Come risolvere “Requested action taken: mailbox unavailable” e altri messaggi di errore SMTP 550

Per lo scambio di messaggi i server di posta elettronica e i client utilizzano il Simple Mail Transport Protocol (SMTP). Il protocollo, che fa parte della famiglia dei protocolli Internet ed è stato specificato in RFC 5321, funziona con i più noti protocolli di posta elettronica POP3 o IMAP. Questi protocolli hanno la funzione di richiamare la posta elettronica dall’indirizzo di posta dopo averla ricevuta.

I server tipici del protocollo inviano codici di stato durante la comunicazione tramite SMTP per confermare l'instaurazione della connessione o l'invio, per richiedere ulteriori informazioni o per informare sulla disconnessione. Inoltre, ci sono anche codici che vengono riprodotti in caso di errore: gli errori temporanei ricevono i codici della serie 4XX, mentre gli errori gravi associati a un fallimento della richiesta sono identificati dai codici di stato della serie 5XX.

Ad esempio, il server di posta in uscita invia un messaggio tramite SMTP 550 (compreso un messaggio opzionale come “Relay not permitted”) se non è stato possibile trasmettere un messaggio all'indirizzo desiderato. Di cosa tratta esattamente questo messaggio di errore e come si corregge?

Cosa si nasconde dietro l'errore SMTP 550?

Dopo la Request for Comments 5321 citata all'inizio, il modulo predefinito del codice di stato SMTP 550 è “550 Requested action not taken: mailbox unavailable”, tradotta come “550 Azione richiesta non eseguita: casella di posta non disponibile”. Il documento IETF elenca le seguenti tre possibili cause:

  • L’indirizzo del destinatario non è valido (“mailbox not found”).
  • Mancano i permessi necessari per l’utilizzo del servizio SMTP (“no access”).
  • La richiesta è stata rifiutata per motivi legati alle linee guida (“command rejected for policy reasons”).

Il messaggio di errore compare ogni volta che un client di posta elettronica desidera utilizzare l'SMTP per la trasmissione della posta elettronica, ma la richiesta fallisce per uno dei motivi sopra elencati (o per un altro motivo). Se e in quale forma il server SMTP inoltra la causa del problema al client dipende dal rispettivo sistema di posta, ma anche dal client stesso. Di conseguenza il messaggio di errore può apparire molto diverso, anche se spesso si tratta dello stesso problema.

Quali sono i messaggi di errore SMTP 550?

Il fatto che i messaggi vengano emessi in modo differente nei diversi servizi di posta quando si verifica l'errore SMTP 550 è dovuto anche alla natura dell'errore stesso: ad esempio, le informazioni di base associate al codice di stato e al messaggio standard non sono molto specifiche. Senza informazioni aggiuntive sapete che la richiesta è fallita ma non per quale motivo. Un'occhiata più da vicino al rispettivo messaggio è utile in ogni caso se desiderate correggere l'errore 550 da soli. Di seguito sono riportati alcuni dei messaggi SMTP 550 noti:

  • “550 Requested action not taken: mailbox unavailable”
  • “550 User unknown”
  • “550 Utente sconosciuto”
  • “550 Mailbox not found”
  • “550 Relay not permitted”
  • “550 Recipient address rejected: User unknown in local recipient table”
  • “550 Reject due to policy restrictions”
  • “550 Invalid address”
  • “550 l’utente ha troppe e-mail sul server. / User has too many messages on the server”
  • “550 Permanent failure for one or more recipients”

Come risolvere l'errore SMTP 550

L'elenco dei messaggi SMTP 550 noti rende chiaro che non c’è un unico modo per risolvere il problema. È perciò importante rispondere in modo adeguato alla causa della notifica dell'errore. Inoltre non sempre è possibile correggere l'errore. A titolo di esempio, vi mostreremo le seguenti soluzioni per tre dei messaggi di errore SMTP 550 più frequenti.

“550 Relay not permitted”: come risolvere il problema di autenticazione

Il messaggio “550 Relay not permitted” è il risultato di una connessione non riuscita tra il client di posta elettronica e il server di posta (alcuni server utilizzano anche SMTP 553). Due cose in particolare possono essere responsabili di questo problema: poiché gran parte dei server di posta elettronica ricorrono all’autenticazione SMTP (ulteriore richiesta della password al momento dell’invio) per assicurarsi che il proprio indirizzo non possa essere utilizzato per inviare e-mail da persone non autorizzate, l'errore SMTP 550 può verificarsi se questo metodo di autenticazione non è abilitato nel client. D'altra parte, è anche possibile che le credenziali memorizzate nel client non siano corrette.

La soluzione in entrambi i casi consiste nel controllare le impostazioni del server di posta in uscita nelle impostazioni dell'account del programma di posta utilizzato e adattarle di conseguenza. Su Outlook, ad esempio, funziona come segue:

  1. Aprite le impostazioni dell'account tramite “File” -> “Impostazioni account” -> “Impostazioni account…”.
  1. Dopo aver aperto le impostazioni dell'account, selezionate l'account per il quale si desidera modificare le impostazioni SMTP, quindi fate clic su “Modifica”.
  1. Nel menu successivo troverete le impostazioni di base della posta elettronica (dati utente, server e login). Tuttavia, non è necessario apportare alcuna modifica qui. È sufficiente utilizzare il pulsante “Altre impostazioni” per navigare fino al menu di destinazione “Impostazioni e-mail Internet”.
  1. A questo punto aprite la scheda “Server di posta in uscita”. Se manca il segno di spunta su “Il server di posta in uscita (SMTP) richiede l'autenticazione”, aggiungetelo per attivare l'autenticazione SMTP nel client Outlook. Usate inoltre l'opzione “Usa le stesse impostazioni dei server di posta in arrivo” in modo che Outlook possa funzionare con le solite credenziali. Se l'autenticazione è già abilitata ma sono stati definiti un nome utente e una password individuali diversi dal login predefinito, dovreste passare all'opzione di cui sopra anche per risolvere il messaggio “550 Relay not permitted”.

Messaggio "550 requested action not taken mailbox unavailable": come funziona

Se viene visualizzata la variante di base dell'errore SMTP 550 “550 requested action not taken mailbox unavailable” (in italiano “azioni richieste non intraprese casella di posta elettronica non disponibile”), l’errore risiede solitamente nel fatto che il server SMTP non è riuscito a raggiungere l'indirizzo di destinazione desiderato. In tal caso per prima cosa dovreste concentrarvi sull'indirizzo stesso: forse la causa dell’errore è un semplice errore ortografico o di battitura che si è insinuato mentre scrivevate l’e-mail.

In molti casi, tuttavia, il problema è da ricercare lato destinatario. Ad esempio, il messaggio si presenta tipicamente quando l’indirizzo del destinatario è temporaneamente non disponibile a causa di errori tecnici. Lo stesso vale anche se l'account e-mail contattato è stato disattivato o cancellato a causa di inattività.

Se è possibile raggiungere il proprio interlocutore attraverso un altro canale, conviene provare. In questo modo potete informarli del problema o scoprire il nuovo indirizzo e-mail, attuale e valido. Se non avete questa possibilità, non avete altra scelta che ripetere l’invio in un secondo momento. Se il destinatario non era disponibile solo temporaneamente, questo nuovo tentativo potrebbe andare a buon fine.

Che cosa fare quando compare il messaggio “550 Reject due to policy restrictions”

Se il vostro client di posta elettronica emette l’errore SMTP “550 Reject due to policy restrictions”, è un segno che parti dell’e-mail violano le politiche del provider di posta. Le due violazioni seguenti sono le cause più comuni del messaggio di errore:

  1. Il vostro indirizzo e-mail è finito tra gli indirizzi spam e perciò la trasmissione SMTP viene bloccata dal provider.
  2. L’indirizzo utilizzato del server di invio non è un nome di dominio fully qualified (Fully-Qualified Domain Name), cosa che comporta un rifiuto da parte del provider.

Se l'errore “550 Reject due to policy restrictions” è il risultato di un nome di dominio incompleto del server di posta, risolvete il problema specificando il nome completo.

Se invece si tratta del primo caso, potete scoprirlo usando strumenti come Blocklist Removal Center di Spamhaus: aprite perciò l'applicazione web e inserite il vostro indirizzo e-mail nel campo “Enter a Domain Name” previsto a tale scopo.

Facendo clic sul pulsante “Lookup”, lo strumento fa una ricerca nel database “Domain Block List”, creata da Spamhaus Project, che contiene una lista di domini spam noti. Nel giro di pochi secondi riceverete una notifica se il vostro indirizzo è elencato nel database o meno.

Se il vostro indirizzo e-mail è contrassegnato davvero come spam, dovreste rivolgervi al provider per trovare insieme una soluzione.


Abbiamo una proposta per te:
Web hosting a partire da 1 €/mese!

Dominio gratis
Certificato SSL Wildcard incluso
Assistenza clienti 24/7
A partire da 1 €/mese IVA escl. per un anno,
poi 8 €/ mese IVA escl.