Installazione di MongoDB su Debian: come installare MongoDB su Debian 10

Bastano pochi passaggi per installare MongoDB, il popolare sistema di gestione di database basato sui documenti, in distribuzioni Linux come Debian 10. L’intero processo di installazione di MongoDB in Debian può essere eseguito dal terminale.

Cosa vi serve per l’installazione di MongoDB su Debian

Per installare MongoDB su Debian 10 non serve molto. Fondamentalmente, è sufficiente conoscere i comandi di base del terminale Linux. È inoltre necessaria una versione corrente di Debian. Vi mostreremo l’installazione utilizzando Debian 10. Assicuratevi di scegliere una versione a 64 bit del sistema operativo, altrimenti l’installazione del database NoSQL non funzionerà.

N.B.

È possibile installare MongoDB non solo su Debian, ma fondamentalmente su tutte le distribuzioni Linux. Tuttavia, se desiderate installare MongoDB su Ubuntu o scegliere una distribuzione diversa per l’installazione, il processo è leggermente diverso.

Come installare MongoDB: una guida

Primo passaggio: scaricare la chiave MongoDB

Per prima cosa dovete scaricare la chiave pubblica GPG di MongoDB. In questo caso, è possibile che il pacchetto richiesto non sia ancora installato sul sistema. Pertanto, nel primo passaggio, verificate se il programma gnupg è già in esecuzione sul sistema. A tale scopo è possibile utilizzare il seguente comando:

dpkg --get-selections gnupg

Se gnupg non è ancora installato, installatelo sempre dal terminale digitando la seguente riga di codice. Altrimenti, potete saltare questo passaggio.

sudo apt-get install gnupg

Ottenete la chiave pubblica di MongoDB digitando il seguente comando:

wget -qO - https://www.mongodb.org/static/pgp/server-6.0.asc | sudo apt-key add -

Secondo passaggio: creare un file list

Nel passaggio successivo create un file di elenco adatto alla vostra versione di Debian. Anche per questo utilizzate semplicemente il terminale:

echo "deb http://repo.mongodb.org/apt/debian buster/mongodb-org/6.0 main" | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/mongodb-org-6.0.list

Per aggiungere il repository MongoDB al sistema, dovete aggiornare il sistema. Questo processo può richiedere alcuni istanti, ma è normale se si considera il numero di aggiornamenti da eseguire. Il comando seguente attiva gli aggiornamenti:

sudo apt-get update

Terzo passaggio: installare i pacchetti MongoDB

L’installazione vera e propria di MongoDB avviene solo ora. Il comando da usare per installare MongoDB varia a seconda della versione. Normalmente, è sufficiente installare sempre la versione corrente di MongoDB:

sudo apt-get install -y mongodb-org
N.B.

Assicuratevi di installare “mongodb-org”, il pacchetto ufficiale di MongoDB. Il pacchetto integrato su Debian “mongodb” non può essere installato con le istruzioni presentate qui.

Se desiderate installare una versione molto specifica di MongoDB, il comando di installazione differisce in quanto è necessario specificare il numero di versione specifico per ogni pacchetto. Quindi, se volete installare la versione 6.0.1 di MongoDB sul vostro sistema, potete usare il seguente comando:

sudo apt-get install -y mongodb-org=6.0.1 mongodb-org-database=6.0.1 mongodb-org-server=6.0.1 mongodb-mongosh=6.0.1 mongodb-org-mongos=6.0.1 mongodb-org-tools=6.0.1

Il processo di installazione può richiedere qualche istante. Al termine, l’installazione di MongoDB su Debian è andata a buon fine.

Avviare il servizio MongoDB

Per avviare MongoDB, utilizzate il seguente comando:

sudo systemctl start mongod
Consiglio: MongoDB gestito da IONOS

Con Managed MongoDB from IONOS enables you to concentrate on the essentials. From installation to operation and maintenance work, IONOS makes sure you always get the best performance from your data banks.

Se l’avvio non funziona e viene visualizzato un messaggio di errore, potrebbe essere necessario eseguire il seguente comando per ricaricare o riavviare i file di configurazione del sistema e le unità:

sudo systemctl daemon-reload

Arrestare o riavviare MongoDB

L’arresto del servizio MongoDB può essere effettuato anche con un semplice comando da terminale:

sudo systemctl stop mongod

Allo stesso modo, il riavvio viene effettuato così:

sudo systemctl restart mongod

Per verificare che il comando eseguito abbia riportato il database nello stato corretto, è utile visualizzare lo stato di MongoDB con il seguente comando:

sudo systemctl status mongod

Aggiungere la password di MongoDB

Le impostazioni predefinite di MongoDB non prevedono la protezione con password. Tuttavia, potete aggiungerla facilmente, se necessario, con poche righe di codice.

Aprire il file di configurazione

Nel primo passaggio dovete aprire il file di configurazione di MongoDB:

nano /etc/mongod.conf
Web hosting con consulente personale!

Web hosting veloce e scalabile + consulente personale con IONOS!

  • Dominio gratis
  • SSL
  • Assistenza 24/7

Aggiungere la protezione con password

Per aggiungere la protezione con password, inserite le seguenti righe di codice al file di configurazione di MongoDB:

security:
    authorization: enabled

Ora salvate le modifiche e chiudete il file. Un successivo riavvio di MongoDB assicura che le modifiche siano applicate e risultino valide:

systemctl restart mongod

Creare l’amministratore

Per creare un amministratore, avviate prima la shell di MongoDB:

mongo

Subito dopo create un nuovo database con il nome “admin”:

use admin

Potete impostare il nome utente e la password creando un nuovo utente amministratore:

db.createUser(
   {
     utente: "nomeutente",
     pwd: "password",
     roles: [ { role: "userAdmin", db: "admin" } ]
   }
 )

Per uscire dalla shell di MongoDB, potete usare il comando quit(). Per connettersi di nuovo alla shell, sono necessari il nome utente, la password e il seguente comando:

mongo --port 27017 --authenticationDatabase "admin" -u "nomeutente" -p

Utilizzate la shell MongoDB per interagire con MongoDB. Ad esempio, potete creare altri utenti o assegnare ruoli diversi. Leggete il nostro tutorial su MongoDB per ulteriori suggerimenti sull’uso della shell di MongoDB.

Disinstallazione di MongoDB su Debian

Naturalmente potete anche disinstallare MongoDB. La disinstallazione di MongoDB ha senso solo se non avete più bisogno di alcun database o se avete deciso di utilizzare un altro DBMS dopo aver confrontato diversi database. Infatti, con la disinstallazione di MongoDB vengono rimossi anche tutti i database creati finora.

Primo passaggio: arrestare il servizio MongoDB

Per prima cosa, interrompete MongoDB con il seguente comando:

sudo service mongod stop

Secondo passaggio: rimuovere i pacchetti

Ora rimuovete tutti i pacchetti installati per MongoDB in questo modo:

sudo apt-get purge mongodb-org*

Terzo passaggio: eliminare i database e i file di log

Infine, dovete cancellare tutti i database creati nel corso dell’utilizzo di MongoDB e i file di log corrispondenti per completare la disinstallazione di MongoDB su Debian:

sudo rm -r /var/log/mongodb
sudo rm -r /var/lib/mongodb
Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso.
Page top