Jira: cinque alternative che fanno concorrenza al tool di Atlassian

Il software Jira, con oltre 35.000 utenti in tutto il mondo, rientra tra le soluzioni più richieste per la gestione dei progetti. Le aziende online, come Spotify, eBay o airbnb, usano l’applicazione web dell’azienda Atlassian. Jira viene utilizzato principalmente nello sviluppo di software e fornisce così sin dal primo momento una piattaforma perfetta per pianificare, perfezionare e rilasciare insieme delle applicazioni efficienti. Inoltre il web tool è ampliabile in ogni momento con oltre 1.000 componenti aggiuntivi e compatibile con oltre 100 tool di sviluppatori, offerti da terze parti.

Per via della complessità e del prezzo sostenuto, può però valere la pena di prendere in considerazione un’alternativa a Jira. Vi presentiamo alcuni interessanti tool per la gestione dei progetti.

Quali alternative a Jira ci sono?

Se avete bisogno che più di dieci utenti abbiano accesso al tool, allora usare Jira può presto rivelarsi costoso. Per progetti ad alta scalabilità risulta quasi necessario optare per l’edizione Data Center, relativamente costosa, poiché dispone di appropriate funzioni calibrate in base alle prestazioni. Inoltre per diverse estensioni subentrano dei costi aggiuntivi che possono velocemente andare ben al di là delle proprie possibilità finanziarie. Per le piccole aziende può perciò risultare vantaggiosa la ricerca di un’alternativa gratuita a Jira, perché se si riesce a rinunciare a delle funzionalità, si avrà l’imbarazzo della scelta. In questa panoramica di alternative a Jira trovate, oltre che alcuni programmi a pagamento, anche altre applicazioni con radici ben salde nel settore open source.

Sprintly

Dopo la fondazione nel 2011, l’azienda Sprint.ly, con sede a Portland, ha rilasciato la sua soluzione basata sul web per la gestione dei progetti. Al contrario di Jira, Sprintly è disponibile solo come applicazione web a cui si può accedere non solo dal browser, ma anche da iOS, dopo aver installato l’app. Il punto di forza principale del tool è una dashboard chiara, che fornisce una panoramica dettagliata di un progetto specifico o di tutti i progetti gestiti.

Così i compiti creati del team sono ordinati secondo il loro stato, di modo che ogni dipendente possa vedere quali passaggi sono previsti, quali sono quelli in lavorazione o quali sono stati già terminati. Grazie a un eccellente engine di ricerca e di filtraggio, comprensivo della funzione di autocompletamento, nel giro di breve tempo si riescono a visualizzare solo i propri compiti.

Come anche il software Jira, la varietà di funzioni di Sprintly può essere ampliata tramite l’integrazione di applicazioni di terze parti e componenti aggiuntivi. Qui, tra le altre, vengono supportate la piattaforma di integrazione Zapier e il servizio online GitHub. Il tool di gestione dei progetti si dimostra molto utile per tutti i tipi di azioni, facendo ad esempio delle proposte di formulazione. Tra gli altri vantaggi si annoverano le feature seguenti:

  • protocolli di attività e analisi della produttività in tempo reale;
  • API per l’integrazione di servizi esterni e metriche di visualizzazione;
  • collegamento perfetto con gli ambienti di chat, come Slack, Campfire o HipChat;
  • tasti di scelta rapida semplificati per le keyword;
  • creazione di ticket via e-mail.

Sprintly è un’alternativa a Jira a pagamento, disponibile in diverse fasce di prezzo da “Startup” fino a “Enterprise”. A seconda del pacchetto scelto, hanno accesso completo a tutte le funzioni e alle features fino a un massimo di 75 partecipanti. Inoltre i singoli piani comprendono uno spazio di archiviazione (compreso tra 5 GB e 350 GB) nell’Amazon S3 Cloud. Indipendentemente dall’abbonamento scelto, potete gestire contemporaneamente un numero illimitato di progetti.

Vantaggi Svantaggi
Dashboard chiara Manca una versione per il desktop (nessuna possibilità di hosting dedicato)
Possibilità di creare ticket per e-mail Spazio di archiviazione limitato
App ufficiale per iOS Solo versione in inglese

Redmine

Un’alternativa gratuita a Jira è il tool open source Redmine, che è stato rilasciato per la prima volta nel 2006 con licenza GPLv2. È scritto in Ruby e si basa sul framework Ruby on Rails, perciò può essere utilizzato indipendentemente dalla piattaforma e dal database in uso. Inoltre Redmine supporta oltre 30 lingue diverse, tra cui il tedesco, l’inglese, lo spagnolo, l’italiano e il francese. Per usare il programma di gestione dei progetti vi servono solo un ambiente di hosting appropriato e un database (MySQL, MariaDB, PostgreSQL, ecc.). In aggiunta deve essere installata la versione corrispondente di Ruby.

Anche se l’utilizzo del software originale è gratuito e dovete quindi pagare solo per l’hosting, Redmine rimane comuque un tool completo per la pianificazione e lo sviluppo di progetti. Così potete gestire contemporaneamente diversi progetti, oltre che definire e avere una visione d’insieme dei singoli compiti e dei progressi fatti fin nei minimi dettagli. Grazie all’eccezionale gestione dei permessi potete quindi determinare individualmente quali opzioni ha a disposizione un utente per un progetto specifico. Così è ad esempio possibile consentire a un dipendente l’accesso a un progetto e alla creazione di commenti, senza fornirgli però la possibilità di apportare delle modifiche. Inoltre il tool open source comprende le seguenti features:

  • sistema di ticket flessibile, che può essere adattato al workflow desiderato (separatamente per ogni ruolo utente);
  • diagrammi di Gantt creati manualmente o automaticamente e l’indicazione di tempistiche, ad esempio sulla base dei ticket creati;
  • wiki e forum scritti nel linguaggio di markup Textile (per ogni progetto);
  • un proprio repository e accesso a diversi sistemi di gestione delle differenti versioni, come CVS, Subversion, Mercurial, Darcs, Barzaar e Git;
  • sistema di news e notifiche.

Queste features standard rendono Redmine un’ottima alternativa a Jira per piccoli progetti. Grazie ai plug-in prodotti dalla stessa azienda e messi a disposizione nella Plugins Directory [Repository ufficiale dei plug-in del software di gestione dei progetti Redmine] (http://www.redmine.org/plugins) ampliate ulteriormente la gamma di funzioni del software, di modo che con il tool possiate gestire personalmente processi di sviluppo complessi.  Tramite un’estensione apposita ottimizzate ad esempio il sistema di ticket, aggiungete una chat o collegate Redmine con innumerevoli programmi di terze parti. Inoltre si può adattare l’aspetto grafico del programma di gestione dei progetti grazie a dei temi.

Vantaggi Svantaggi
Gratuito e con licenza libera Workflow non configurabile
Ampliabile (plug-in, temi) Configurazione complessa e dispendiosa
Alta compatibilità  
Consiglio

L’azienda Easy Software gestisce una variante di Redmine che comprende anche un arsenale avanzato di plug-in, un’assistenza clienti e una soluzione di hosting (opzionale). Se interessati, potete provare gratuitamente la demo di questa versione a pagamento per 14 giorni.

Stackfield

Stackfield è un’alternativa a Jira, immessa sul mercato dalla Stackfield Srl, che dà particolare importanza agli aspetti della sicurezza e della protezione dei dati. I server su cui è hostato questo software per la gestione dei progetti si trovano su suolo tedesco (certificati a livello ISO-27001) e vengono effettuati dei backup a intervalli regolari per consentire un eventuale ripristino dei dati. Inoltre è possibile accedere al tool in modo protetto tramite un’autentificazione a due fattori e tutti gli archivi di dati sono crittografati con una combinazione di algoritmi AES e RSA (AES-256 e RSA-2048). La codifica avviene sul browser, così che tutte le informazioni rilevanti siano già state trasmesse crittografate ai server.

Con Stackfield potete anche gestire contemporaneamente diversi progetti con Jira. Per questo create i profili del team comprensivi dell’assegnazione di specifici ruoli e permessi per gli utenti coinvolti (amministratore, membro, ospite) e gli archivi di dati. La configurazione è perciò portata a termine velocemente, grazie all’interfaccia utente pratica, ed è regolabile anche successivamente in ogni momento. Altrettanto velocemente gli utenti si orientano sulla piattaforma del progetto, perché tutte le funzioni e impostazioni sono accessibili facilmente, oltre che presentate appropriatamente. Con il tool avete accesso, ad esempio, alle seguenti funzioni:

  • chat di gruppo per lo scambio di messaggi e file in tempo reale per ogni archivio di dati;
  • presentazione dello stato dei compiti nella dashboard;
  • collegamento perfetto dei singoli task, file e commenti;
  • cronologia delle versioni per i compiti, i documenti, ecc.;
  • protocolli delle attività disposti in ordine cronologico e filtrabili.

Con la sua varietà di funzioni e le sue variegate strutture di sicurezza, Stackfield rientra senza dubbio tra le migliori alternative a Jira, quando si tratta di gestire progetti con informazioni sensibili. Così approfittate negli ambiti dedicati allo sviluppo dei progetti e della ricerca delle stesse possibilità presenti nel ramo PR o nella consulenza aziendale. Per lo sviluppo dei software viene fornita una base appropriata, grazie alla cronologia delle versioni, ma il tool è meno indicato per lo sviluppo di progetti complessi, ad esempio per via dell’assenza di API di terze parti.

I clienti possono scegliere tra quattro diverse tariffe con disdetta mensile e differenti limitazioni per quanto riguarda lo spazio di archiviazione concesso (a partire da 10 GB) e il numero di utenti consentito per l’utilizzo dello strumento (a partire da 10 fino a un massimo di 100 utenti). Tutti i pacchetti comprendono un’assistenza per e-mail e telefonica, oltre che un canale di supporto personale.

Vantaggi Svantaggi
Elevati standard di sicurezza Nessuna API per l’integrazione di applicazioni di terze parti
Sistema flessibile della gestione di ruoli e permessi Manca una versione per il desktop (nessuna possibilità di hosting dedicato)
  Workflow non configurabile

OpenProject

Dal 2012 l’azienda OpenProject Srl gestice in collaborazione con la OpenProject Foundation (OPF) l’omonimo tool per la gestione dei progetti, OpenProject. Insieme ad un’ampia e specializzata community, l’azienda tedesca si occupa dell’ottimizzazione e sviluppo di questa alternativa a Jira, gratuita nella Community Edition. L’ultima versione desktop del software, disponibile per le distribuzioni Linux CentOS, Debian, Ubuntu e Suse, può essere scaricata dal sito ufficiale e installata sul proprio server. Alternativamente, la OpenProject Srl propone anche la Cloud Edition, una variante vantaggiosa in cui è compreso anche l’hosting. A completare l’offerta c’è l’Enterprise Edition, che comprende features aggiuntive e un supporto professionale.

L’interfaccia utente chiara di questa alternativa a Jira consente la gestione parallela di progetti di diversa natura. Grazie alla struttura modulare dell’applicazione open source, scegliete dettagliatamente di quali funzioni avete bisogno per il rispettivo progetto. L’installazione standard di OpenProject prevede i seguenti moduli:

  • Monitoraggio macro-attività (work-package)
  • Monitoraggio tempi
  • Notizie
  • Wiki
  • Forum
  • Calendario
  • Tempistiche
  • Documenti
  • Riunioni
  • Controllo dei costi
  • Report costi
  • Backlog
  • Attività

OpenProject tiene il passo con le alternative a Jira a pagamento non solo per quanto riguarda le funzioni, infatti in pochi passaggi create profili utenti o interi gruppi di utente, a cui potete assegnare ruoli e permessi specifici. Così potete sia accedere a tipi predefiniti o sviluppare un vostro sistema. Lo stesso vale per i singoli passaggi di lavoro o per l’intero workflow, dove l’applicazione della gestione dei progetti prestabilisce dei valori che potete adattare alle vostre esigenze, se necessario.

Nella configurazione del sistema generale è perciò possibile stabilire le impostazioni essenziali, come la dimensione massima dei file, il protocollo preferito (HTTP, HTTPS) o i parametri del login (lunghezza della password, caratteri consentiti, blocco automatico all’inserimento di una password errata, ecc.).

Vantaggi Svantaggi
Ottime opzioni di configurazione Richiesto molto tempo per prendere dimestichezza con il software
Gratuito e con licenza libera  
Struttura modulare  

Jixee

Jixee è una soluzione per la gestione dei progetti basata sul web che si contraddistingue come alternativa a Jira, in particolare per il suo design minimalista e semplificato. In combinazione con una gamma di funzioni eccellenti, il tool porta il lavoro di sviluppo ad un livello superiore, aumentando la produttività dell’intero team. Quattro work board flessibili accompagnano i diversi passaggi di sviluppo, a partire dallo sviluppo generale, passando per il controllo della qualità fino alla pubblicazione. I singoli utenti possono creare così i propri task, commentare i compiti già esistenti o farsi carico dell’elaborazione. I task si possono spostare facilmente tra le diverse board tramite drag&drop.

Inoltre tutti i task e i sottotask, presenti nella panoramica dei compiti, non solo possono essere ordinati e filtrati secondo dei criteri, ma anche specificati ulteriormente. In questo modo si possono ad esempio stabilire i seguenti dettagli:

  • tipo di task (ottimizzazione, risoluzione dei problemi, features, ecc.);
  • compito principale sovraordinato;
  • utenti che devono svolgere il compito;
  • priorità e grado di difficoltà;
  • avvio e fine desiderata.

Se per il vostro progetto lavorate già con altre applicazioni o avete programmato l’uso di software di terze parti, c’è una soluzione anche a questo: da una parte collegate Jixee in pochissimo tempo alle piattaforme GitHub e Bitbucket, grazie alle funzioni già integrate, o al vostro account Stash (sul server di Bitbucket) o al software per la chat HipChat. Dall’altra questa alternativa a Jira mette a disposizione per l’integrazione di altri software preferiti una propria API. Inoltre è possibile generare web hook (interfacce in tempo reale) in entrata e in uscita per lo scambio di dati rapido tra Jixee e il programma esterno in uso. 

Se volete utilizzare il software per la gestione dei progetti, potete prima di tutto provare le funzioni offerte dal pacchetto, scegliendo di fare un test per una settimana. Infine avete la possibilità di scegliere tra diversi pacchetti che sostanzialmente si differenziano solo per il numero di utenti consentito: si va da un minimo di 10 fino a più di 100 utenti.

Ogni abbonamento vi dà accesso a uno spazio di archiviazione cloud illimitato, oltre che darvi la possibilità di gestire un numero illimitato di progetti. Il servizio si occupa anche dell’hosting e perciò non c’è nessuna variante da installare su un proprio server. Raggiungete l’applicazione web da tutti i browser correnti o in alternativa dall’app scaricabile, se disponete di un dispositivo macOS.

Advantages Disadvantages
Easy to get used to Fewer configuration possibilities
Unlimited storage available No desktop version (no self-hosting possible)

Un confronto sulle alternative a Jira

  Redmine OpenProject Jixee Stackfield Sprintly
Release 2006 2012 2011 2013 2011
Open source No No No
Prezzo mensile     A partire da 1,90 € per utente A partire da 2,40 € per utente A partire da 2,60 € per utente
Possibilità di hosting dedicato No No No
Spazio di archiviazione cloud     Illimitato A partire da 10 GB A partire da 5 GB
API per l’integrazione di software di terze parti No
Disponibile in italiano No No No
App per i dispositivi mobili RedminePM (non ufficiale; iOS, Android) OpenProject Client (non ufficiale; iOS)   Prevista in futuro Sprinter for iOS (ufficiale), Sprinter (non ufficiale; Android)
Directory ufficiale dei plug-in No No

Un momento! Prima di lasciarci scopri
la nostra offerta per il rientro dalle ferie:
dominio .it a 1 € per il primo anno!

Primo anno a 1 € IVA escl.,
poi 10 €/anno IVA escl.

Inserisci il dominio desiderato nella barra di ricerca per verificarne la disponibilità.