Far conoscere il proprio sito web: corso veloce per iniziare

Oggigiorno sono molte le persone che gestiscono un sito web, sia per lavoro sia privatamente, anche se si tratta semplicemente di un piccolo blog. Molti siti web di piccole e medie imprese si trovano però ancora agli inizi. Per cambiare questa situazione e migliorare il ranking di un sito web diventa sempre più importante applicare le giuste strategie di marketing online. Chi vuole far conoscere il proprio sito non dovrebbe sottovalutare l’efficacia di SEA, SEO, social media e di altri strumenti online. Vi forniamo un breve orientamento al riguardo.

Adottare correttamente le strategie di marketing: come rendere noto il proprio sito web

Chi vuole vendere un prodotto deve fare pubblicità. Ma come funziona il marketing se si vuole rendere noto un sito web? Nonostante principalmente ci si affidi al marketing online, anche il marketing tradizionale continua a portare i suoi frutti: ricorrendo a spot pubblicitari in TV e alla radio, oltre che alla pubblicità su giornali e manifesti, si contribuisce notevolmente ad attirare l’attenzione dei consumatori su un prodotto.

Generalmente nel marketing online si procede però in maniera più mirata. Alcune delle più importanti strategie pubblicitarie del marketing online risultano più convenienti dal punto di vista economico e generano lead, quindi interessati o clienti, con maggiori probabilità. Gran parte del lavoro consiste nell’evitare dispersioni. Ma come funziona?

  • Grazie all’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) aumentate le probabilità di essere trovati inserendo una determinata parola chiave (“keyword”) in un motore di ricerca.
  • La pubblicità sui motori di ricerca (SEA) posiziona annunci pubblicitari in modo conveniente e appropriato con lo scopo di ottenere una certa visibilità tra i risultati di un motore di ricerca. Queste inserzioni assomigliano ai risultati di ricerca organici e rimandano alla vostra presenza online.
  • Con l’Affiliate Marketing gli inserzionisti posizionano gli annunci su siti web rilevanti, in compenso il gestore di una pagina ottiene una provvigione, basata spesso sulla generazione di lead.
  • Il Content Marketing, chiamato anche Inbound Marketing, dovrebbe risvegliare l’interesse del target servendosi di contenuti redazionali. Se convincete i clienti grazie alla vostra competenza o al vostro humor o se vi presentate come una fonte attendibile, riuscite a conquistare la fiducia dei potenziali clienti e, nel migliore dei casi, li tenete legati a voi a lungo termine.
  • L’EMail Marketing è un buon mezzo per rivolgersi ai clienti in modo personale. Chi lascia volontariamente i propri dati di contatto probabilmente è interessato ai vostri servizi e contenuti.
  • La pubblicità con i banner consiste nel posizionarli su siti attinenti tematicamente, in modo da attirare i clienti con immagini a effetto e callto-action che indirizzano ai vostri servizi.
  • I social media aumentano il raggio d’azione, si prestano a modalità creative di coinvolgimento dei clienti nonché come piattaforme convenienti per le piccole aziende.
  • I contenuti multimediali stanno prendendo sempre più piede: chi realizza brevi video o podcast può anche puntare a raggiungere il settore Mobile.

Prima di ricorrere a uno di questi metodi di marketing, analizzate come i visitatori utilizzano il vostro sito web. Quanto tempo trascorrono gli utenti su determinate sottopagine? A quali temi o prodotti sono maggiormente interessati nel lungo periodo? Seguendo le normative imposte per legge e dopo aver raccolto il consenso dei visitatori, potete analizzare questi dati che vi forniscono informazioni sugli interessi e le peculiarità del vostro target.

Solo allora sarà utile pianificare una strategia di marketing di lunga durata. Utilizzate un mix di contenuti ben progettati, misure SEO, pubblicità efficaci su siti di terze parti e una presenza attiva sui social media. Queste strategie necessitano di tempo prima di dare frutti, ma molto probabilmente instaurerete un miglior rapporto con i vostri clienti.

Per consolidare il proprio raggio d'azione anche tra i clienti meno affini a Internet e in generale per far conoscere il vostro brand nel mondo reale, servitevi del marketing tradizionale. Grazie a codici QR, indirizzi web e hashtag rinviate alla vostra presenza online e la rendete nota. Il giusto mix di online e offline marketing aumenta la popolarità del vostro sito.

Misure SEO

L'ottimizzazione per i motori di ricerca mira a dare visibilità a una pagina web tra i risultati di un motore di ricerca, posizionandola nel miglior modo possibile. Ciò significa che se un potenziale cliente cerca una determinata parola chiave, dovrebbe ricevere una risposta utile che si posiziona il più in alto possibile nelle SERPs. Nel migliore dei casi si tratta del vostro sito web o di una sottopagina appropriata.

È particolarmente interessante per i servizi locali e i negozi il fatto che i potenziali clienti utilizzano sempre più dispositivi mobili per informarsi su offerte nelle vicinanze o fare acquisti pianificati. Grazie alla localizzazione le persone che vivono nei paraggi troveranno il vostro sito e la sede della vostra azienda. Adattate perciò i contenuti del vostro sito alla regione di pertinenza.

Consiglio

Volete essere trovati sia online che offline? Leggete tutto quello che c'è da sapere sulla localizzazione nel nostro articolo.

Indipendentemente che si tratti di localizzazione o di ottenere visibilità in generale, questi metodi SEO migliorano il ranking del vostro sito:

  • Strutturate il vostro sito web in maniera chiara suddividendolo per tematiche con una gerarchia delle pagine piatta.
  • Utilizzate URL brevi ed evocativi.
  • Collegate le sottopagine tra loro in maniera sensata tramite link.
  • Create un valore aggiunto per i vostri visitatori utilizzando testi, immagini e contenuti multimediali.
  • Fate attenzione a non prendere contenuti da altre pagine ("duplicate content", contenuto duplicato) per i vostri testi, poiché i plagi vengono penalizzati con un ranking peggiore!
  • Inserite le keyword nel testo nella giusta misura, nel migliore dei casi grazie a testi ben ricercati.
  • Date una struttura ai testi con titoli e inserite anche elenchi puntati o tabelle.
  • Le pagine web leggibili dai computer migliorano accessibilità del sito e ranking. Per ogni immagine scrivete titolo, alt text e didascalia ottimizzati con le keyword.
  • Trascrizioni di podcast, video con sottotitoli, linguaggio dei segni e descrizioni audio sono ulteriori misure di ottimizzazione.
  • I meta tag sono i primi elementi del vostro sito web che un utente vede quando fa una ricerca. Utilizzate il meta title e la meta description (insieme creano il risultato di ricerca mostrato, lo snippet) e i breadcrumbs (per facilitare la navigazione sulla pagina).

Fai SEO con rankingCoach di 1&1 IONOS!

Migliora il tuo ranking su Google ottimizzando il tuo sito web senza conoscenze tecniche!

Facile
Ideato per te
Supporto 24/7

In cima ai risultati di ricerca con la SEA

La pubblicità sui motori di ricerca o Search Engine Advertising è, come la SEO, un ambito del Search Engine Marketing (SEM), quindi una parte del marketing che si riferisce ai motori di ricerca. Mentre con la SEO cercate di posizionare il vostro sito web il più in alto possibile nelle SERPs di una ricerca, con la SEA investite in modo mirato in annunci pubblicitari che compaiono sopra, in mezzo o accanto ai normali risultati e vengono segnalati come annunci. La pubblicità rimanda a una pagina appropriata del vostro sito, detta landing page.

Gli obiettivi della SEA:

  • Attirare più visitatori grazie a una maggiore visibilità.
  • Aumentare il raggio d’azione del marchio per far conoscere il sito web.
  • Acquisire clienti e scoprire come invogliare il target all'acquisto.

Prima di attivare un annuncio in un motore di ricerca ricercate le parole chiave rilevanti per la vostra offerta. In questo caso è importante ciò che i potenziali clienti inseriscono nella ricerca quando ricercano informazioni, prodotti o servizi. Pianificate il budget per queste keyword: quanto può costare un annuncio per una determinata fascia di prezzo e un determinato tasso di conversione (dal clic alla vendita), senza incorrere in perdite?

Dopodiché fate un'offerta, automatizzata e in tempo reale, per posizionarvi tra le SERPs. Il leader del mercato Google mette a disposizione la piattaforma pubblicitaria “Ads”, ma anche Bing, Yahoo e altri motori di ricerca così come siti di terze parti offrono soluzioni per questo tipo di pubblicità.

La piattaforma pubblicitaria Google Ads (prima conosciuta con il nome di “AdWords”) risulta per molti esperti SEA il primo punto di partenza. Nella nostra guida trovate 5 consigli per la prima campagna con Google AdWords, grazie ai quali potete sfruttare al meglio questo strumento di marketing.

Pubblicità display: molto di più che una semplice pubblicità con banner

Il display advertising utilizza elementi grafici per invogliare l'utente a cliccare sulla pubblicità. Dopo aver cliccato sul link, l'utente arriva al sito (o a una landing page). Nella forma più semplice banner pubblicitari di questo tipo sono l'equivalente online dei manifesti, ma offrono molte più possibilità. La differenza con la SEA risiede soprattutto nel contenuto: la SEA utilizza il testo, mentre il display advertising utilizza anche immagini e video. Inoltre le misure SEA si limitano il più delle volte alle SERPs dei motori di ricerca. Gli annunci display fanno conoscere il vostro sito web in diversi modi:

  • Banner: immagine statica o dinamica; previste anche forme interattive con audio.
  • Popup: una nuova finestra che compare in primo piano quando l'utente fa qualcosa di preciso.
  • Popunder: una nuova finestra che si apre sullo sfondo.
  • Annunci layer: contenuti pubblicitari che appaiono sopra il contenuto della pagina.
  • Content ad: pubblicità banner integrata.
  • Native advertising: annunci pubblicitari che sono inseriti nei contenuti redazionali e appaiono credibili.
  • Video ad: annunci prima e durante gli streaming video.

Anche se la pubblicità con i banner continua a resistere bisogna pur sempre tenere conto del crollo dei prezzi e del conseguente flusso di banner pubblicitari che spingono alla così chiamata banner blindness (cecità al banner); successivamente sono stati lanciati sul mercato i primi programmi per bloccare gli annunci (ad blocker). Nel frattempo sono diventati più promettenti forme di pubblicità di qualità maggiore e meno vistose, come il native advertising. Inoltre con il Real Time Advertising e il Programmatic Advertising la pubblicità con i banner dovrebbe diventare sempre più automatizzata.

Aumentare il raggio d'azione e fidelizzare i clienti con i social media

Il Social Media Marketing è una forma di Inbound Marketing: qui è il cliente a raggiungere l'azienda, nel migliore dei casi per via dei contenuti accattivanti che gli vengono offerti. Ma sono anche le critiche a portare a un dialogo tra azienda e clienti sui social media. Il contatto diretto è un'opportunità per mostrare al cliente la vostra serietà.

Un altro vantaggio del Social Media Marketing è il raggio d'azione potenzialmente elevato grazie ai contenuti virali. Gli interessati mettono “Mi piace”, condividono o entrambi al contenuto: questo è un modo di puntare l'attenzione sulla vostra azienda tramite i contatti, i quali si trasformano in brand ambassador (“ambasciatori del marchio”). Per rendere noto il vostro sito web possono essere interessanti anche gli influencer, figure che dispongono di un notevole raggio d'azione.

Visto che anche in questo caso si tratta di contenuti, valgono le stesse regole che si applicano al Content Marketing. I contenuti con valore aggiunto dovrebbero seguire una strategia pianificatain linea con le altre misure. Dato che i social media vengono sempre più utilizzati dai dispositivi mobili, risulta efficace lo snackable content. Ovviamente qui potete anche suggerire dei contenuti con maggiori dettagli, presenti sul vostro sito web.

Anche i social media offrono spazio per la pubblicità, potete quindi rimandare a offerte presenti sul vostro sito o attivare annunci, adattandole a un target specifico per evitare dispersioni.

Newsletter Marketing: prendersi cura dei clienti inviando e-mail

Il Newsletter Marketing è una parte tradizionale del mix di marketing online. Fa parte del Direct Marketing, poiché si rivolge direttamente a singoli clienti. Al contrario di altri mezzi diretti di marketing, come i flyer, un'e-mail comprende il più delle volte una call-to-action. Il cliente a cui ci si rivolge dovrebbe reagire a questo invito: si tratta infatti di una misura di Dialogue Marketing. Esistono due forma di newsletter:

  • Le newsletter che arrivano regolarmente ai clienti (ogni settimana o ogni mese).
  • Le mailing list create in prossimità di occasioni particolari (festivi, sconti o nuove linee di prodotti).

Una sfida dell'E-Mail Marketing è farsi largo nella sovraffollata casella di posta del destinatario. Lo spam e le e-mail pubblicitarie di altri concorrenti rendono più difficoltoso prendere contatto con il cliente. Per poter attirare l’attenzione del cliente innanzitutto deve risaltare l'oggetto dell’e-mail. Naturalmente è importante anche il contenuto. Gli strumenti di analisi consentono di adattare le vostre newsletter alle esigenze e alle preferenze dei clienti. Come sempre il contenuto effettivo è quello che conta. Con una presentazione entusiasmante e accattivanti contenuti visivi manterrete viva l’attenzione del lettore, invogliandolo a proseguire nella lettura.

Tra i contenuti rilevanti potete inoltre inserire offerte interattive per i clienti. Tra questi ci sono suggerimenti a offerte speciali, temi attuali e contenuti di qualità che mettete a disposizione sul vostro sito.

Misurate come si modificano il numero di clic e le lead conversion generate dall'E-Mail Marketing e ottimizzate i risultati di conseguenza. Potete trovare tanti altri consigli utili sul tema Newsletter Marketing nel nostro articolo “Come fidelizzare i clienti inviando newsletter”.

E-mail Marketing con 1&1 IONOS

Con l’e-mail marketing hai una possibilità 40 volte superiore di acquisire nuovi clienti rispetto a un post sui social media. Provalo ora!

Gestisci i contatti
Crea le e-mail
Supporto 24/7

Offline marketing: una risorsa da non sottovalutare

L'offline marketing può comprendere molti ambiti: utilizzatene le possibilità per far conoscere la vostra azienda e rimandare al vostro sito web. Tutti i mezzi pubblicitari (biglietti da visita, flyer, stand in fiera, regali ai clienti, fatture ufficiali, ecc.) presentano il nome della vostra azienda, con indirizzo e numero telefonico. Aggiungete queste informazioni anche sul vostro nuovo dominio.

Ancora, potete combinare tra loro le misure online e offline. Sempre più di frequente i cartelloni dispongono di codici QR, scannerizzati dai passanti interessati che arriveranno alla landing page sul vostro sito web. Si possono realizzare sondaggi, giochi a premio e offerte speciali, oltre che pensare a soluzioni di marketing più creative. Ad esempio sempre online potete incitare quante più persone possibile a prender parte a un flash mob i cui temi rispecchino i vostri valori aziendali; questa azione offline può anche essere adottata online per i vostri contenuti sui social media.

Conclusione

Ci vuole tempo per far conoscere il proprio sito e sono necessari sia il marketing strategico che una presenza sul web ben architettata tecnicamente. Lunghi tempi di caricamento e una navigazione complessa del sito scoraggiano facilmente i primi visitatori. Ampliate più rapidamente il vostro raggio d'azione servendovi di misure pubblicitarie attive, come la SEA e il display advertising.

Ma un successo permanente lo si ottiene solo con una buona strategia SEO e contenuti rilevanti per il vostro target. Per via del gran numero di siti nel World Wide Web non è facile farsi largo tra le mille proposte. Aiutano però un po' di pazienza, il networking e contenuti entusiasmanti.


Un momento! Prima di lasciarci scopri
la nostra offerta per il rientro dalle ferie:
dominio .it a 1 € per il primo anno!

Primo anno a 1 € IVA escl.,
poi 10 €/anno IVA escl.

Inserisci il dominio desiderato nella barra di ricerca per verificarne la disponibilità.