Fondamenti di Online Marketing: le nozioni base che dovreste conoscere

Il PR Online, i Social Media, l’Affiliate Marketing, le campagne di newsletter, Google AdWords, rientrano tutti nel Marketing Mix ideale. L’Online Marketing è un settore enorme, ed è per questo che è difficile all’inizio farsi un’idea e trovare il giusto approccio per la propria azienda. Quali canali sono rilevanti e quale strategia è la migliore, si decide caso per caso. In base al settore, all’offerta, al target e agli obiettivi, alcuni canali occupano una posizione di primo piano, mentre altri non sono molto importanti. Nonostante tutte le variabili ci sono alcuni fondamenti di Online Marketing che tutti dovrebbero conoscere e considerare. Vi presentiamo i 7 elementi fondamentali per un inizio di successo delle vostre attività di marketing online.

1. Utilizzare il sito web come canale di comunicazione

Il proprio sito web aziendale è il fulcro delle attività in rete e pertanto la base per ogni forma di Online Marketing. Anche se l’importanza dei siti web aziendali con il predominio dei social network è diminuita, rimane sempre il biglietto da visita di un’azienda. Dietro a un sito web professionale c’è molto lavoro, ma essere online non basta. Si deve lavorare con il proprio sito, curarlo e utilizzarlo come strumento di comunicazione. Con un aggiornamento regolare, fornendo notizie esclusive, non solo si crea un incentivo per gli utenti a visitare il sito web, ma si manda anche a Google un segnale che il sito web è aggiornato e che i contenuti sono attuali e rilevanti.

Utilizzare grandi software di gestione dei contenuti e grandi database non serve chiaramente ad ogni sito web. Per piccole aziende e per settori particolari, come quello della gastronomia, un blog è spesso una buona alternativa.

2. Content is king

Un tipico errore dell’Online Marketing, riguardante le azioni da intraprendere, è quello di perdere di vista la qualità dei contenuti. Per questo il Content Marketing basato sui contenuti, negli ultimi anni si è dimostrato significativamente più efficace nel tempo rispetto alla pubblicità classica come spot televisivi o banner pubblicitari. Ogni marketer dovrebbe essere consapevole che nell’Online Marketing ci si concentra sempre più sui cosiddetti metodi inbound. È per questo che i contenuti vengono sempre realizzati in modo accattivante, affinché sia l’utente stesso a cercarli e non vengano invece (come per la pubblicità classica) inviati ai potenziali clienti. Pertanto ci si dovrebbe concentrare su contenuti di qualità, interessanti e divertenti, che offrano un valore aggiunto per il lettore. Proponendosi come esperti nel proprio campo, si infonde fiducia nel target.

Buoni contenuti costituiscono la base per il successo nell’Online Marketing. Sono la base per l’ottimizzazione dei motori di ricerca e influenzano le altre discipline di marketing come importante fattore di qualità. L’importante è che i contenuti siano sempre unici. Proporre un cosiddetto UniqueContent (contenuto unico) è fondamentale: non si dovrebbero mai copiare i contenuti o usare quelli della concorrenza.

3. L’Online Marketing richiede tempo ed esperienza

Una campagna sui social media o una strategia di Content Marketing non viene sviluppata in modo casuale. L’Online Marketing è un lavoro a tempo pieno. La gestione dei profili sui social media non dovrebbe essere un lavoro svolto dai tirocinanti e l’ottimizzazione offpage di una pagina non dovrebbe essere messa in secondo piano. La realizzazione di una strategia di marketing, da cui un’azienda trae grandi vantaggi anche a lungo termine, non dovrebbe essere tralasciata e non dovrebbe essere affidata a chi non è esperto del settore.

Proprio le aziende che compiono i primi passi nel settore dell’Online Marketing, spesso sottovalutano il tempo che sarebbe opportuno investire nella fase iniziale. Possono passare settimane, spesso anche mesi, prima che le prime campagne siano ottimizzate e le prime misure SEO portino i loro frutti. Soprattutto per quanto riguarda l’ottimizzazione dei motori di ricerca è necessario avere un po’ di pazienza. Un posizionamento su Google è un processo che richiede tempo, ma alla fine tutti gli sforzi saranno ripagati.

Come si è già detto, oltre a un certo impegno in termini di tempo, il possesso di conoscenze tecniche è spesso un fattore sottovalutato. La gestione di account e profili non dovrebbero in alcun modo essere affidati a tirocinanti, ma soltanto a persone esperte. È necessario quindi formare il personale fornendogli le nozioni più importanti dell’Online Marketing e le conoscenze necessarie anche attraverso corsi esterni. Se il proprio team di marketing è ancora inesperto, è consigliabile richiedere l’assistenza da parte di un’agenzia specializzata in Online Marketing.

4. L’Online Marketing deve seguire una strategia

Nell’Online Marketing esiste una combinazione pericolosa: non avere alcuna esperienza nel settore online ma avere a disposizione un budget consistente. Molti cominciano a investire in modo sporadico qua e là e a suddividere il budget in modo commisurato, per testare i canali di marketing più disparati. Anche se questo procedimento può sembrare ragionevole a molti, spesso non si rivela essere l’idea migliore, in quanto potrebbe portare a un’ingente perdita di denaro. Definire una strategia sin dall’inizio è senz’altro una soluzione migliore. È necessario pianificare le proprie strategie di marketing nel modo più giusto per far combaciare al meglio tutti i canali con le singole campagne. È inoltre importante scegliere i metodi e gli strumenti giusti per gli obiettivi prefissatisi. I modelli di attribuzione consentono per esempio di identificare i canali più rilevanti e proficui per la propria azienda.

Non solo si deve definire la propria strategia, ma è anche importante comunicare all’interno dell’azienda affinché i singoli dipartimenti possano armonizzare i loro processi. Chi vuole creare un proprio marketing mix di successo, dovrebbe astenersi dal prendere in considerazione singole misure isolate. Se i singoli canali vengono presi come discipline indipendenti, senza avere uno sguardo d’insieme su tutte le strategie da adottare, diventa tutto piuttosto problematico. C’è per esempio il pericolo di diffondere contenuti doppi o, ancora peggio, diffondere su diversi canali contenuti che si contraddicono.

5. L’usabilità viene prima del design

Certamente il design è un aspetto importante. In base al settore o al campo l’utente si aspetta un design accattivante e una realizzazione moderna e creativa, quando visita il sito web di un’azienda. In questo modo il design può anche essere il trattodistintivo, come per esempio fa la Apple con la sua inconfondibile Corporate Identity. 

Ma è utile non perdere di vista anche altri fattori di successo rilevanti: al primo posto si dovrebbe sempre mettere l’usabilità dell’utente. Un’esperienza di navigazione chiara e schematica dovrebbe essere sempre l’obiettivo numero uno. L’utente deve poter utilizzare la pagina in modo intuitivo e dovrebbe trovare quello che cerca velocemente e senza problemi. Un sito web può essere visivamente particolare e innovativo, ma se ci sono delle mancanze nell’usabilità, nessun utente vorrà rimanere sulla quella pagina. Lo stesso principio vale anche per l’ottimizzazione su dispositivi mobili: si dovrebbero sempre fare dei compromessi nel design. È consigliato infatti sviluppare il sito web in modo essenziale e facile da utilizzare, al fine di permettere un uso dai dispositivi mobili il più ottimale possibile.

6. Raccogliere informazioni sul target

Nel commercio classico al dettaglio i clienti ricevono assistenza in modo personale: si dovrebbero sentire quasi corteggiati e costantemente informati. Il cliente è sempre al centro. Fondamentalmente non esiste alcuna differenza con il settore online: questa importante nozione dell’Online Marketing non dovrebbe mai essere dimenticata. Anche con le misure di Online Marketing le aziende dovrebbero rivolgersi al consumatorein modo concreto e cercare di convincerlo. Diversamente dal commercio tradizionale, nel quale i singoli visitatori dei negozi vengono identificati velocemente, nel settore online la sfida consiste principalmente nel trovare i potenziali clienti. Per poterlo fare però, è necessario conoscere bene il proprio target, in modo tale da adattare a quest’ultimo tutte le misure pubblicitarie. L’analisi web è uno strumento molto importante che ogni marketer dovrebbe utilizzare per misurare il suo successo online, analizzarlo e massimizzarlo. Con gli strumenti di analisi come Google Analytics si ricevono informazioni approfondite sul proprio target, sul suo comportamento online e su come poterlo approcciare al meglio.

7. Non perdere di vista il ROI

L’ultimo punto nella nostra lista sui principi base dell’Online Marketing è il seguente: non bisogna mai perdere di vista il ritorno sugli investimenti (abbreviato: ROI). Se si ha un’azienda, bisogna sempre tenere ben presente la seguente relazione: l’uso di una misura pubblicitaria deve essere sempre superiore ai costi sostenuti. A tal riguardo gli online marketer utilizzano un indicatore speciale, ovvero il già citato ritorno sugli investimenti. Con l’aiuto del ROI si misura il rendimento di un’attività imprenditoriale, mettendo in relazione il guadagno con il capitale utilizzato.

Soprattutto nelle discipline più costose dell’Online Marketing, come per esempio le campagne di Google AdWords è importante non perdere di vista il ROI. In questo modo è possibile controllare la redditività delle misure pubblicitarie. Negli annunci a pagamento si devono anche mettere in conto i possibili sprechi. Se non si effettuano i calcoli in modo attento, si rischia di consumare denaro inutile.


Insieme ce la faremo. Noi di IONOS
#siamoquiperte
L'emergenza coronavirus è una sfida che dobbiamo vincere insieme.
In questo momento di incertezza vogliamo aiutarti a mandare
avanti la tua attività.
3 mesi omaggio
E-commerce
Crea il tuo negozio online.