Il cloud pubblico: più potenza di calcolo per tutti!

Spazio di archiviazione scalabile e accessibile ovunque combinato a un'ampia gamma di servizi: questo è ciò che offre il cloud computing. Chi sta pensando di utilizzare un cloud si trova a scegliere tra diverse tipologie. La ricerca è resa ulteriormente difficile dall'abbondanza di provider. Per utenti privati e piccole e medie imprese potrebbe essere conveniente un servizio di cloud pubblico.

Il public cloud offre infatti molti vantaggi, come l'uso semplice e un sacco di spazio di archiviazione. Poiché questo spazio virtuale contiene dati sensibili, è necessario esaminare attentamente le diverse offerte. Ci sono infatti enormi differenze in termini di protezione dei dati, scalabilità e rapporto qualità-prezzo.

Cloud Backup di IONOS

Evita costosi downtime! Facile soluzione di backup per il tuo business.

Semplice
Sicuro
Integrato

Cos’è un cloud pubblico?

Un cloud pubblico è un servizio che fornisce servizi IT pubblicamente su Internet. A tal fine i fornitori gestiscono gruppi di server interconnessi, le cosiddette server farm. Gli utenti accedono allo spazio di archiviazione tramite un browser. La caratteristica principale del servizio è che si paga solo l’ammontare di risorse che si consuma. Inoltre si risparmiano i costi di acquisto del relativo hardware.

Questo modello di business rende il cloud pubblico attraente per le giovani e medie imprese che vogliono mantenere ridotto il budget per l’IT, ad esempio per poter investire più soldi nella ricerca o nella crescita dell’azienda. I servizi pubblici di cloud computing operano spesso su base self-service: in questo caso quando avete bisogno di più funzioni o potenza di calcolo, potete aumentarla direttamente voi stessi.

Definizione

Il cloud pubblico è una forma di storage del cloud computing. Fornisce l'accesso on-demand in qualsiasi momento a un pool di risorse informatiche in rete che sono scalabili in modo flessibile e che sono disponibili per un gran numero di utenti della rete Internet pubblica. Software, infrastrutture e piattaforme offrono ai fornitori di cloud pubblici un canone basato sull'utilizzo.

Peculiarità del cloud pubblico

Costi proporzionati all’utilizzo: ciascun cliente riceve il proprio accesso per il suo account sul cloud. Qui può prenotare i singoli servizi in base alle proprie esigenze. Invece di acquistare molte licenze a lungo termine, è possibile noleggiare un pacchetto CMS per tutti i dipendenti o strumenti grafici solo per i progettisti o, ancora, testare uno strumento di analisi per la propria applicazione web. La fatturazione è calcolata in proporzione alla domanda. Questa caratteristica rende i public cloud particolarmente flessibili e una scelta adatta se si desidera accedere alle applicazioni una sola volta o aumentare le capacità del server solo per un breve periodo di tempo.

Interfaccia utente web: potete gestire i vostri rapporti con i rispettivi fornitori tramite un'interfaccia su browser. Prenotate un servizio o capacità sul vostro account, lo pagate o vi disconnettete quando non avete più bisogno dei servizi. Tramite questa interfaccia utente è possibile accedere al software abbonato dal cloud pubblico. In questo modo avete bisogno di un hardware meno potente con un elevato spazio di archiviazione in loco. Solo la connessione a Internet è decisiva per il funzionamento dei servizi, il resto viene preso in carico dal rispettivo fornitore.

Scalabilità: se le prestazioni di un'applicazione web sono eccessivamente compromesse da un traffico elevato, è possibile evitare i tempi di inattività dovuti a sovraccarico aumentando le risorse. Allo stesso modo potete ridurle altrettanto rapidamente.

Efficienza: il servizio cloud gestisce i processi nel più breve tempo possibile.

Risparmio: rispetto al cloud privato, gli utenti hanno bisogno di meno hardware. I data center si trovano presso la sede del fornitore. Non è necessario acquistare il software dal cloud come un costoso pacchetto completo, ma lo si può ottenere nelle misure richieste, spesso come abbonamento all'ultima versione e con il relativo supporto.

Affidabilità: gli standard garantiti fanno parte del modello di business. I fornitori si occupano della manutenzione dell'infrastruttura IT e sostituiscono i dispositivi difettosi. L'hardware ridondante previene i guasti.

Protezione dei dati: i fornitori specializzati controllano costantemente la sicurezza del vostro sistema. Coloro che possono dimostrare di avere la propria sede centrale e i data center nell'UE sono soggetti alle norme UE in materia di protezione dei dati.

Consiglio

I fornitori europei lavorano secondo i più elevati standard di sicurezza, mantenendo allo stesso tempo scalabilità e flessibilità. Ad esempio IONOS fornisce un cloud server certificato per i vostri progetti web.

Salvaguardia dell’ambiente: i server cloud utilizzano lo storage e altre risorse in modo efficiente, condividendole con molti clienti e adattandole alle loro esigenze. Invece di utilizzare un proprio server in modo inefficiente, si condivide lo spazio di archiviazione e la capacità di calcolo. Alcuni fornitori utilizzano energia pulita.

Realizzazione tecnica del cloud pubblico

Dal punto di vista del cliente il cloud pubblico richiede pochissima attrezzatura. Supponiamo che integriate gran parte della vostra infrastruttura IT all’interno del cloud. Server, ambienti runtime e applicazioni interne vengono spostati sul server cloud. In questo scenario tutto ciò di cui avete bisogno è un dispositivo mobile abilitato a Internet e un browser. A seconda del compito i dipendenti utilizzano questi dispositivi tramite mouse e tastiera, input touch screen o pannelli di controllo professionali. Non c'è bisogno di un proprio server con molto spazio di archiviazione per database e software o di molta memoria per tempi di risposta rapidi. Questo hardware a basso consumo di risorse si chiama "lean client" o "thin client".

Vi collegate al cloud pubblico tramite la rete Internet pubblica. Non appena create il vostro account, il provider vi fornisce un'interfaccia utente web. Poiché la gamma delle possibili applicazioni si estende dalle singole applicazioni a intere infrastrutture, queste interfacce utente sono progettate in modo molto diverso. Ad esempio alcuni clienti utilizzano solo un'interfaccia webmail limitata alla gestione della comunicazione, mentre altri prenotano un sistema per ufficio o gestiscono la propria applicazione web su una piattaforma fornita.

L'accesso al servizio prenotato avviene tramite un'interfaccia sicura. I fornitori gestiscono il back end e forniscono l'hardware comprese le server farm, l'archiviazione dati e i computer. Insieme questi dispositivi formano il cloud in cui i clienti si muovono. I fornitori cloud assegnano a ogni servizio il proprio spazio server. Al fine di garantire l'accesso dei clienti in ogni momento, le ridondanze sono distribuite su server diversi.

Fatto

Una ridondanza è più di una semplice copia: è una risorsa su un altro server che è congruente o molto simile al modo in cui funziona l'originale. Serve come backup e viene utilizzata quando la prima versione fallisce. Questo accade, ad esempio, quando la risorsa originale perde il contatto con il server o il server viene danneggiato. La georidondanza si basa su server farm separate geograficamente.

Il cloud stesso è costituito da più server collegati a un server centrale. Il server centrale controlla la rete tramite il cosiddetto middleware, che consente la comunicazione tra tutti i dispositivi partecipanti. Il server centrale distribuisce i compiti precedentemente definiti nei log. A seconda della potenza di calcolo richiesta, il provider distribuisce lo spazio di archiviazione sui vari server. Alcuni servizi richiedono più macchine.

Per servizi che richiedono meno memoria, i provider fanno un uso efficiente dei propri dispositivi, pertanto diversi server virtuali si trovano su un unico server fisico. Questa virtualizzazione, detta anche macchina virtuale, si comporta come un server reale con un proprio sistema operativo. I clienti accedono a questa macchina virtuale tramite un'interfaccia. Altri usano lo stesso server fisico, ma con una propria virtualizzazione tramite l'interfaccia web sulla propria postazione di lavoro. La macchina virtuale utilizza lo spazio di archiviazione in modo efficiente ed è liberamente scalabile. Questo significa che le prestazioni dei vostri servizi non dipendono dalle capacità del vostro hardware.

La differenza rispetto a un cloud privato

La differenza fondamentale tra cloud pubblico e privato è quella tra pubblico e privato. Il cloud computing in questo quadro comprende tre tipi di accesso al cloud: da un lato c'è il cloud pubblico a disposizione di tutti coloro che dispongono di una connessione Internet e di un budget sufficiente. Dall'altro lato si trova il cloud privato, isolato dal pubblico. Entrambe le forme hanno rispettivi vantaggi e svantaggi. Ecco perché alcune aziende utilizzano un cloud ibrido, in grado di combinare idealmente il meglio dei due mondi.

Comune ai tre modelli è il loro effetto “snellente” sul consumo di risorse hardware e software delle aziende. Se l'ambiente IT è concentrato nel cloud, eventuali picchi di prestazioni sono distribuiti tra i server virtuali utilizzati.

Vantaggi di un cloud pubblico

Svantaggi di un cloud pubblico

La registrazione e il ridimensionamento sono efficienti, il pagamento si basa sul principio delle prestazioni utilizzate e, a seconda del servizio, anche sulla base di un abbonamento.

Secondo l'RGPD alcuni dati non possono lasciare l'azienda, per non parlare dei paesi considerati sicuri. Se gestite i dati personali, non avete una scelta libera e globale del fornitore, ma beneficiate di standard di sicurezza più elevati.

Gli investimenti in hardware di proprietà dell'azienda sono molto convenienti per lean client.

Poiché la connessione avviene tramite una rete Internet pubblica, il cloud pubblico è generalmente considerato più soggetto a falle di sicurezza.

Non è necessario acquistare costose licenze software per tutti i dipendenti perché anche in questo caso è possibile scalare liberamente.

Altri clienti possono essere in grado di influenzare la raggiungibilità o le prestazioni dei vostri servizi cloud utilizzando la stessa macchina fisica.

Esperti designati controllano le server farm 24 ore su 24, si occupano della manutenzione e fanno rifornimento di hardware.

Alcuni fornitori limitano la vostra libertà di scelta.

I fornitori tendono ad avere capacità per la georidondanza (separazione fisica delle ridondanze).

 

L'architettura dei modelli di storage del cloud pubblico

I fornitori utilizzano l'architettura del cloud pubblico per fornire servizi in varia misura. È anche possibile utilizzare solo un determinato software per esternalizzare intere strutture. L'architettura del public cloud è costituita dai cosiddetti strati. Si tratta quindi di un'architettura stratificata. Le singole sezioni sono assegnate a un determinato strato. Gli strati sono disposti gerarchicamente. Uno strato superiore può accedere a uno strato più profondo, mentre non può accadere il contrario. Un sistema può essere costituito da uno o più strati. A quel punto si chiama multistrato.

I modelli cloud Infrastructure as a Service (IaaS), Platform as a Service (PaaS) e Software as a Service (SaaS) possono essere considerati come dei livelli. Questi differiscono a seconda del livello utente in cui opera il servizio offerto. Mentre gli utenti normali usano il software, gli architetti del software lavorano con la piattaforma sottostante per sviluppare il software. Questa piattaforma non può essere creata o gestita senza l'infrastruttura circostante. I diversi servizi si costruiscono l'uno sull'altro come livelli.

All'interno di questi tre livelli principali i fornitori distinguono tra servizi specializzati come Security as a Service, Storage as a Service e High Performance Computing as a Service. Tutti i diversi modelli si possono riunire nel termine Everything as a Service (XaaS). L'abbondanza di offerte di cloud pubblico "as a service" può essere motivo di confusione, pertanto in questa sede ci limiteremo a presentare solo i tre più importanti.

Software as a Service (SaaS) dal cloud pubblico

Così come la musica e i film vengono offerti sempre più spesso in streaming, lo stesso vale anche per i software commerciali. Invece di avere una copia fisica su CD-ROM, gli utenti accedono al programma tramite una connessione Internet. Il fornitore del software ospita l'applicazione, il che la rende un'applicazione cloud pubblica. In alcuni casi i programmi si trovano su un server interno all'azienda; si parla dunque di cloud privato.

Il modello SaaS consente di scegliere tra una serie di applicazioni che unite voi stessi in un pacchetto. Attraverso il cloud ottenete aggiornamenti sulla sicurezza e sulle prestazioni. Inoltre disporrete sempre dell'ultima versione, mentre una copia a pagamento potrebbe diventare obsoleta, quindi la garanzia di supporto potrebbe non essere più applicabile. Con Software as a Service non avete questo problema. Tuttavia, poiché il pagamento è spesso effettuato tramite abbonamento, è necessario preventivare bene per far fronte ai costi di gestione, che rimangono anche quando si hanno minori entrate.

Platform as a Service (PaaS)

Per eseguire un programma è necessaria una piattaforma che supporti il software. Platform as a Service da un cloud pubblico offre proprio questo. È possibile accedere a un ambiente runtime o a un ambiente di sviluppo tramite accesso di rete. L'ambiente runtime fornisce un sistema runtime sul quale è possibile eseguire, ad esempio, un'applicazione web. L'ambiente di sviluppo offre lo spazio e gli strumenti per compilare i propri programmi.

Combinando entrambi i servizi, il cloud pubblico consente di monitorare l'intero ciclo di vita di un'applicazione tramite Internet. Nell'ambiente di sviluppo si progetta il layout e si scrive il codice. Prima della pubblicazione testate l'applicazione e la caricate poi sull'ambiente di runtime. Per tutte queste operazioni è necessario un team di sviluppatori e designer e – perlomeno prima che il cloud esistesse – hardware e software speciali e costosi.

I servizi PaaS ora esternalizzano l'ambiente e garantiscono che la piattaforma sia sempre accessibile, offrendo strumenti compatibili e un middleware che converte i formati per renderli compatibili. In genere fanno parte dell'offerta anche strumenti di collaborazione come servizi di messaggistica istantanea. Nei progetti di sviluppo la segretezza è particolarmente importante. A questo scopo, e anche come scudo contro gli hacker dopo il lancio, gli esperti di sicurezza sostengono il vostro lavoro. I buoni fornitori proteggono la vostra piattaforma attraverso la georidondanza e vi permettono di scalare il vostro progetto in qualsiasi momento.

Infrastructure as a Service (IaaS)

Invece di acquistare da soli un server, con Infrastructure as a Service si affitta lo spazio server o altri servizi hardware come la larghezza di banda o la potenza di calcolo. In questo modo si paga per l'infrastruttura di calcolo scalabile solo nella misura in cui ne avete bisogno. Si utilizza l'interfaccia web per lavorare su un server virtuale. In questo modo è possibile testare applicazioni in ambienti diversi senza doverle acquistare completamente. Inoltre l'infrastruttura è scalabile. Ciò offre potenziale di crescita, ma vi riserva la libertà di rinunciare alle capacità non utilizzate. I picchi di carico sono ammortizzati dalla server farm.

Cosa considerare quando scegliete un cloud pubblico

Che si tratti di IaaS, SaaS o PaaS, la gamma di servizi di cloud pubblici è ampia. Tuttavia gli standard di qualità variano e ogni fornitore lavora in modo diverso. Leggete i nostri consigli per trovare un servizio che soddisfi le vostre aspettative e che si adatti alla vostra azienda.

Rapporto qualità-prezzo

Per il calcolo del budget è essenziale includere le spese ricorrenti, come gli abbonamenti al cloud privato. L'utilità di un prezzo elevato dipende dalle funzioni offerte e dalla possibilità di utilizzarle tutte. È sufficiente una grande infrastruttura con un ambiente di sviluppo completamente funzionale se si desidera costruire ed eseguire le applicazioni da soli. Ma se risparmiate troppo, rischiate che ne paghi il prezzo il flusso di lavoro.

Di solito il pacchetto di servizi viene compilato direttamente nell'account utente. Tuttavia alcuni fornitori non forniscono tutte le funzioni desiderate. Quasi tutti i fornitori di servizi richiedono il cosiddetto vendor lock-in, ossia la dipendenza dal fornitore. Ciò rende più difficile per i clienti cambiare provider. In alcuni casi utilizzano formati proprietari con i quali i clienti non possono utilizzare altre applicazioni (o risulta molto difficile riuscirvi).

Disponibilità all'innovazione

State costantemente sviluppando e mettendo alla prova le vostre capacità? Chiunque sviluppi idee creative nel cloud deve poter contare sul proprio fornitore di servizi. Grazie alla ridondanza non dovrebbero esserci problemi per la sicurezza dei dati. Ma perché possiate andare avanti, il vostro fornitore di servizi dovrebbe sforzarsi di rimanere innovativo offrendovi sempre nuove opportunità. Indicatori di un'azienda innovativa sono gli aggiornamenti regolari e un piano d'azione chiaramente rispettato. La crescita sostenibile è la prova dell'affidabilità, mentre una crescita troppo rapida fa scoppiare presto la bolla del successo.

Facilità d'uso e funzionalità

Si può convivere con un provider che non si reinventa continuamente, ma uno che non offre le funzioni di base per i vostri progetti è inutile. L'offerta dovrebbe includere strumenti e servizi per facilitare il vostro lavoro. I fornitori di cloud pubblici user-friendly facilitano la comunicazione tra le persone e tra le applicazioni. Questo vale anche per la comunicazione tra gli esperti del team di cloud provider e il vostro team IT. Senza una comunicazione trasparente i processi rallentano e i dipendenti possono perdere la motivazione. Le modifiche devono avvenire nel modo più semplice possibile e senza intoppi.

Sicurezza

Se vi servite di un cloud pubblico per utilizzare software o interi ambienti di sviluppo, compresa una piattaforma di comunicazione, inevitabilmente inserite dati personali in rete. Avrete accesso ai vostri dati tramite un'interfaccia assegnata esclusivamente alla vostra azienda. È comunque possibile condividere con altri utenti il server su cui questi dati sono memorizzati. In linea di principio la vostra azienda è responsabile in caso di violazioni della protezione dei dati.

Se la vostra azienda ha sede in Europa, è soggetta al Regolamento europeo sulla protezione dei dati (RGPD). Secondo questa legge i dati personali non possono essere conservati al di fuori dell'UE, tranne che in paesi terzi considerati sicuri. Tra questi ci sono, ad esempio, gli Stati Uniti – nonostante il Privacy Shield – ma con restrizioni, anche se vi risiedono molti grandi fornitori. La variante più sicura è quella di un fornitore con sede in Italia o nell’UE e che quindi agisce secondo il diritto locale, ha contratti adeguati e, cosa molto importante, gestisce in modo dimostrabile i propri server.

In qualità di azienda gestite i dati dei clienti o vi impegnate a rispettare gli standard di sicurezza con i vostri partner commerciali. Potete dimostrare la qualità della vostra protezione con certificati riconosciuti. Per i servizi pubblici di cloud computing, si raccomanda, tra l'altro, un marchio di qualità come ad esempio lo STAR (rilasciato da CSA) e l’ISO 27001.

Mobilità

Con il cloud computing le aziende si affidano a un lean client. Questo client "snello" è il vostro dispositivo o un programma che non può fare il suo lavoro senza un server di supporto. L’utilità di un hardware ridotto è da un lato il minore costo di acquisizione e manutenzione, dall'altro la possibilità di scalare liberamente la gamma di funzioni grazie alla virtualizzazione del server cloud.

Fin qui, tutto bene. Ma che dire dei dispositivi mobili? Assicuratevi che il vostro fornitore di servizi cloud offra piattaforme compatibili che consentano alla vostra azienda di avere SaaS mobile. Lo stesso vale per le applicazioni che i vostri clienti utilizzano a partire dai dispositivi mobili.

Prospettiva

Le aziende e gli utenti privati si rivolgono sempre più spesso al cloud computing per i servizi IT. Il cloud pubblico è un'importante pietra angolare della digitalizzazione perché consente a un vasto pubblico di accedere ai dati in qualsiasi momento e ovunque, anche in mobilità. In questo modo si riducono i costi di acquisizione di hardware e software. Con la crescente espansione di Internet a banda larga la nuvola di dati si sta evolvendo in una valida alternativa al proprio data center stazionario.

A tal fine deve essere ulteriormente ampliata anche l'infrastruttura digitale nelle zone rurali. Così facendo le piccole e medie imprese sono in grado di beneficiare della scalabilità del cloud e possono collegarsi meglio alla rete. La legislazione e l'economia europea stanno lavorando per rendere il cloud pubblico ancora più sicuro. Questo ha compensato la più grande differenza di qualità tra cloud privati e pubblici.


Prepara il tuo business per il successo online
Abbiamo ridotto ulteriormente i prezzi dei nostri strumenti pensati
per incrementare le tue vendite di fine anno.
Risparmia fino al 75%