Quanto costa un dominio? Consigli per la pianificazione del budget

Al giorno d’oggi, le aziende e i lavoratori autonomi difficilmente possono fare a meno di un sito web. Se desiderate aumentare il vostro fatturato, acquisire nuovi clienti o presentare i prodotti in modo efficace, il sito aziendale è uno strumento importante. Anche nel settore privato vengono creati sempre più siti web, per esempio per condividere un hobby con altre persone.

I privati di solito hanno meno budget per la creazione di un sito web rispetto alle aziende. Ci sono anche differenze finanziarie tra liberi professionisti, startup e aziende, che sono, però, accomunati dal fatto che hanno bisogno di un dominio per la propria presenza sul web in modo che gli utenti possano accedere al sito. Gli indirizzi Internet, tuttavia, sono disponibili in diverse fasce di prezzo. Da cosa dipendono i diversi prezzi?

Registra subito un dominio .it in offerta speciale!

Registra ora il tuo dominio .it con un consulente personale incluso!

Semplice
Sicuro
Assistenza 24/7

Perché ci sono differenze di prezzo per i domini?

Anche se il Domain Name System (DNS), una specie di elenco telefonico di Internet, è infinitamente grande, chi vuole avere una sequenza criptica di numeri e lettere come indirizzo web? I termini o le frasi concise sono di solito registrate rapidamente e, per così dire, molto popolari. Inoltre, i diversi domini di primo livello (TLD), cioè le estensioni di dominio, godono di una reputazione diversa, aspetto che influisce anche sul prezzo. Mentre i tradizionali .com o .it sono tra le estensioni di dominio più popolari, i nuovi TLD si stanno sviluppando più lentamente.

Infine, ci sono anche vari provider, che presentano differenze di prezzo (anche se di solito minime), ma alcuni venditori fanno offerte speciali di tanto in tanto. Anche se il prezzo non dovrebbe essere l’unico fattore nella scelta di un provider di domini, vale sicuramente la pena di confrontare più fornitori.

Per aiutarvi a capire per cosa state effettivamente pagando, vi spieghiamo brevemente la struttura di un dominio: ogni dominio consiste di diversi componenti, che insieme, tecnicamente parlando, costituiscono il Fully Qualified Domain Name (FQDN). Se date un’occhiata alla riga del browser, il dominio (letto da sinistra a destra) inizia dopo la specifica del protocollo (di solito https://). Poi seguono:

  • Il dominio di terzo livello: il sottodominio, che designa una sottoarea; per i siti web si tratta per lo più di www.
  • Il dominio di secondo livello: il nome di dominio da scegliere liberamente; spesso contiene il nome del marchio o del progetto web.
  • Il dominio di primo livello: l’estensione di dominio; i TLD sono limitati. Ne esistono due tipi:
  • i domini di primo livello nazionali (ccTLD): specifici del paese o relativi a determinate aree, per esempio .it, .us o .eu.
  • i domini di primo livello generici (gTLD): più generali; si riferiscono ad aree tematiche, per esempio .com, .org o .edu.

Quando comprate un dominio, scegliete subito i domini di primo e secondo livello. Invece, potete solitamente decidere liberamente i sottodomini.

Qual è il prezzo di un dominio?

Quando si tratta di prezzi di domini, bisogna distinguere tra indirizzi ancora liberi e domini già assegnati. Nel caso di questi ultimi, i prezzi possono raggiungere cifre esorbitanti, a seconda della domanda e a condizione che si sia disposti a cedere un dominio già assegnato, quindi a rivenderlo. Più interessante per molti utenti, tuttavia, sono i costi dei domini ancora liberi, che variano in base al dominio di primo livello desiderato.

Check dominio
  • .it
  • .com
  • .shop
  • .net

I domini di primo livello più datati sono abbastanza economici in confronto ad altri e quindi la prima scelta per molti. Tuttavia, bisogna tenere presente che molte combinazioni sono già state prese in questo caso. I nuovi TLD offrono molta più scelta. Le alternative ai domini .it possono anche adattarsi meglio a un’offerta specifica. Per esempio, un dominio .io è molto adatto alle startup di informatica.

Di seguito vi presentiamo i prezzi per diversi domini di primo livello. Poiché ci sono piccole differenze di prezzo da un registrar all’altro, nella tabella troverete indicate le rispettive fasce di prezzo, che a loro volta si riferiscono ai costi per un anno.

Dominio Costi all’anno Ambito
.com 15–24 € Internazionale
.it 10–15 € Italia
.org 15–24 € Internazionale
.net 15–24 € Internazionale
.eu 13–29 € Europa
.io 60–100 € Tecnologia
.mobi 25–32 € Prodotti per dispositivi mobili
.app 24–30 € App/Software
.beauty 18–20 € Cosmesi
.shop 49–60 € E-commerce
.blog 39–48 € Blog
.london 40–70 € Regionale/Turistico
.berlin 49–70 € Regionale/Turistico
.tokyo 20–30 € Regionale/Turistico

Nella tabella sono elencati solo i prezzi regolari. Spesso i fornitori di domini offrono ulteriori sconti iniziali: solitamente pagate molto meno il primo anno e dovete calcolare la tariffa intera solo l’anno successivo.

Consiglio

Quando registrate un dominio con IONOS, sono inclusi nel pacchetto un indirizzo e-mail abbinato e un certificato SSL. Così potete iniziare subito in modo professionale.

Quali sono i fattori da considerare quando si acquista un dominio?

Come si compra un dominio? Prima di tutto, scegliete il fornitore da cui volete acquistare il vostro dominio. Qui avete la scelta tra diversi tipi di dominio. I fornitori di domini (registrar) contattano poi i titolari dei TLD (registri), ICANN, NIC e simili, per registrare il dominio per conto vostro. Di seguito una piccola selezione di provider:

Indipendentemente dal fornitore che sceglierete, informatevi bene su quali servizi pagherete. Non sempre tutti i costi e i servizi sono chiaramente visibili.

  • Costi nell’anno successivo: di regola, acquistate un dominio per il lungo termine. I fornitori spesso offrono sconti per il primo anno, che poi non si applicano più per il secondo. Tenetelo presente quando pianificate il vostro budget.
  • Spese iniziali: alcuni provider richiedono un pagamento una tantum per registrare un dominio. Si tratta in genere di una piccola cifra, ma non va dimenticata nella pianificazione dei costi.
  • Rinnovi automatici: generalmente, i domini sono registrati per un anno. Alcuni fornitori rinnovano automaticamente il contratto alla fine dell’anno se non viene disdetto prima. Per quanto sembri sorprendente per alcuni clienti, ciò assicura però che il dominio e quindi il sito web non risultino improvvisamente offline.
  • Sconti per più domini: può valere la pena di acquistare direttamente diversi domini, poiché i registrar spesso offrono delle tariffe speciali.
  • Pacchetti tutto-in-uno: molti fornitori di domini offrono anche l’hosting. Se avete comunque bisogno di spazio web, indirizzo e-mail e certificati SSL, dovreste considerare di acquistarli insieme in un unico pacchetto.
Consiglio

Nel nostro articolo di approfondimento, abbiamo riassunto per voi ancora altri consigli per la registrazione di un dominio.

Quando pianificate il vostro budget, non dimenticate che oltre al costo del dominio, subentrano anche costi per la creazione del sito web.

Comprare domini già registrati

Cosa succede se il dominio desiderato è già stato preso? Naturalmente si può cercare un’altra combinazione, adattare il nome desiderato o passare a un TLD alternativo, ma non sempre è necessario. Infatti, spesso non ci sono (più) siti web attivi sui domini assegnati e i proprietari sono più che felici di guadagnare vendendo l’indirizzo Internet. Per raggiungere il vostro scopo, dovete prima di tutto scoprire chi è il proprietario e poi contattarlo. Se il proprietario del dominio non ha già le idee chiare sul prezzo, fate direttamente voi un’offerta.

Il valore del dominio è largamente determinato dalla sua popolarità. Per esempio, alcuni domini popolari sono stati venduti per diversi milioni di dollari:

  • business.com (2007): 345 milioni di dollari
  • lasvegas.com (2005): 90 milioni di dollari
  • carinsurance.com (2010): 49,7 milioni di dollari

Ovviamente, solo alcuni domini hanno costi simili. Ma proprio questi top seller mostrano bene come si misura il valore di un dominio esistente:

  • Per prima cosa, la facilità di memorizzazione è un fattore importante. Business.com è probabilmente il dominio più ovvio, soprattutto in inglese, quando si tratta del mondo degli affari.
  • Un’altra ragione è l’inclusione di parole chiave importanti nell’indirizzo Internet. Se cercate un’assicurazione auto nei paesi di lingua inglese, vi imbatterete molto probabilmente in carinsurance.com.
  • Ultimo motivo ma non meno importante, si tratta anche di assicurarsi i domini prima della concorrenza. Per esempio, il dominio lasvegas.com è stato acquistato dai proprietari di vegas.com per non creare confusione tra gli utenti.
N.B.

La SEO non è da sottovalutare nella scelta dei domini. Se desiderate ottimizzare il vostro sito web per i motori di ricerca, dovreste pensare a un indirizzo web adatto, oltre a garantire dei buoni contenuti e prestazioni impeccabili.

Quanto si dovrebbe spendere per un dominio? Tre esempi

A seconda dei vostri obiettivi e del vostro budget, dovreste preventivare una certa somma di denaro per l’acquisto del dominio. I seguenti esempi provengono tutti da un ambiente professionale. Per i progetti amatoriali che non si basano sul traffico e un buon posizionamento su Google, d’altra parte, si dovrebbe semplicemente cercare di optare per l’offerta più conveniente.

Libero professionista

Supponiamo che siate attori e doppiatori freelance. Il vostro budget per il marketing è probabilmente molto basso e intendete usare il vostro sito principalmente come un biglietto da visita online dove i futuri clienti possono trovare informazioni su di voi. Per non gravare troppo sulle vostre finanze, un dominio .it per iniziare andrà più che bene. Poiché il vostro marchio coincide con il vostro nome, dovreste assolutamente includerlo nel dominio.

Costi per il/i dominio/i: circa 1,50 € al mese

Consiglio

Se non siete ancora presenti sul web, è meglio optare per un pacchetto di hosting che include già un dominio, così da risparmiare tempo e denaro. IONOS vi supporta inoltre con il MyWebsite: grazie a un semplice editor con molti modelli professionali per creare un sito, riuscirete a farvi notare online anche senza avere conoscenze di web design.

Startup e PMI

Se siete una startup, avete diversi requisiti per la presenza della vostra azienda sul World Wide Web. Desiderate essere rappresentati nel miglior modo possibile e sfruttare al meglio le strategie SEO. Pertanto, non dovreste assicurarvi solo uno, ma diversi domini. In questo modo, sarete trovati dai potenziali clienti e darete alla concorrenza meno opportunità di ostacolare la vostra strategia di marketing. Supponiamo che la startup sia del settore IT, così le estensioni di dominio .io e .app, per esempio, risultano anche adatte, oltre ai classici indirizzi .com e .it.

Costi per il/i dominio/i: a partire da circa 10,00 € al mese

Grande azienda

Le imprese e le società consolidate di solito hanno già almeno un dominio. Ma non è sufficiente. Per proteggere il vostro marchio, dovreste comprare più domini possibili e questo può significare anche acquistare domini che sono già stati assegnati. In questo caso i prezzi possono variare molto, a seconda di quanto il dominio sia già conosciuto e quanto sia alta la domanda.

Costi per il/i dominio/i: a partire da circa 100,00 € al mese + costo una tantum a partire da circa 1.000 €

Consiglio

Anche una grande azienda difficilmente può evitare la compravendita di domini. Per non pagare troppo, dovreste osservare il mercato e, se possibile, assicurarvi i domini in anticipo, anche se non ne avete bisogno al momento.


Sconti Black Friday
Approfitta dei nostri sconti su domini, web hosting, WordPress e tanto altro. Offerta valida solo fino al 29 novembre!
Fino al -98%