio Apple, e sono utilizzabili direttamente sul browser.

Vantaggi

Svantaggi

I file sono utilizzabili senza problemi da tutti i dispositivi connessi con iCloud Drive e vengono sincronizzati continuamente

A parte Windows, nessun supporto da altre piattaforme non Apple (come Android o Windows Phone)

Apple offre un proprio pacchetto Office, con il quale più utenti possono lavorare agli stessi documenti contemporaneamente

Nessuna garanzia riguardo al luogo di archiviazione: non sapete dove siano salvati i vostri dati

Microsoft OneDrive

Con l’archiviazione cloud di Microsoft OneDrive riceverete 5 GB di spazio di archiviazione gratuito, che può essere ampliato a 50 GB per un paio di euro al mese. I documenti sono elaborabili con Microsoft Office Online. Anche il lavoro di gruppo è supportato da diverse funzioni.

Per un canone mensile di meno di 10 euro potrete disporre di 1 TB, al quale va ad aggiungersi la possibilità di utilizzare i programmi di Microsoft Office come Word, Excel, PowerPoint ed altri, grazie a Office 365. La particolarità con Microsoft OneDrive è che, diversamente da Google Drive, i programmi Office sono fruibili anche offline. Per circa 10 euro al mese ben 5 utenti possono accedere allo stesso Microsoft OneDrive account (con 1 TB di spazio di memoria per persona) così come ad Office 365. Per le aziende l’offerta è diversa. Sempre sulla nostra guida trovate un’introduzione completa alle diverse offerte della combinazione di OneDrive e Office 365.

Vantaggi

Svantaggi

Con Office 365 riceverete un eccezionale e vantaggioso pacchetto Office dotato di numerose funzioni

Una capacità di soli 5 GB di memoria con l’account gratuito; altri servizi offrono più spazio nella versione non a pagamento

Molte offerte per clienti privati e aziende, convincenti per il buon rapporto qualità-prezzo

Server internazionali, nessuna sicurezza su dove siano fisicamente archiviati i vostri dati

Facilità di utilizzo

 

SecureSafe

Le soluzioni offerte da SecureSafe sono rivolete particolarmente alle aziende che vogliono la miglior protezione possibile per i propri dati. Tutti i dati vengono salvati su dei server in Svizzera, criptati e custoditi. Un backup ridondante triplo e un’autentificazione utente tramite Secure Remote Password Protocol (SRP) servono a garantire la protezione dei file. Non soltanto questo programma è utile per archiviare online i vostri dati, ma anche come manager per le vostre password, inclusa una pratica funzione di importazione ed esportazione.

Per gli utenti privati vi è una variante gratuita, con la quale però si dispone unicamente di 100 MB di memoria ed è possibile salvare 50 password; naturalmente è possibile ottenere maggiore spazio a pagamento (ad esempio 100 GB per circa 11 euro al mese). L’offerta è particolarmente interessante per le aziende, le quali per poco meno di 10 euro a persona, quindi tre o più colleghi, dispongono di 100 GB di spazio di archiviazione per un massimo di 10 diverse aree di lavoro.

Vantaggi

Svantaggi

Server in Svizzera, protezione dati maggiore simile a quella nell’UE

Spazio di memoria molto limitato per la versione gratuita (100 MB)

Alto livello di sicurezza in tutti i campi, dal login alle password, alla crittografia dei dati e alla trasmissione dati, ecc.

Relativamente costoso; adatto solo per salvare piccoli file e password

 

Versione in italiano non disponibile

SpiderOak

SpiderOak è tra i migliori fornitori americani per la crittografia dei file, non per niente raccomandato dal’ex agente della CIA e whistleblower Edward Snowden come soluzione cloud. Con SpiderOak il criptaggio dati inizia direttamente sul vostro computer e non a partire dalla trasmissione. Così facendo solo i possessori di un account possono accedere ai file, mentre questi rimangono celati anche al provider del servizio. Ma la sicurezza ha un costo. SpiderOak può essere testato gratuitamente solo per un dato lasso di tempo, dopodiché bisogna scegliere uno dei pacchetti, i quali sono pensati principalmente per aziende e che paragonati ad altri provider sono un po’ più costosi.

Vantaggi

Svantaggi

Maggior sicurezza dati possibile: i file criptati ad ogni passaggio; viene garantito il “zero-knowledge protocol” (in italiano “protocollo a conoscenza zero”), che vieta l’accesso ai file anche allo staff di SpiderOak

Server esclusivamente negli Stati Uniti d’America. I dati dispongono perciò di una protezione minore rispetto a quella di un server all’interno dell’Unione Europea

Ottimo servizio clienti, esclusivamente in lingua inglese

Versione in italiano non disponibile

Supporta anche il sistema operativo Linux

Nessuna versione gratuita disponibile in maniera duratura

Your Secure Cloud

Your Secure Cloud attribuisce un grande valore alla sicurezza e anche in questo caso i dati vengono criptati già a partire dal computer dell’utente. Inoltre questa alternativa si distingue per l’ubicazione dei server: questa azienda fondata a Norimberga nel 2014 memorizza i file esclusivamente su server situati in Germania. Il servizio di messaggistica, la gestione di gruppi e la possibilità di creare wiki rendono più semplice la collaborazione di più persone a un progetto. Nella panoramica delle attività potete inoltre vedere ogni variazione nelle singole librerie nelle quali Your Secure Cloud salva i vostri file.

L’accesso al vostro “Your Secure Cloud” personale si può effettuare o attraverso l’applicazione web o dai client messi a disposizione dal fornitore per macOS, Linux, Windows, iOS e Android. Dopo un periodo di prova di 14 giorni, è necessario stipulare un abbonamento a pagamento per poter continuare ad utilizzare il servizio. I clienti privati ricevono 10 GB di spazio di memoria per poco più di due euro al mese, oppure 100 GB per 8 euro circa al mese. Nel modello business, per team da 2 a 10 persone, il costo è di meno di 5 euro al mese a persona con 50 GB di memoria per ogni utente.

Vantaggi

Svantaggi

Server in Germania, i vostri dati sono protetti in conformità alle leggi tedesche

Nessuno spazio di archiviazione gratuito

Altissimo livello di sicurezza dei dati prima, durante e dopo la trasmissione, grazie alla crittogriafia; è inoltre possibile proteggere ogni cartella con una password

Lo spazio di archiviazione è costoso rispetto ad altri servizi

Supporta anche i sistemi operativi Linux

Servizio disponibile solo inglese e in tedesco

Servizi di archiviazione cloud a confronto

  Piattaforme supportate Sicurezza Possibilità di lavoro in gruppo tra diversi utenti Lingua italiana Ubicazione dei server Versione gratuita disponibile (con indicazione della memoria disponibile)?
Dropbox Windows, macOS, Linux, Android, iOS. Crittografia AES 256 bit, TLS/SSL Quasi esclusivamente negli Stati Uniti Sì (2 GB), ampliabile ad esempio grazie alla registrazione su invito di nuovi utenti, collegamento degli account Facebook e Twitter con Dropbox, e altre iniziative speciali
Amazon Drive Windows, macOS, Android, iOS Nessuna informazione disponibile - Internazionale Sì (5 GB)
Box Windows, macOS, Android, iOS. Crittografia AES 256 bit, TLS/SSL Internazionale Sì (10 GB)
Google Drive Windows, macOS, Android, iOS. Crittografia AES 128 bit, TLS/SSL Europa, USA, Asia Sì (15 GB)
iCloud Drive macOS X, iOS, Windows. Crittografia AES di minimo 128 bit minimo, TLS/SSL Nessuna informazione disponibile Sì (5 GB)
Microsoft OneDrive Windows, macOS, Android, iOS. Crittografia AES 256 bit, TLS/SSL Europa, USA, Asia, Australia Sì (5 GB)
SecureSafe Windows, macOS, Android, iOS. Crittografia AES 256 bit, TLS/SSL Svizzera Sì (100 MB)
SpiderOak Windows, macOS, Linux, Android, iOS. Crittografia AES 256 bit, TLS/SSL - USA No (solo versione di prova)
STRATO HiDrive Windows, macOS, Linux, Android, iOS. Codifica AES a 256 bit, TLS/SSL Germania No
Your Secure Cloud Windows, macOS, Linux, Android, iOS. Crittografia AES 256 bit, TSL/SSL Germania No

L’alternativa privata per il file hosting: creare un proprio spazio di archiviazione online con ownCloud

Per coloro che preferiscono fare da sé vi è anche l’opzione di installare un file server privato. Chi desidera avere il top in materia di archiviazione online dei dati può fare affidamento su un software per il file hosting e creare il proprio server. L’installazione richiede naturalmente un certo impegno e l’hosting dei dati è legato a costi di gestione.

ownCloud è scaricabile gratuitamente. Per poter ospitare un cloud personale e indipendente è necessario collegare il programma a un server. Per questo motivo dovete o affittare un server, o in alternativa configurare un NAS o il proprio computer come host per ownCloud. Un server impostato autonomamente vi garantisce che nessun altro all’infuori di voi abbia accesso ai dati archiviati. Il Raspberry Pi è ideale a questo scopo. Nel nostro tutorial su come impostare un ownCloud su di un Raspberry vi sveliamo come fare.

Conclusione: ci sono delle buone alternative a Dropbox

Per quanto riguarda la funzionalità, Dropbox, all’infuori della mancanza di un software Office, è quasi imbattibile. Ma come dimostrato dall’elenco qui sopra, ci sono molti altri provider di servizi di archiviazione cloud oltre a Dropbox, i quali non fanno solamente un buon lavoro, ma anzi, per quanto riguarda alcune discipline ottengono risultati addirittura migliori di Dropbox.

Chi desidera avere molto spazio di archiviazione senza spendere è ben servito con Google Drive (15 GB) e Box (10 GB). Se invece si ha come priorità la posizione geografica dei server, una buona scelta potrebbe essere YourSecureCloud o STRATO HiDrive. Le migliori soluzioni per l’ufficio sono offerte invece da Microsoft OneDrive, che è l’unico a poter vantare la pratica integrazione di Office 365. Se invece volete proteggere i vostri dati e soprattutto le vostre password in maniera ottimale, SpiderOak rappresenta per esempio una valida opzione, sempre che non vogliate installare direttamente il vostro file server personale in combinazione con ownCloud.