Creare un sito web in arrivo e utilizzarlo correttamente

Se il vostro sito web è ancora in costruzione, il vostro dominio può comunque rimanere online e offrire contenuti. Con un sito web “in arrivo” potrete promuovere la vostra prossima pagina sul web. Un sito “in manutenzione” è altresì utile per i lavori di manutenzione. Questo articolo vi illustra cosa occorre tenere presente durante la progettazione e l’impostazione di pagine di questo tipo.

Registrazione dominio

Più di un semplice nome.

Registra il tuo dominio con IONOS e approfitta di tutte le nostre funzionalità.

E-Mail
SSL Wildcard
Supporto 24/7

Qual è la funzione di una pagina in manutenzione o in arrivo?

Spesso passano molte settimane o addirittura mesi dalla registrazione di un dominio al lancio di un sito web. Tuttavia, creare un sito “in arrivo” vi permette già di registrare l’URL su Google, di farlo indicizzare e di informare i visitatori sui vostri piani. Ad esempio, potete comunicare che sarà presto operativo un nuovo negozio online, un blog o un sito web aziendale. In questo modo suscitate la curiosità degli utenti, fate conoscere il vostro sito e offrite ai visitatori un motivo per tornare. Nei paragrafi sottostanti vi spieghiamo le dinamiche nel dettaglio.

Se una pagina non è in costruzione ma è in fase di aggiornamento, la homepage è “in manutenzione”: la pagina corrispondente ha una struttura simile e svolge una funzione analoga al sito “In arrivo”. In questo caso, tuttavia, lo scopo non è tanto quello di incuriosire i visitatori, ma di informare i clienti esistenti sul motivo per cui al momento non è possibile usare il sito come di consueto e sulla duratadell’interruzione.

Consiglio

Registrate il dominio desiderato e allestite il vostro sito web in tutta semplicità con l’editor per la creazione di siti web di IONOS o con WordPress.

Impostare il sito web in costruzione: scoprite come fare

Se state realizzando un sito web completamente nuovo, potete semplicemente creare una nuova pagina per il sito “in arrivo”, progettarla e impostarla come homepage. Non appena tutto il contenuto sarà pronto, dovrete semplicemente sostituire questa pagina con la pagina iniziale corretta.

Elementi chiave di un sito web in arrivo

Purtroppo, il potenziale che offre un sito web in arrivo spesso non viene utilizzato correttamente. Mostrare il messaggio “Sito in costruzione” associato alla foto di un cantiere non è sbagliato, ma non suscita curiosità né dà all’utente un motivo per tornare a visitare il sito. In questo modo perdete anche un’occasione preziosa per presentarvi in anticipo.

È meglio usare la pagina “in arrivo” con i contenuti o gli elementi descritti di seguito.

Presentare voi stessi, la vostra azienda o la vostra idea

Cosa succederà in futuro sul vostro sito web? Le informazioni che fornite qui non devono essere dettagliate come quelle della pagina “Chi sono” o “Chi siamo”; devono piuttosto dare un’idea di ciò che gli utentipossonoaspettarsi in futuro. Nel caso di un “sito in manutenzione”, spiegate il motivo delle operazioni di manutenzione, che ad esempio potrebbero essere dovute a un rilancio o semplicemente alla necessità di smaltire lo stock per la prossima stagione. Quest’ultima ragione è di carattere più ludico, poiché spiega in modo simpatico che la pagina non è attualmente disponibile (indipendentemente dal motivo reale).

Consiglio

Blog, sito web aziendale o negozio online: quanto costa un sito web e quali fattori influenzano i costi?

Stabilire la vostra identità aziendale

Vi consigliamo di inserire sulla pagina almeno il logo o il nome dell’azienda. Nel migliore dei casi, colori, caratteri e altri elementi di design che è possibile usare sul sito web in arrivo sono già definiti. In questo modo, trasmettete già un’impressione visiva della vostra futura presenza sul web.

Comunicare quando sarà terminata la costruzione del sito web

Il metodo classico consiste nel mostrare un conto alla rovescia fino al lancio effettivo o al ripristino del funzionamento normale. Tuttavia, ciò pone il problema di dover rispettare la scadenza e, se non si riesce a farlo, si rischia di deludere i clienti. Se necessario, indicate il termine della fase di manutenzione in modo più generico, ad esempio “ad agosto”, “in autunno” oppure “alla fine dell’anno”. Avrete così più flessibilità. È anche possibile mostrare un avviso: gli utenti inseriscono il loro indirizzo e-mail e vengono informati per iscritto non appena il sito torna a essere attivo.

Integrare le opzioni di contatto attuali

Create un link con un modulo di contatto esistente, lasciate un indirizzo e-mail o un numero di telefono e, se pertinente, inserite link a profili social (purché offrano già contenuti disponibili).

Raccogliere abbonati alla newsletter

Una misura altrettanto popolare sui siti web in arrivo è l’inserimento di un’iscrizione alla newsletter, a seconda del tipo di sito web, unita alla promessa di sconti per i primi iscritti. È anche possibile inviare sconti prima del lancio del sito o durante le operazioni di manutenzione. In alternativa, potete sfruttare l’imminente lancio per un primo contatto via e-mail.

Lo stile giusto per la vostra pagina in arrivo

Oltre alle funzioni e al contenuto, una pagina “Sito in costruzione” o “in manutenzione” degna di nota dipende dallo stile di scrittura. A seconda del tono della vostra azienda e del target, a volte è più adatto uno stile spiritoso e rilassato, altre un tono oggettivo e concreto. Nel migliore dei casi, dovreste stabilire un legame con il tema del vostro sito web, come nell’esempio sopra menzionato del negozio online e dello stock da smaltire.

Se vendete mobili online, un’idea potrebbe essere quella di scrivere “La nostra arredatrice d’interni sta misurando di nuovo il nostro negozio online per assicurarsi che tutti i mobili possano davvero entrarci”. Se gestite un ristorante, una frase appropriata potrebbe essere “Stiamo attualmente riscrivendo il nostro menu” o “Stiamo lavorando alla creazione di primi piatti squisiti con un tipo di pasta speciale del nord Italia e vi chiediamo di avere po’ di pazienza finché non saranno pronti”.

Consiglio

Con IONOS potete anche creare e ottimizzare un negozio online in modo semplice e conveniente.

Tre esempi di un sito web in arrivo ben riuscito

Presentazione aziendale umoristica

Conto alla rovescia e newsletter

Chatbot

Consiglio

Non siete portati per il web design? Se questo è il caso, potete commissionare la creazione del vostro sito con il servizio MyWebsite Design Service.

Per quanto tempo un sito web può essere in fase di costruzione?

Se si tratta di un sito web completamente nuovo, si può teoricamente lasciare il sito web in arrivo attivo per il tempo desiderato. La situazione, invece, è po’ diversa per un sito “in manutenzione”. In questo caso è bene che il periodo di manutenzione sia il più breve possibile, di qualche giorno o di una settimana al massimo. In ogni caso, se è stata comunicata una data di termine occorre rispettarla, altrimenti darete subito ai visitatori del sito l’idea di non essere affidabili.

Cosa occorre considerare per la SEO e i siti web in manutenzione?

Sebbene l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) sia irrilevante per un sito web in arrivo (dopo tutto, Google non ha ancora indicizzato alcun contenuto), questa costituisce un grande problema per una homepage in manutenzione. Se il crawler passa sul sito in manutenzione e non trova nulla eccetto la pagina in manutenzione, il motore lo interpreta come un segnale negativo e svaluta il sito nel ranking. Operazioni di manutenzione ripetute e prolungate possono avere un considerevole impatto negativo, una ragione in più per ridurle al minimo, poiché ciò minimizza il rischio che il crawler “passi” esattamente in quel momento.

Consiglio

Utilizzate la SEO locale e l’offerta di IONOS List Local per migliorare il posizionamento del vostro sito web a livello regionale. Potete monitorare il vostro successo con il rankingCoach di IONOS in tutta facilità.


Abbiamo una proposta per te:
Web hosting a partire da 1 €/mese!

Dominio gratis
Certificato SSL Wildcard incluso
Assistenza clienti 24/7
A partire da 1 €/mese IVA escl. per un anno,
poi 8 €/ mese IVA escl.