Come diventare influencer su Instagram: 10 consigli per il successo su Instagram

Quella dell’influencer è ormai una professione da prendere sul serio: sempre più persone cominciano a gestire la propria presenza sui social media nella speranza di diventare influencer, in modo da guadagnare con Instagram. Per ottenere davvero successo, vale la pena di dare un’occhiata ai seguenti trucchi e consigli.

Primo consiglio: considerate il vostro target

Per diventare influencer di successo su Instagram, dovete innanzitutto pensare al vostro pubblico di riferimento. Chi volete che veda i vostri contenuti? A chi potrebbero interessare i vostri post in particolar modo? Queste sono le domande che dovreste porvi prima di intraprendere la strada per diventare influencer su Instagram. Non appena avrete chiaro il vostro target, potrete iniziare. Seguite gli hashtag rilevanti per il vostro pubblico e lasciatevi ispirare dai post che vi compaiono. Prestate attenzione anche ai vostri hashtag.

Per valutare i potenziali gruppi target, è importante avere una visione d’insieme della struttura demografica di Instagram. Più della metà degli utenti di Instagram ha meno di 35 anni, quindi sono principalmente giovani adulti. Se create contenuti che si rivolgono soprattutto a un pubblico più adulto, allora potreste voler riconsiderare la scelta della piattaforma. D’altra parte, gli argomenti a cui gli adolescenti e i giovani adulti sono interessati maggiormente sono perfetti per Instagram.

La suddivisione per genere, a differenza di quella per età, è piuttosto equilibrata su questa piattaforma. Anche se con una quota di poco superiore al 51%, un numero leggermente superiore di uomini utilizza il social network, ma la differenza è così esigua che non dovrete cambiare i vostri contenuti di conseguenza.

Secondo consiglio: Instagram è tutta una questione di hashtag

A proposito di hashtag: gli hashtag su Instagram sono fondamentali per essere trovati tramite l’algoritmo. Pertanto, aggiungete a tutti i vostri post gli hashtag con cui volete venir trovati. Vale sempre la regola che less is more, meno è di più. Instagram consiglia di utilizzare dai 3 ai 5 hashtag per post. Può avere senso scegliere un hashtag abituale, così che le/i potenziali follower possano trovarvi velocemente sotto questo termine. Ma anche diversificare ha i suoi vantaggi: più ampio è lo spettro di hashtag che coprite con i vostri contenuti, più utenti raggiungerete.

Ciò che conta è che adattiate i vostri hashtag alle tendenze attuali. A tal fine, vale la pena di essere attivi su Instagram e osservare gli hashtag principali degli influencer più noti, con un ampio raggio d’azione. Ma può avere senso anche seguire altre tendenze di Internet, come ad esempio le varie sfide. Un tipo di hashtag che piace molto sono le festività insolite, di cui potete scoprire la data esatta con una breve ricerca su Internet. Che ne direste, ad esempio, di presentare ai vostri follower la ricetta di un frullato per la Giornata Internazionale della Frutta del primo luglio?

Se non siete sicuri di quali hashtag potrebbero adattarsi al vostro post, potete usare generatori di hashtag per Instagram come quello di Sistrix per trovare hashtag popolari e adatti a Instagram.

Se preferite dei post puliti, potete anche inserire gli hashtag come commenti sotto i vostri post e quindi nasconderli, per così dire. Così facendo, le/i follower potranno vedere gli hashtag solo se cliccheranno su “Visualizza 1 commento” sotto il vostro post.

Terzo consiglio: adattate il linguaggio

Le didascalie sono altrettanto importanti su Instagram, quindi adattatele al contesto del social network. Nel feed di Instagram vengono mostrate solo le prime tre righe della vostra didascalia, per questo vanno scelte con cura. Il social network raccomanda una lunghezza massima di 125 caratteri. Idealmente, una buona didascalia fa riferimento al post e incuriosisce chi legge a guardarne altri.

Chiedete pure alle vostre e ai vostri follower di lasciare un messaggio o di taggare amiche e amici. Così non solo otterrete più interazioni, ma darete anche alla vostra community la sensazione di essere coinvolta.

Quarto consiglio: vicinanza alla community

Se volete diventare note e noti influencer di Instagram, dovete necessariamente ottenere follower su Instagram. Per farlo, la vicinanza alla propria community è un elemento fondamentale. Esistono diversi modi per creare una connessione con le/i follower, ma il modo migliore per farlo su Instagram sono le storie: potete usarle per condividere esperienze quotidiane e parlare di cose che vi emozionano o che sono rilevanti per voi e il vostro target. Se fate storie dove parlate, è consigliabile accompagnarle a dei sottotitoli: in questo modo, potrà trarre qualcosa dalla storia anche chi per qualsiasi motivo non può ascoltarle.

Quinto consiglio: tag e luoghi

Avete incontrato un’altra o un altro influencer in un luogo specifico? Assicuratevi di menzionare (o taggare, dall’inglese “tag”) la persona nei vostri post! Potete usare “@” per menzionare altre/altri utenti del social network e anche aggiungere la località ai vostri post. Il vantaggio è che per un breve periodo potete essere trovati con il vostro profilo Instagram alla posizione taggata. Le persone che cercano quel posto su Instagram potrebbero trovarvi. Se i vostri post interessano a chi cerca, potrebbero iniziare a seguirvi. E naturalmente sapete già da tempo che le/i follower sono essenziali per diventare influencer di successo.

Sesto consiglio: tutto sta nel creare un buon mix e nello sfruttare al meglio i formati di Instagram

Ormai Instagram è molto di più che una semplice piattaforma dove pubblicare foto. Le storie vi consentono di condividere brevi video o foto di momenti della vostra giornata. Come influencer su Instagram, dovete saper creare storie coinvolgenti. Ma anche l’autenticità è fondamentale e non va trascurata se volete creare un legame con il vostro target. Un altro formato rilevante sono i reel: si tratta di brevi video che ricordano il formato di TikTok. Il social network vi offre un’ampia gamma di opzioni di design quando create reel su Instagram.

Assicuratevi di alternare i vari formati dei vostri contenuti. Così c’è qualcosa per tutte e tutti e non si corre il rischio di perdere i follower che seguono il vostro profilo solo per i reel, ad esempio.

Settimo consiglio: pubblicate post quando la vostra community è online

Con un account business ufficiale di Instagram potete vedere quando la maggior parte delle vostre e dei vostri follower è online andando alla voce “Insights”. Assicuratevi di regolare il ritmo di pubblicazione dei post in base alle scoperte che farete. La probabilità di interazioni aumenta quando più persone vedono il vostro post. Può anche avere senso sperimentare con diversi orari di pubblicazione finché non trovate il periodo di tempo perfetto per i vostri post.

Ottavo consiglio: la giusta bio di Instagram

Soprattutto se non siete ancora molto conosciute o conosciuti, la vostra biografia su Instagram è particolarmente importante, perché è una delle prime impressioni che lasciate a chi visita il vostro profilo. Nella bio potete fornire informazioni di base su di voi e sui vostri contenuti a potenziali follower. Anche le parole chiave con cui volete che vi si trovi sono parte integrante della biografia di un o una influencer. Fate però attenzione a non risultare troppo formali: un paio di emoji o riferimenti personali rendono l’atmosfera più rilassata e ispirano più simpatia.

Nono consiglio: brand

Se volete diventare influencer su Instagram, dovete trasformare la vostra persona in un marchio personale. Il personal branding non prevede solo che si segua una complessa strategia di autopromozione (o self marketing, in inglese): anche il vostro valore di riconoscimento è un requisito importante per diventare influencer su Instagram. Quindi, la costruzione del brand dovrebbe coinvolgere l’intero design del vostro account.

Per questo è importante che il vostro account segua una linea chiara. Ad esempio, utilizzate immagini con tonalità di colori simili o con uno stile ben distinguibile, di modo che le/i follower riconoscano direttamente i vostri post tra quelli che appaiono nel feed. Può anche essere utile assicurarsi che la visione d’insieme del proprio profilo abbia un aspetto accattivante. Naturalmente, essendo il feed ciò che conta di più su Instagram, questo non deve essere il vostro obiettivo principale. Tuttavia, un profilo dal design elegante può comunque fare colpo su chi visita la vostra pagina.

Decimo consiglio: ripubblicate i post della vostra community

Non appena le/i follower della vostra community vi menzionano nelle loro storie, potete ripubblicare questi contenuti nelle vostre storie. Non si tratta solo di contenuti per i quali non è necessario alcuno sforzo aggiuntivo: quando fate riferimento ai loro post, la community si sente coinvolta. Tuttavia, è una buona idea verificare con le/i follower prima di menzionarle/i nelle vostre storie.