Green hosting: il web hosting con elettricità verde che protegge il clima

Una via ecologica per creare siti web è l’hosting “green” dei server, con cui il web hosting avviene tramite l’impiego di elettricità verde. Il consumo di CO2 viene così ridotto. I moderni progetti di green hosting si proiettano ancor più nel futuro e tentano, inoltre, di fornire un maggior apporto positivo per l’ambiente.

Registrazione dominio

Più di un semplice nome.

Registra il tuo dominio con IONOS e approfitta di tutte le nostre funzionalità.

  • E-Mail
  • SSL Wildcard
  • Supporto 24/7

Che cos’è esattamente il green hosting?

Internet fa ormai parte di tutti i settori della vita, divenendo così una parte importante di essa e pertanto anche la quantità d’energia necessaria per il suo funzionamento è in continuo aumento. L’hardware impiegato richiede, inoltre, una grande quantità di risorse, molti apparecchi non più usati non sono riciclati in modo adeguato e l’energia elettrica per il funzionamento dei data center spesso proviene ancora da fonti fossili. L’approccio alternativo della Green IT riflette però la volontà di cambiare.

Riguardo a ciò, proprio nell’ambito dello sviluppo web sono avvenute diverse evoluzioni, poiché finora, dal punto di vista ecologico, la maggior parte dei siti web crea un carico eccessivo: un sito web standard, infatti, produce ogni anno 533 chili di anidride carbonica (CO2). Se si vuole gestire un sito web, ci si ritroverà ben presto a scegliere il server adatto. Sul server sono salvati tutti i dati importanti che l’utente deve richiamare per avere accesso al sito web. Un confronto tra i provider di web hosting indica che, oltre ai server convenzionali che non operano attraverso l’uso di elettricità verde ecologica, un numero crescente di provider di hosting offre alternative ecologiche.

Caratteristiche generali del green hosting

I server che funzionano con elettricità verde operano quindi servendosi di energie rinnovabili. Il green hosting si contraddistingue anche per il fatto che i provider di hosting, oltre all’uso di questo tipo di energia, operano in un contesto attento all’aspetto ecologico. Un esempio è costituito dall’hardware che, se non è più usato, viene riciclato in modo adeguato e professionale.

Il green hosting integrato nell’economia collaborativa

Anche i server che condividono risorse sono compresi nel concetto di green hosting. L’approccio della sharing economy concentra da tempo l’interesse verso la sostituzione del concetto di proprietà con quello di uso condiviso di mezzi e risorse. Sarà l’ambiente quindi a trarne profitto. Ciò è anche una delle buone ragioni per passare al cloud hosting. Un confronto tra hosting condiviso e hosting dedicato indica in modo particolarmente chiaro ed evidente le caratteristiche del risparmio di risorse dei server condivisi.

Il web hosting fa male all’ambiente?

Osserviamo alcuni dati per capire se e come il web hosting convenzionale sia effettivamente dannoso per l’ambiente. Ogni anno l’uso di Internet produce in molti paesi tanta CO2 quanto il traffico aereo. Inoltre, un’ora di video in streaming, ad esempio usando Netflix, produce tanta CO2 quanto un chilometro in auto.

In più, il fabbisogno di energia affinché Internet possa funzionare, aumenta costantemente: il consumo attuale di energia necessario è già raddoppiato rispetto a quello del 2010. Gli ulteriori moderni sviluppi e l’impulso crescente verso la digitalizzazione fanno prevedere che il consumo di energia subirà ancora un incremento. Per questo motivo, molti settori adottano sempre più il concetto della dematerializzazione e dell’archiviazione digitale e pertanto hanno sempre più bisogno di spazio nel cloud. Naturalmente, vengono così risparmiate altre risorse preziose.

D’altro canto, anche il progresso tecnologico produce parallelamente un’efficienza dei data center sempre maggiore. Diventa così possibile elaborare la stessa quantità di dati impiegando una minore quantità di energia e anche ciò rappresenta un vantaggio per l’ambiente. I data center ecologici contribuiscono, inoltre, a garantire una gestione del fabbisogno crescente di energia in modo sostenibile.

Consiglio

Cercate per il vostro sito web un hosting che rispetta l’ambiente? IONOS vi offre sia l’Hosting WordPress che il web hosting così da darvi l’opportunità di gestire il vostro sito web tramite l’uso di energia verde. L’hosting a impatto zero sull’ambiente di IONOS vi permette di gestire il vostro sito web, risparmiando emissioni di CO2.

L’hosting come opportunità per l’ambiente

È evidente che il web hosting come è esistito finora sia in conflitto quasi ovunque con i vari propositi, accordi e obbiettivi fissati a livello nazionale e internazionale che mirano a raggiungere attività e operazioni a impatto zero sull’ambiente. I moderni approcci promettono però non solo un web hosting che non influisca sul clima ma che cerchi e usi metodi che possano persino contribuire a ripristinare l’equilibrio ambientale.

Chiunque abbia un computer a casa, sa che non appena i programmi iniziano a funzionare e richiedono molte risorse al computer, si produce calore. Lo stesso accade nei grandi data center. Si è riflettuto sulla possibilità di usare il calore prodotto dai data center per il riscaldamento di abitazioni e di città. Anche per il loro raffreddamento può essere risparmiata una grande quantità di energia se si usasse un raffreddamento ad aria, invece di ricorrere all’aria condizionata.

Esistono già dei data center che assorbono completamente la CO2 da voi prodotta. La startup WindCloud, ad esempio, ha costruito un data center a impatto zero sull’ambiente. L’elettricità verde viene ricavata totalmente dagli impianti eolici. Il calore generato dal funzionamento è utilizzato per allevare alghe, che hanno la capacità di assorbire l’anidride carbonica (CO2) e vengono infine lavorate ulteriormente. Sono questi approcci moderni che riescono a realizzare una gestione del web hosting che non influisce sul clima.

Il vostro provider offre un web hosting “green”?

È una domanda che trova una facile risposta; non è complicato, infatti, scoprire se il vostro provider lavora in modo ecologico. Il web hosting ecologico si basa su un elemento principale, cioè il funzionamento del server tramite elettricità prodotta in modo altrettanto ecologico. Anche altre iniziative supportate ulteriormente dal provider di hosting sono importanti tasselli per la protezione dell’ambiente e del clima. La seguente tabella vi offre una panoramica sui punti più rilevanti riguardanti il green hosting.

Hosting convenzionale Green hosting
Uso di elettricità prodotta in modo non sostenibile Il server funziona con elettricità verde
Nessuna iniziativa che supporti la sostenibilità Sostenibilità come fine aziendale: riciclaggio di hardware, viaggi di affari nel rispetto dell’ambiente, ecc.
Nessun green marketing Interesse per il green marketing
Nessuna certificazione Certificazione di esperti
Web hosting con consulente personale!

Web hosting veloce e scalabile + consulente personale con IONOS!

  • Dominio gratis
  • SSL
  • Assistenza 24/7

Un esempio pratico: il green hosting di IONOS

Il web hosting “green” non richiede da parte vostra maggior dispendio o costi rispetto all’hosting convenzionale. È più che sufficiente che scegliate il provider giusto. IONOS offre il web hosting “green” come standard. Inoltre, IONOS risparmia annualmente oltre 900 tonnellate di CO2 poiché i server non più funzionanti sono riciclati in modo appropriato e professionale. L’uso di hardware a elevata efficienza e la continua ottimizzazione dell’infrastruttura nei data center permettono anche la riduzione del numero dei server necessari e quindi il consumo di energia viene complessivamente ridotto.

Consiglio

La strategia ambientale di IONOS permette anche a voi, senza un grande dispendio di energie, di contribuire all’uso di soluzioni sostenibili per l’ambiente.

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Scopri di più sull’uso dei cookie e sulla possibilità di modificarne le impostazioni o negare il consenso.
Page top